La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Non voglio che questo festival si spenga per nessuna ragione - merita di durare a lungo"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Dimitri Eipides • Responsabile del Thessaloniki International Film Festival

di 

- Cineuropa ha incontrato Dimitri Eipides per parlare di cosa pensa dell'ultima edizione del Thessaloniki International Film Festival e delle prospettive future dell'evento

Dimitri Eipides  • Responsabile del Thessaloniki International Film Festival

A 55 anni anni dalla sua nascita, il Thessaloniki International Film Festival è ancora l'evento cinematografico più importante dell'Europa sud-orientale. Nonostante la crisi economica e i recenti tagli di budget, il direttore Dimitri Eipides ed il suo team sono riusciti a creare un'edizione di grande successo in termini di presenza di pubblico e industria. Poche ore prima della cerimonia di premiazione, Cineuropa ha incontrato Eipides per parlare di come si sente di fronte al declino dell'evento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Ci riassume la situazione attuale del festival?
Dimitri Eipides: La situazione è difficile, come sappiamo tutti, e in generale la situazione del paese lo è perché da cinque anni stiamo vivendo una crisi economica, e questo ovviamente colpisce il benessere del festival e della cultura in generale. Il cinema può rapidamente passare in secondo piano in situazioni come queste. Fino all'anno scorso, poi, avevamo il supporto europeo del NSRF e altro, ma non quest'anno. Dipendiamo quindi dalle nostre risorse, che sono minimali. Sono felice che ci siamo riusciti, non vogliamo che il festival si spenga per nessuna ragione. Merita di durare a lungo, ma è anche particolarmente necessario in questo paese che è ai bordi dell'Europa. 

Quali sono le sue personali sensazioni sulla 55^ edizione dell'evento?
Penso che abbia avuto successo, considerato il suo scopo primario: la sua dedizione al cinema indipendente. Non presentiamo film da Hollywood. Esistiamo nella totale assenza di uno star system, grandi produzioni hollywoodiane e così via. Non è stato così in passato, ma penso fosse un'aberrazione, perché un festival di questo tipo dovrebbe avere un corrispondente livello qualitativo ad alimentare e influenzare quello che produce l'industria cinematografica greca. In qualche modo andrebbe organizzato, per non diventare una sorta di inutile luna park che dura una settimana o dieci giorni, poi finisce senza lasciare alcun impatto sui filmmaker greci. Voglio che rappresenti il cinema indipendente globale, e questo è ciò che è. Siamo riusciti a presentare opere prime e seconde di registi quasi sconosciuti, e qui sono abbastanza popolari. Abbiamo riempito le sale durante il festival, ed è un buon segno. Ricorda alla grande industria il valore dell'esperienza umana e come risponda ai bisogni degli spettatori.

Qual è la prossima sfida?
Per fare piani è troppo presto, anche se sto progettando il mio festival di cinema documentario a marzo prossimo, che organizziamo anche, ed è il mio figlio preferito, perché sta andando molto bene. Al momento, tutta la mia attenzione è dedicata a questo, e spero che sia un'altra edizione di successo.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring