Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Nessun film è un'isola"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Peter Greenaway • Regista

di 

- BERLINO 2015: Cineuropa ha chiacchierato con Peter Greenaway, regista di Eisenstein in Guanajuato, che è stato proiettato in concorso

Peter Greenaway  • Regista

Il regista britannico Peter Greenaway ha presentato il suo nuovo film, Eisenstein in Guanajuato [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Peter Greenaway
scheda film
]
, a Berlino. Cineuropa ha parlato con lui del suo protagonista, Sergei Eisenstein.

Cineuropa: Qual è il tema centrale alla base del film?
Peter Greenaway: Il film è una celebrazione, è gioioso. Si tratta di un uomo che cerca di trovare la sua identità in tanti modi diversi. Era curioso della sua identità sessuale. C'erano state le prime avvisaglie quando era un adolescente: non riusciva a sentire le normali preferenze di genere come necessariamente sue. Quindi è una prova, potrei mostrarvele. Non me lo sono inventato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Anzi, ha avuto una relazione burrascosa di dieci giorni con Palomino Cañedo, poi si lasciarono. Non posso dire, naturalmente, che si lasciarono nel modo che ho rappresentato, ma credo che non esista la storia; esistono solo gli storici.

Pensa che il tempo trascorso in Messico abbia cambiato Eisenstein come regista?
Supponiamo che maturiamo tutti e che i nostri personaggi si sviluppino, immagino che anche i personaggi, crescendo, diventino più simili a noi. Sarebbe potuto accadere comunque. Sappiamo tutti che quando si è all'estero ci si comporta in modo diverso, si corrono rischi. E lui è in un Paese totalmente sconosciuto, a 3500 miglia di distanza da Mosca. E non ci sono russi a badare a lui per tutto il tempo, specie quelli stalinisti. Ha la possibilità di staccare; permette alla sua curiosità di espandersi a dismisura. È stato uno shock culturale incontrare persone straordinarie così diverse da lui. Penso che tutta questa libertà abbia facilitato ciò che c'era già, quindi la mia tesi è che i suoi primi tre film sono pieni di idee, ma idee sulla massa, non ci sono individui. Se si guardano gli ultimi tre film, si nota il suo interessarsi alle persone e alle relazioni; sono molto più sviluppate, più comprensibili e contemporanee. Credo che fuori dal suo Paese, dalla sua cultura, rispondendo a ciò che aveva dentro di sè, abbia cominciato a sviluppare un interesse molto maggiore negli individui, rispetto alla massa.

E 'una coincidenza che questo film sia stato fatto in un momento in cui i diritti dei gay sono più in gioco che in precedenza?
Questo non è un film gay; si tratta di un film su un uomo che ha avuto una storia d'amore con un altro uomo. Sarebbe estremamente ingenuo negare tutte queste associazioni. Ogni film storico riguarda tanto l' "ora"quanto l' "allora"; deve essere così. Sì, c'è un'associazione, tutta una serie di connessioni.

Come potete immaginare, io non sono affatto popolare in Russia, almeno ufficialmente. Ho ricevuto un sacco di lettere di odio, ma nulla di pericoloso.

Qual è stata la chiave per trovare il cast?
Abbiamo avuto qualche problema: c'è un enorme quantità di filmati di Eisenstein nel mondo, e volevo usarli. Così ho dovuto trovare qualcuno che sembrasse almeno vagamente Eisenstein. Abbiamo cercato ovunque. Poi, quasi per caso, abbiamo trovato Elmer Bäck, e mi piace pensare che fosse perfetto per la parte.

Oltre Eisenstein, non ha altri registi preferiti?
Sono sempre stato interessato a Eisenstein, forse negli ultimi 20 anni mi sono interessato ancora di più a lui perché è stato provato e testato; ha resistito alla prova del tempo, e ciò che ha prodotto è veramente importante.

Ho una serie di registi preferiti, abbiamo tutti i nostri eroi, naturalmente. Il film è pieno di citazioni. Il mio film preferito è L'Anno Scorso a Marienbad di Resnais, e nel mio film fanno il gioco di Marienbad alla fine. Un altro mio film preferito è La Regola del Gioco di Renoir, con Renoir che salta su un letto, e l'ho fatto fare ad Eisenstein nel mio film come citazione. Ci sono riferimenti a dei clown banali, che è, ovviamente, un omaggio a Fellini. Conosce quella famosa frase di John Donne, "Nessun uomo è un'isola"? Beh, io direi, "Nessun film è un'isola". Ogni film si ripete in un certo senso. La maggior parte dell'arte riguarda l'arte; non si tratta di vita, si tratta di guardare l'arte.

Come si è evoluta la sua produzione?
Abbiamo fatto 15 lungometraggi, ognuno con una direzione diversa. Non posso girare film sempre nello stesso modo, più e più volte, ma riguardano tutti lo stesso fenomeno: il primato dell'immagine, nozioni di alfabetizzazione visiva che ritengo significative, e l'importanza dello straniero, dell'alternativa. È molto pomposo, ma quello che voglio fare è un cinema non-narrativo, multi-schermo, al tempo presente. Arriverà, che mi piaccia o no, e che vi piaccia o no, arriverà.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Bridging the Dragon

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home