Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Ralitza Petrova • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Il mio obiettivo è padroneggiare il più possibile quello che io chiamo cinema 'haiku'"

di 

- LOCARNO 2016: La regista bulgara Ralitza Petrova parla della sua opera prima vincitrice del Pardo d'Oro, Godless, ma anche del cinismo e dell'apatia sociale del suo Paese

Intervista: Ralitza Petrova  • Regista
(© Alessio Pizzicannella)

Il vincitore del Pardo d'Oro al Locarno Film Festival 2016, Godless [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ralitza Petrova
scheda film
]
, dimostra che la Bulgaria offre risorse illimitate di impressionante talento: storia cupa di come gli anziani del Paese sono sfruttati dagli squali della società, quest'opera prima utilizza risorse minime per raccontare una storia efficace e persistente. La regista Ralitza Petrova ha parlato con Cineuropa del suo approccio narrativo, ma anche di questioni sociali e creative in Bulgaria.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Fin da quando ha avuto in mente l'idea di Godless, qual è stata la sfida più grande che il progetto le ha presentato in quanto narratrice?
Ralitza Petrova: Come possedere la verità emotiva della storia, e come mantenere l'autenticità di ogni personaggio e situazione del film, con la massima economia. Il mio obiettivo è padroneggiare il più possibile quello che io chiamo cinema "haiku". Credo che la tensione emotiva di un film derivi dal netto contrasto tra elementi opposti, come nella poesia haiku. Richiede una riduzione molto precisa delle cose alla loro vera essenza.

Ha scelto di utilizzare molti attori non professionisti per Godless. Perché?
Ritengo che un non-attore la cui vita è simile a quella del personaggio della storia aggiunga profondità al film. Godless racconta il dolore emotivo della società bulgara, ed è stato molto importante per me mostrare quel dolore impresso sui volti degli attori. C'è più significato nel loro silenzio di ciò che sarei stata in grado di estrarre da un attore o attrice di medio livello nell'atto di interpretare un'idea. Mi interessa osservare la gente "essere" e non solo "apparire". Dipende anche dal tipo di storia. Questa è una storia austera, e con quest'approccio sono stata in grado di creare più tensione. 

Crede che quest'aspetto della società bulgara, cioè che alcuni individui si approfittano dei deboli, sia molto diffuso?
Purtroppo, il cinismo e l'apatia si sono profondamente radicati nella società bulgara. Il crollo dei valori ha portato al completo fallimento del funzionamento del Paese. Il sistema giudiziario è ridicolo, una pedina nelle mani di criminali con i soldi. La gente non crede più nella legge, nella polizia e nei servizi sociali, poiché non offrono alcuna protezione. Questa mancanza di fiducia erode il coraggio e la sicurezza di sé della gente. Erode l'intuizione della gente per ciò che è giusto, poiché sembra che tutto sia consentito - anche l'omicidio.

Nel corso degli ultimi anni, due milioni di bulgari hanno lasciato il Paese. Tutte queste persone avrebbero preferito rimanere ma non riuscivano a vedere alcuna prospettiva per il proprio sviluppo. È molto doloroso assistere a tutto ciò. Io stessa ho lasciato il Paese negli anni '90. Mi addolora vedere che la situazione odierna sia molto simile alla mia per la nuova generazione. Eppure, la mia speranza è riposta in chi resta, in chi, nonostante tutto, parla bene, fa bene e lavora sodo. 

Quant'è difficile debuttare come regista in Bulgaria?
Ho avuto la grande fortuna di avere una delle produttrici più affermate in Bulgaria, Rossitsa Valkanova, a cui piaceva il progetto e l'ha seguito fin dalla fase iniziale. In questo senso, non ho avuto difficoltà con il debutto. Sono particolarmente grata per il tipo di produttrice che è Rossitsa, che non spinge un regista a scendere a compromessi con la propria visione per il bene della produzione o delle vendite. Detto questo, la produzione è stata estremamente impegnativa, ma siamo rimasti tutti uniti, e credo di aver ricevuto delle soddisfazioni dal lavoro. 

Essere una regista donna rende le cose più difficili? Cosa pensa del rapporto tra i giovani registi e il National Film Center, dato che il supporto del Centro è fondamentale per la realizzazione di un film?
È difficile per i nuovi registi. Non solo per lo status quo al National Film Center e al Ministero della Cultura, che non cambia da anni; la mia più grande preoccupazione è la mancanza di dialogo tra le generazioni, ed essenzialmente la mancanza d'interesse nel coltivare nuovi talenti e nuove idee. Molti giovani registi in Bulgaria concorderebbero sul fatto che Rossitsa Valkanova è probabilmente l'unica produttrice che ha passione e interesse nei confronti della nuova generazione. Le persone che spesso finiscono nei comitati di selezione sembrano riluttanti ad accettare che i tempi cambiano, come anche le storie e la narrazione.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Godless
titolo originale: Godless
paese: Bulgaria, Danimarca, Francia
rivenditore estero: Heretic Outreach
anno: 2016
regia: Ralitza Petrova
sceneggiatura: Ralitza Petrova
cast: Irena Ivanova, Ventzislav Konstantinov, Ivan Nalbantov, Alexandr Triffonov, Dimitar Petkov

premi/partecipazioni principali

Festival del film Locarno 2016

Concorso internazionale
Sarajevo Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

WTW My Sweet Pepperland IT
ArteKino