email print share on facebook share on twitter share on google+

DISTRIBUTION Italie

18 nouveaux grands titres pour 01 Distribution

par 

- En italien: Salvatores, Garrone et Moretti au line-up du second semestre de la branche de distribution de RAI Cinema, qui a atteint une part de marché de 15,3%

18 nouveaux grands titres pour 01 Distribution
Mia Madre de Nanni Moretti

Cet article est disponible en italien.

Nei 6 mesi dall’inizio dell’anno 01 Distribution ha raggiunto la seconda posizione nella top ten dei distributori che operano in Italia, con una quota di mercato del 15,3%. L’incasso totale della società è stato di 44,4 milioni di euro, mentre le presenze hanno registrato i 7,2 milioni. L’amministratore delegato di RAI Cinema Paolo Del Brocco ha illustrato i risultati del braccio distributivo cinematografico della tv pubblica prima della presentazione del listino del secondo semestre. "Nel biennio 2013-2014, Rai Cinema ha contribuito a realizzare 100 film di cui 35 opere prime e seconde, investendo 100 milioni di euro circa", mentre 45 sono stati i titoli co-finanziati ma distribuiti da altre società.

(L'article continue plus bas - Inf. publicitaire)

18 sono invece i nuovi film che saranno distribuiti da 01 nella seconda metà di quest'anno, per un investimento totale di 60 milioni di euro stanziati per la produzione nel 2014. Tra i più significativi e attesi ci sono Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores, Il giovane favoloso di Mario Martone, Torneranno i pirati di Ermanno Olmi, Mia madre [+lire aussi :
critique
bande-annonce
fiche film
]
di Nanni Moretti, Tale of Tales di Matteo Garrone.

Tra le commedie spiccano Si accettano miracoli di Alessandro Siani, Scusate se esisto di Riccardo Milani e Confusi e felici di Massimiliano Bruno. "Come di consueto cerchiamo di trovare l’equilibrio tra cinema commerciale e di qualità", ha spiegato Del Brocco. "Faremo in modo che il cinema italiano continui ad avere sempre più slancio internazionale". 

(Traduit de l'italien)

Vous avez aimé cet article ? Abonnez-vous à notre newsletter et recevez plus d'articles comme celui-ci, directement dans votre boîte mail.