Scegli la lingua en | es | fr | it

Video: Arnaud des Pallières • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

Intervista

Arnaud des Pallières • Regista

mp4 (640x360) [48873 kb]

Copia ed incolla il codice nel tuo html per inserire il video:

- Incontro al Brussels Film Festival con il regista francese e la sua co-sceneggiatrice Christelle Berthevas.

Dopo la prima mondiale di Michael Kohlhaas [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Arnaud des Pallières
festival scope
scheda film
]
in concorso al Festival di Cannes 2013, Cineuropa ha incontrato il regista francese Arnaud des Pallières e la sua co-sceneggiatrice Christelle Berthevas al Brussels Film Festival, dove il lungometraggio si è aggiudicato quattro premi, tra cui l'Iris d'oro del Miglior film e il Premio Cineuropa.

Cineuropa: La storia è incredibile: mentre l'esercito di Michael Kohlhaas è vincente e ha la possibilità di prendere il potere con la forza, egli vi rinuncia in cambio della semplice riparazione di un torto.
Arnaud des Pallières: Questa è la storia come la racconta Kleist. Forse è proprio questo avvenimento che ha fatto sì che non dimenticassi questo testo in 25 anni. E' per quel momento lì che ho voluto adattarlo. Nel libro, il passaggio occupa una riga, ma non lo dimenticherò mai.

Come ha proceduto per adattare il testo originale di Heinrich von Kleist?
Christelle Berthevas: Per la scrittura ci sono voluti due anni e mezzo, a quattro mani. E' stato un lavoro lungo. Ci sono voluti innanzitutto quattro mesi di ricerche storiche per poter trasporre la storia in Francia. Questo lavoro è servito ai costumi e alla scenografia.

A.d.P: Dal punto di vista degli eventi, non abbiamo aggiunto nulla alla storia di Kleist. In compenso, abbiamo aggiunto e modificato i personaggi.

C.B: Kleist si è ispirato a un fatto di cronaca per farne un libro. Noi abbiamo fatto l'opposto. Abbiamo asciugato il libro per mantenere solo il fatto di cronaca: questo mercante trattato in modo ingiusto. Abbiamo tagliato tutta la riflessione sul sistema giudiziario dell'epoca per mantenere solo l'essenza delle sue peripezie. Abbiamo tagliato alcuni elementi del libro, come la chiromante, personaggio che apporta una presenza femminile in un libro dominato dagli uomini. Per ritrovare lo stesso equilibrio nella sceneggiatura, abbiamo rimpiazzato il figlio di Kohlhaas con una ragazza e il principe tedesco con Marguerite d’Angoulême.

Come ha cercato l'attore adatto per interpretare il ruolo di Michael Kohlhaas?
A.d.P: Ci sono volute 11 settimane. Cercavo qualcuno che portasse nella sua silhouette e nei suoi tratti la straordinarietà di Kohlhaas e che potesse presentarlo in un solo colpo d'occhio all'inizio del film, qualcuno fuori dal comune e che, nella sua secchezza, il suo rigore, il suo fuoco interiore, si situasse tra il Jacques Dutronc del Van Gogh di Maurice Pialat e il Clint Eastwood di trent'anni fa. Ho suggerito questi elementi alla mia direttrice casting. Dopo qualche tentativo, abbiamo realizzato che non avremmo trovato tutto questo in un attore francese. Abbiamo allora pensato all'italiano Kim Rossi Stuart, che aveva il vantaggio di parlare francese, ma che non era disponibile. La mia direttrice casting mi ha quindi parlato di Mads Mikkelsen che all'epoca non era conosciuto in Francia, ossia prima di A Royal Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nikolaj Arcel
scheda film
]
e Il sospetto [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Thomas Vinterberg
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
. Lo abbiamo incontrato a Copenhagen con il nostro produttore, ed è rientrando a Parigi che ho visto per la prima volta il manifesto di Valhalla Rising [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
. D'un colpo, ho passato in rassegna tutta la sua filmografia fino a Pusher (1996), che mostrava ciò che di più spettacolare aveva la sua recitazione. Ma mi sono veramente deciso con After the Wedding [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Sisse Graum Jørgensen
intervista: Susanne Bier
scheda film
]
di Susanne Bier, dove ho visto che poteva essere chiunque, un uomo capace di dolcezza e di discrezione. Aveva una gamma davvero ampia. E aveva recitato in un film francese, Coco Chanel & Igor Stravinsky [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, quindi poteva recitare in più lingue, faceva film grandi e piccoli, e aveva l'aria avventurosa. Gli abbiamo mandato la sceneggiatura in inglese e lui ha risposto subito dopo dicendo che era molto interessato.

Le vendite del film hanno beneficiato della sua esposizione al Festival di Cannes?
Sorprendentemente, il film è stato ben venduto anche prima di Cannes. Un certo numero di territori hanno preso il rischio di acquistarlo già dalla sceneggiatura e sapendo che Mikkelsen ne era il protagonista, come l'Australia, la Germania, perché c'è una coproduzione, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti.

photogallery

titolo internazionale: Michael Kohlhaas
titolo originale: Michael Kohlhaas
paese: Francia, Germania
rivenditore estero: Les Films du Losange
anno: 2013
regia: Arnaud Des Pallières
sceneggiatura: Christelle Berthevas, Arnaud Des Pallières
cast: Mads Mikkelsen, David Bennent, David Kross, Bruno Ganz, Denis Lavant, Sergi López, Amira Casar, Paul Bartel

premi/partecipazioni principali

Cannes 2013 In concorso
Paris Cinéma 2013 
Brussels Film Festival 2013 Cineuropa Prize
Film by the Sea Film Festival 2013 
Rio de Janeiro International Film Festival 2013 
Hawaii Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

EFA

Newsletter

Bridging_the_dragon_Home
ArteKino