Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Arthur Harari • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"La luce non può esistere senza lati molto profondi ed oscuri"

di 

- Director Talk ha incontrato Arthur Harari per parlare del suo film, Dark Inclusion come parte del Rendez-Vous with French Cinema a New York

Intervista: Arthur Harari  • Regista
(© Paul Grandsard)

Dark Inclusion [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Arthur Harari
scheda film
]
di Arthur Harari è un film noir perfettamente in stile con colori accesi, con interpretazioni avvincenti e una colonna sonora inquietante. Entra sotto la pelle in un modo in cui solo un noir può. Director Talk ha incontrato il regista per parlare del suo film come parte del Rendez-Vous with French Cinema a New York.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Director Talk: Ha scelto di girare a colori, ma ha giocato soprattutto con la luce, elemento cruciale del noir. Come ha gestito la luce nel film? Ha voluto far risaltare la luce del film?
Arthur Harari: Mio fratello, che ha tre anni in più di me, è stato il direttore della fotografia. Lavoriamo sempre insieme, e abbiamo lavorato a stretto contatto per preparare Dark Inclusion. Volevamo avere una personalità d'immagine molto forte per questo film. Non abbiamo pensato alla luce come concetto, ma ovviamente lo è, e poiché il diamante è fatto principalmente di luce, e la sceneggiatura prevedeva lo scolpire la luce, passo dopo passo, abbiamo capito che era anche una metafora perfetta per il cinema, così come una ricerca della verità.

Volevamo creare qualcosa di diverso da quello che si vede di solito nei film francesi e anche da ciò che io e mio fratello avevamo fatto prima, quindi è stato molto divertente sperimentare in questo modo. Non sapevamo come sarebbe in realtà venuto fuori il film finché non siamo stati alla fine della postproduzione, come durante la ricerca di colori davvero vivaci, di un'atmosfera molto densa, e di quest'illuminazione molto forte. Naturalmente la luce non può esistere senza ombre e senza lati molto profondi e oscuri, cosa che è anche uno dei temi del film.

Il commercio di diamanti ad Anversa era alla base della sceneggiatura, o l'ha dovuto inserire?
Ho scoperto questo contesto mentre lavoravo alla sceneggiatura; prima di allora, non ne sapevo nulla. All'inizio, il film non doveva essere ambientato lì. Volevamo fare un film in una città svizzera in cui fanno orologi di lusso. È un posto molto interessante perché è in mezzo alla neve, in montagna, ma all'inizio del progetto, qualcuno leggendo le prime pagine ha detto: "C'è questo posto incredibile ad Anversa che non è mai stato usato come set per un intero film - il quartiere dei diamanti." Avevo solo immagini o fantasie sul posto, con ebrei molto ortodossi, ma in realtà è un posto molto più vario e complesso. Naturalmente, quando abbiamo scoperto che negli ultimi vent'anni gli indiani hanno acquisito sempre più importanza ad Anversa e nel mercato dei diamanti mondiale nel suo complesso, è stato molto interessante per noi perché era un modo per rompere completamente i luoghi comuni su questo posto e sul tema del settore dei diamanti. Per quanto riguarda il mio personaggio - uno straniero che arriva in quest'ambiente, questa famiglia, questa città, e man mano viene sorpreso dalla sua famiglia, dai diamanti, dal mondo, perché quando va in India capisce che è qualcosa che non avrebbe mai potuto immaginare da dove aveva iniziato.

Perché noir?
La risposta è molto semplice: mio fratello maggiore ed io abbiamo scoperto il cinema attraverso il noir. Quando avevo nove o dieci anni, c'era una vasta retrospettiva sui film della Warner Brothers a Parigi, ed ero incredibilmente affascinato da Humphrey Bogart e da tutto il resto. Era come essere in un altro mondo, e volevo essere come quegli eroi. Ho sviluppato una vera passione per questo genere. Naturalmente più tardi, quando ho deciso davvero di fare film e di studiare cinema all'università, ho visto un sacco di film diversi, di diverse nazionalità e cinematografie. Ho scoperto il cinema francese, la Nouvelle Vague, ma il noir è rimasto come un primo amore.

Nell'utilizzo della musica, era consapevole del fatto che fosse un noir, e ciò ha condizionato le sue scelte?
Sì, certo ma, ripeto, la mia idea non era quella di essere nel luogo comune di ciò che ci si poteva aspettare da questo tipo di colonna sonora. Prima di scegliere di lavorare con Olivier Marguerit, ho incontrato Raf Keunen, un compositore belga che ha curato la colonna sonora di Bullhead [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bart Van Langendonck
intervista: Michaël R. Roskam
scheda film
]
. Ha grande talento, ma proponeva un'orchestrazione in grande. Temevo che il mio film potesse essere schiacciato dalla musica e in un modo molto da cliché. Così ho deciso di lavorare con Olivier, che è un cantante pop, un compositore e un musicista folk, ed ha anche un grande talento per la composizione classica. Avevo un tema musicale in testa da due anni mentre scrivevo la sceneggiatura, cioè il tema principale, così l'ho fischiettato prima a mio fratello, che è anche un musicista, e poi si è registrato mentre lo suonava alla chitarra fischiettandolo. Ho dato la registrazione a Olivier, e ci ha lavorato, mantenendo il tema e aggiungendone altri due per creare il contrappunto.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Dark Inclusion
titolo originale: Diamant noir
paese: Francia, Belgio
rivenditore estero: Films Distribution
anno: 2016
regia: Arthur Harari
sceneggiatura: Arthur Harari, Vincent Poymiro, Agnès Feuvre
cast: Niels Schneider, August Diehl, Han-Peter Cloos, Raphaële Godin, Guillaume Verdier, Hilde Van Mieghem, Abdel Hafed Benotman, Raghunath Manet, Jos Verbit

premi/partecipazioni principali

Premiers Plans Festival d'Angers 2016
Premio speciale della giuria
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250