Brimstone (2016)
El bar (2017)
Sage Femme (2017)
The Fixer (2016)
The Giant (2016)
Nocturama (2016)
Fiore (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

“Sono interessato ai problemi che la guerra ha portato in superficie”

email print share on facebook share on twitter share on google+

Zvonimir Jurić • Regista

di 

- Incontro con Zvonimir Juric, regista di The Reaper per parlare del suo approccio narrativo e del modo in cui l'industria cinematografica croata affronta il tema della guerra

Zvonimir Jurić  • Regista

The Reaper [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Zvonimir Jurić
scheda film
]
del regista croato Zvonimir Juric, presentato a Toronto lo scorso anno in anteprima mondiale, sarà proiettato allo European Film Market della Berlinale. Il regista che ha sfondato con uno dei migliori film croati degli ultimi dieci anni, The Blacks [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Zvonimir Juric, Goran D…
scheda film
]
, che ha co-diretto con Goran Devic, parla della sua poetica e degli argomenti trattati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché ha scelto questa struttura per The Reaper - tre storie interconnesse? 
Zvonimir Juric: Ho scelto tre storie perché ho pensato che una non sarebbe stata sufficiente a esprimere ciò che volevo dire. Ho anche pensato che alcuni dei personaggi che appaiono nella prima storia per un poco tempo, potevano comparire anche nella seconda e nella terza, sarebbe stato interessante. 

A giudicare dai suoi film, lei è molto interessato ai fatti recenti in Croazia e alle loro conseguenze. Com’è l’atmosfera nel cinema croato in questo momento riguardo questi temi, e farebbe mai un film senza una forte tematica politico-sociale al suo centro?
Sì, questo film è molto collegato alle conseguenze della guerra. Non perché io sono un filantropo, ma perché sono interessato ai problemi che la guerra ha portato in superficie, che sembrano irrisolvibili, e traumatici per i miei personaggi. I miei film sono intrisi di pessimismo. Ma cercherò di cambiare nel prossimo. Sono stanco di sconfitte, voglio che i miei personaggi vincano.

Il clima nel settore della cinematografia per quanto riguarda la guerra è ancora troppo rispettoso della versione ufficiale e nazionalista del come e del perché tutto è accaduto. Solo pochi film hanno mostrato un certo coraggio nel mostrare un punto di vista diverso.

Non so cosa farò in futuro. Ciò che ho in testa è più vicino a un incubo che a un qualcosa politico-sociale di preciso. Vorrei essere chiaro, come Ken Loach. In questo momento non sono in grado, perché c'è sempre qualcos’altro che mi viene in testa.

Parlando di genere, i suoi film sono drammi d'autore, ma sia Blacks che Reaper hanno echi di thriller psicologico, o addirittura di horror. Perché decide di contaminarli con queste influenze?
Mi piacciono i contrasti fra cose belle/idilliache e cose brutte/orribili, e vedere cosa succede. Proprio come ha fatto Isaac Babel in Red Cavalry, grande libro. Non penso troppo al genere, quando giro un film, cerco di non pensare troppo che tipo di film sto facendo. Ma ha ragione, questi film contengono elementi horror.

Come sceglie gli attori? Soprattutto in The Reaper, il casting è assolutamente cruciale.
Cerco di essere gentile con i miei attori, non posso lavorare in un clima di sfiducia e di paura. Come si può recitare bene, senza fiducia? Gli attori sono figli. Tu sei il genitore.

Leggi anche

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring