Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Tomasz Wasilewski • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Il comunismo è una delle cose peggiori che è capitata al mondo"

di 

- BERLINO 2016: Per la prima volta in competizione alla Berlinale, Tomasz Wasilewski parla del suo film, premiato per la Migliore Sceneggiatura, United States of Love

Intervista: Tomasz Wasilewski  • Regista

Per la prima volta concorrente alla Berlinale, Tomasz Wasilewski è arrivato a Berlino da novizio e se n'è andato da vincitore con United States of Love [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tomasz Wasilewski
scheda film
]
, la sua storia su tre donne che soffrono di crolli emotivi e nervosi in seguito all'era comunista polacca, che gli è valso il Premio alla Miglior Sceneggiatura.

Cineuropa: Probabilmente lei era solo un ragazzino negli anni '90, quindi cosa l'ha spinta a tornare a quel periodo con una storia così altamente emotiva?
Tomasz Wasilewski: Ad un certo punto ho iniziato a pensare ai miei genitori e alle scelte che i miei genitori avevano a disposizione alla mia età - a quel tempo, avevano cinque anni più di me adesso. Quando ho iniziato a parlare con loro di quel periodo, della fine del comunismo, mi sono reso conto che avevano scelte totalmente diverse, una vita totalmente diversa da quella che ho io. Questo mi ha spinto a tornare a quel tempo, ma senza usare la politica, perché non ricordo la politica di quel periodo. Ricordo solo le persone che mi circondavano mentre crescevo. E sono queste che ho voluto ritrarre, insieme con le poche scelte di vita a loro disposizione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cosa l'ha spinta a mantenere il suo punto di vista così femminile?
Nei miei film, in generale, le donne mi interessano di più. Penso che abbiano così tanti strati che, come regista, potrei immergermi e nuotare per 100 anni senza mai finire di esplorarli. In merito a questo film in particolare, mi ricordo di quest'epoca solo attraverso gli occhi delle donne. Dopo il crollo del comunismo, mio ​​padre lasciò la Polonia per andare a New York per alcuni anni, in modo da guadagnare un po' di soldi per comprare alla mia famiglia un appartamento a Varsavia - credeva fosse l'unico modo per garantire un futuro migliore a me e mia sorella. E aveva ragione. Così è partito, proprio come il marito di uno dei miei personaggi, che si è trasferito in Germania occidentale. In realtà, nella scena in cui guardano il video su di lui, quello è uno dei nastri VHS originali che mio padre ci inviava. Ciò accadeva in molte famiglie - molti uomini partivano, ed io restavo a casa con mia madre e mia sorella maggiore. E c'erano tutte queste donne, le amiche di mia madre, le amiche di mia sorella; erano il mio unico ambiente a casa. Così mi ricordo quel tempo di transizione solo attraverso gli occhi delle donne.

Come si è unito Oleg Mutu? Voleva lavorare con lui da un po', giusto?
Sì, da molto prima che facessi il mio primo film! Dopo aver visto 4 Mesi, 3 Settimane, 2 Giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
, sono uscito dal cinema sentendomi completamente devastato, e sapevo che avrei dovuto lavorare con lui. Così, mentre preparavo questo film, sono entrato in possesso del suo numero di telefono, l'ho chiamato e ho detto: "Ciao, sono un regista polacco; ti andrebbe di lavorare con me?" Lui riceve almeno una di queste chiamate al giorno, ma ha risposto, "Ok, mandami la sceneggiatura", cosa che ho fatto, e la settimana dopo ha richiamato e ha detto, "Mi piace molto la storia e il modo in cui vuoi realizzarla." E grazie ad essa, abbiamo scoperto di essere interessati alle stesse cose in fatto di cinema; era quasi la mia metà cinematografica! Quando abbiamo lavorato insieme, è stata la prima volta che ho sentito così chiaramente di star costruendo questo mondo insieme, all'unisono. Ed è anche una gran brava persona, e si vede sullo schermo. Ama la gente e sa come guardarla, e questo è importante perché non si può essere un buon direttore della fotografia se si è una persona cattiva.

Il suo film ha una tavolozza inconfondibile, priva di colore allo stesso modo in cui la vita dei suoi personaggi sembra priva di gioia. O è una sorta di filtro nostalgico?
Il modo in cui l'abbiamo affrontato è stato crescere entrambi circondati dal comunismo, ma in diversi Paesi. E l'importante per me non era solo avere il punto di vista polacco sul comunismo, ma raccontare la sensazione del comunismo in generale. Perché non era solo una cosa polacca; era un regime presente in mezza Europa. Così ne abbiamo parlato e capito che non avevamo alcun colore nei nostri ricordi di quel tempo. Quindi ci siamo detti: "Ok, raccontiamola come ce la ricordiamo." Ma no, non ho nostalgia di quel tempo. Crescere in un luogo chiuso in cui non si hanno opportunità... Il comunismo è una delle cose peggiori che è capitata al mondo.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: United States of Love
titolo originale: Zjednoczone Stany Miłosci
paese: Polonia, Svezia
rivenditore estero: New Europe Film Sales
anno: 2016
regia: Tomasz Wasilewski
sceneggiatura: Tomasz Wasilewski
cast: Magdalena Cielecka, Marta Nieradkiewicz, Dorota Kolak, Julia Kijowska, Andrzej Chyra

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Concorso - Orso d'argento della miglior sceneggiatura
La Rochelle International Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250