Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Kike Maíllo • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Un noir a colori è molto interessante"

di 

- Toro è il titolo del thriller con cui Kike Maíllo inaugura, fuori concorso, la sezione ufficiale del 19° Festival del Cinema Spagnolo di Malaga

Intervista: Kike Maíllo  • Regista

Protagonisti tre grandi nomi quali Luis Tosar, Mario Casas e José SacristánToro [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Kike Maíllo
scheda film
]
 è stato girato nei paesaggi costieri andalusi per raccontare una storia di violenza, corruzione e legami familiari.

Cineuropa: Con Toro c'è l'intenzione di fare un film diverso dal solito, sia esteticamente che narrativamente?
Kike Maíllo: Il film ha preso carattere man mano che andavamo avanti. C'è stato un momento decisivo, tra la seconda e la terza versione della sceneggiatura, in cui abbiamo fatto in modo che il film prendesse corpo, si tingesse di sud, acquisisse un sapore andaluso... senza perdere però il suo carattere di finzione un po' pulp, con questo carisma di personaggi sui generis, quasi disegnati: non volevo perdere questo lato del film. Mi piaceva che l'elemento ispanico fosse molto presente, quasi in modo semiotico, ma senza che fosse un film grossolano solo perché parla di bassifondi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Avranno paragonato il tuo film a Solo Dio Perdona [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
 per l'uso dei colori...
Ciò ha a che fare con il Postmodernismo. Sì, c'è un uso molto saturo del colore nel film di Nicolas Winding Refn, raggiungendo così una dimensione internazionalista: succede in Oriente, ma potrebbe essere ovunque. È qualcosa che abbiamo preso in modo molto naturale: si possono spiegare le brutalità della geometria tramite il colore, l'ordine e la saturazione. È come capovolgere il genere: il fatto che il noir sia a colori lo rende molto interessante.

Torni a parlare, dopo Eva [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, del rapporto particolare tra adolescenti e adulti.
C'è qualcosa del testimone: mi interessa la pedagogia, come funzionano i rapporti quando i figli non sono quelli tuoi biologici, come si eredita il carattere, il modo di essere o la conoscenza. Ho studenti da 16 anni e si nota, immagino...

Hai utilizzato anche immagini religiose, in contrasto con l'high tech...
C'è una convivenza tra l'Europa tradizionale e quella ultra attuale. La religione spiega inoltre com'era cresciuto il personaggio di José Sacristán e il modo in cui lo vedono, come un pater familias, qualcuno di importante per il quartiere: è un modo per spiegare come funziona questa crescita. Non credo che Romano, il suo personaggio, sia particolarmente credente o pio: è solo innamorato della liturgia e dell'immaginario religioso.

Girare un film di violenza e azione: è stata un'ulteriore difficoltà ed eri fuori dalla tua zona di comfort?
Mi piace uscire dalla zona di comfort: il mio prossimo film sarà un musical, perché mi piace girare cose che mi è piaciuto vedere al cinema. I momenti più emozionanti di Toro sono stati i colpi, le auto e le corse: isoli le sequenze, le studi, le rendi tridimensionali... diventando così qualcosa di tecnico. Alla fine è più complicato riuscire a far spiegare il film da uno sguardo, una luminosità o una reazione in un momento culminante: questa magia, che si verifica solo con gli attori e non può essere preparata a casa, se si crea, non può esserci. Queste sono le scene più complicate, sempre.

(Tradotto dallo spagnolo)

photogallery

titolo internazionale: Toro
titolo originale: Toro
paese: Spagna
rivenditore estero: Film Factory Entertainment
anno: 2016
regia: Kike Maillo
sceneggiatura: Rafael Cobos, Fernando Navarro
cast: Mario Casas, Claudia Vega, Luis Tosar, José Sacristán, Ingrid García Jonsson, José Manuel Poga, Nya de la Rubia, Ignacio Herráez, Manuel Salas

premi/partecipazioni principali

Málaga Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250