Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"La curiosità, intelligenza e mentalità aperta del nostro pubblico non cessano mai di sorprendermi"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Jonas Holmberg • Direttore artistico, Göteborg International Film Festival

di 

- Cineuropa ha parlato con Jonas Holmberg, direttore artistico del Göteborg International Film Festival, del suo nuovo ruolo e dei criteri di scelta della line-up

Jonas Holmberg  • Direttore artistico, Göteborg International Film Festival
© Maja Kristin Nylander

Lo scorso aprile, il critico cinematografico svedese Jonas Holmberg è subentrato a Marit Kapla in qualità di direttore artistico del Göteborg International Film Festival. Holmberg lavora per il festival dal 2012, iniziando come vice di Kapla e direttore del programma internazionale. Ha illustrato a Cineuropa il processo di programmazione dei 500 film nella line-up di quest'anno.

Cineuropa: Come ha gestito questa nuova sfida? Sta introducendo delle novità nel festival?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Jonas Holmberg: Il mio obiettivo principale è stato quello di rafforzare il profilo scandinavo del festival. La nostra missione è di portare il meglio del cinema mondiale nella regione scandinava, e portare il meglio del cinema scandinavo nel mondo. Il fulcro del festival è il nostro concorso principale, il Dragon Award Best Nordic Film, in cui competono otto film scandinavi e il vincitore riceve SEK 1.000.000 (€ 107.000), il che lo rende il più grande premio cinematografico del mondo.

Sono molto orgoglioso della line-up di quest'anno, che comprende anteprime mondiali di molti film con un potenziale internazionale, come Key House Mirror [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michael Noer
scheda film
]
di Michael Noer, My Skinny Sister di Sanna Lenken e In Your Arms di Samanou Acheche Sahlström.

Come funziona il festival in termini di selezione di film e di classificazione in categorie? 500 film è un numero enorme, e dev’essere un lavoro lungo e meticoloso.

E’ un lavoro molto delicato e importante, e per portare a termine questo compito abbiamo un team di programmazione numeroso e molto competente, che comprende studiosi di cinema, produttori e programmatori a tempo pieno. Un obiettivo importante per noi è quello di presentare un’ampia line-up con film provenienti da molte parti del mondo. Quest'anno presentiamo film di 89 paesi, cosa che non credo molti festival possano eguagliare.

Come maggior festival del cinema del Nord Europa, Göteborg presenta numerose anteprime mondiali di film scandinavi. Quali sono i criteri di selezione per quanto riguarda le anteprime e i film provenienti dal resto del mondo?

E’ fondamentale per noi avere anteprime mondiali di film scandinavi importanti nelle nostre competizioni, ma anche di presentare una selezione del meglio del cinema scandinavo dell'anno. Abbiamo molte anteprime mondiali di film scandinavi quest'anno, e sceglierli è la cosa cui mi dedico di più. Sono molto orgoglioso della selezione di quest'anno!

Oltre alle anteprime dal mondo scandinavo nelle nostre competizioni, presentiamo in anteprima mondiale titoli scandinavi di alto livello come Armi Alive!, diretto dal premio Oscar Jörn Donner.

Quanto ai film non scandinavi, il fatto che siano anteprime non è altrettanto importante. Preferiamo una line-up di qualità, tuttavia presenteremo alcune anteprime mondiali, come il film della Guinea Equatoriale Feguibox di Gabriel Amdur e Rubén Monsuy, e la pellicola dello Zimbabwe Child of the Revolution di Xoliswa Sithole.

Come riesce il festival a bilanciare la necessità di rimanere rilevante e progressista in senso artistico riguardo le esigenze del pubblico?

Ciò che amo di più del Göteborg International Film Festival è il pubblico! La curiosità, intelligenza e mentalità aperta del pubblico non finiscono mai di sorprendermi. Per soddisfare le esigenze dei nuovi spettatori, abbiamo creato un nostro servizio VoD, Draken Film, grazie al quale gli spettatori con nuovi modelli di consumo possono vedere film precedentemente presentati al festival per tutto l'anno.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Film Business Course
WBImages Locarno
Emilia Romagna_site IT

Follow us on

facebook twitter rss