Beauty and the Dogs (2017)
On Body and Soul (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Volevo assolutamente portare questa storia sul grande schermo"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Fredi M Murer • Regista

di 

- Per il suo nuovo film, Liebe & Zufall, lo scrittore e regista svizzero Fredi M. Murer ha ricevuto il sostegno finanziario da Teo Gheorghiu, il giovane pianista di Vitus

Fredi M Murer  • Regista

Liebe & Zufall [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, il nuovo film del pluripremiato scrittore e regista svizzero Fredi M. Murer, rappresenta, ad oggi, la sua opera più personale. La sceneggiatura, infatti, è ispirata all'autobiografia della madre. L'interdipendenza tra finzione e realtà non riguarda solo l’opera ma anche i finanziamenti destinati al film. Una parte del budget è stata ricavata grazie a Teo Gheorghiu, promettente pianista che ha interpretato il protagonista nell'ultimo film di Murer, Vitus [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Christian Davi
intervista: Fredi M. Murer
scheda film
]
, che ha tenuto un concerto di beneficenza alla Tonhalle di Zurigo. Liebe & Zufall verrà distribuito da Vega Film in Svizzera il 30 ottobre. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Liebe & Zufall è basato su una storia vera?
Fredi Murer M: Il mio film è basato sul romanzo Liebe & Zufall che mia madre ha scritto all'età di 74 anni. Nessuno di noi sei fratelli sapeva che si era dedicata alla scrittura dopo la morte di nostro padre. Quando ha compiuto 90 anni, mi ha consegnato i manoscritti dei suoi romanzi e mi ha detto che le sue storie avevano il potenziale di attrarre pubblico se le avessi portate sul grande schermo. Per me si è trattato di un affronto, ma anche di una sfida. In un primo momento, ho messo i suoi libri sullo scaffale, ma quando in seguito ho letto la sua autobiografia, ho scoperto cose incredibili di cui non ero a conoscenza. Volevo assolutamente portare questa storia sul grande schermo. 

Di cosa parla?
Si tratta di quel primo grande amore che spesso rimane inappagato. Vediamo una vecchia coppia, un autore di 75 anni che non ha ancora raggiunto il successo e un mediocre architetto di 79 discutere in maniera sarcastica di temi come l'amore, la morte e gli addii. Cose deprimenti come la malattia non rappresentano un problema per loro. Quando l’anziana donna va dal medico, scopre che è stato sostituito da uno più giovane. Lei lo guarda, mormora un nome, gli mette le braccia intorno al collo, lo bacia e sviene. Poi si sveglia, imbarazzata. Il giovane medico assomiglia all'amore della sua vita, emigrato negli Stati Uniti 60 anni prima. Sebbene non lo abbia più rivisto, la donna ha sognato per tutta la sua vita di stare con lui. 

Perché non è andata con lui?
Sua madre non voleva che andasse negli Stati Uniti. Nel 1920, occorrevano circa tre mesi per attraversare l'Atlantico. Era vedova, e voleva che la figlia maggiore rimanesse a casa, e così le ha sequestrato tutte le lettere che lui le spediva. Dopo tre anni, la giovane donna credeva di averlo dimenticato, e ha sposato un altro uomo. Solo dopo la morte della madre ha scoperto la verità. Questo mi ha ispirato a trarne un film. 

È stato difficile trovare gli attori giusti?
È stato molto difficile trovare grandi attori di età superiore a 75 o 80 anni in un piccolo paese come la Svizzera. Per la protagonista, ho scelto l’attrice teatrale Sibylle Brunner, che vive in Germania da 40 anni. Il protagonista è interpretato dal 78enne attore tedesco Werner Rehm, che ha lavorato con registi come Rainer Werner Fassbinder e Peter Stein.

La maggior parte del film è stata girata in Svizzera. È stata una scelta utile dal punto di vista dei finanziamenti?
Il nostro budget era di circa tre milioni di franchi. Un terzo è stato fornito dalla Bundesamt für Kultur e dalla TV svizzera, che ha erogato una cospicua somma di denaro. Tuttavia, non ho ottenuto alcun sostegno da parte della Zurich Film Foundation, anche se ho vissuto e lavorato a Zurigo per decenni. Ho impiegato quasi due anni a colmare questo buco nel budget.

Come c’è riuscito?
Grazie a una raccolta fondi. Abbiamo ricevuto circa un milione di franchi svizzeri da parte di investitori privati in seguito a un concerto tenuto da Teo Gheorghiu, che aveva interpretato il pianista dodicenne nel mio ultimo film, Vitus. Quando ha sentito che non avevo ricevuto alcun sostegno nella mia città natale, si è proposto di organizzare un concerto di beneficenza alla Tonhalle di Zurigo. Un concerto pubblico sarebbe stato troppo costoso in termini di marketing, ma abbiamo trovato tre società disposte a pagare per un concerto di Teo. Grazie a Vitus, ho dato una spinta alla sua carriera di pianista e ora lui mi ha restituito il favore.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Astra
EPI Distribution
LIM

Follow us on

facebook twitter rss