Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il cinema ha il potere di far smettere di pensare e di inizare a sentire i brividi"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Severin Fiala e Veronika Franz • Registi

di 

- Cineuropa ha parlato con il duo di registi austriaci Severin Fiala e Veronika Franz, che ha vinto il Silver Raven al Brussels International Fantastic Film Festival con il loro inquietante Goodnight Mommy

Severin Fiala e Veronika  Franz  • Registi
Veronika Franz e Severin Fiala

Severin Fiala e Veronika Franz hanno unito le forze per la seconda volta (dopo il documentario Kern) per Goodnight Mommy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Severin Fiala e Veronika …
scheda film
]
, un horror psicologico prodotto da Ulrich Seidl, e proiettato alla 33ma edizione del Brussels International Fantastic Film Festival, che si è conclusa domenica 19 aprile, con la vittoria del film del Silver Raven Award.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il prologo del film è davvero interessante e attira l'attenzione del pubblico in fretta. Come vi è venuto in mente?
Severin Fiala: L'idea è nata proprio guardando la televisione. Alla televisione tedesca, ci sono questi docushow in cui delle donne si separano dalle loro famiglie per tre mesi al fine di cambiare il loro aspetto in modo radicale, compresa la chirurgia plastica. Queste donne non sono solitamente considerate graziose secondo gli standard della società, quindi lo scopo del programma è quello di renderle più belle. Quando tornano dopo quei tre mesi, c'è questo momento in cui mostrano il loro nuovo aspetto fisico ai loro parenti e amici. Dovrebbe essere un grande momento di televisione da tappeto rosso, un momento molto felice. Tuttavia, se si osservano bene i bambini, se ce ne sono, si può sempre vedere un qualche tipo di disagio o stress nei loro volti. Anche dopo che avevamo già girato il film, c'è stato un episodio in cui un bambino ha detto, "Quella non è la mia mamma." Era davvero spaventato. Da qui ci è venuta l'idea.

Le performance dei ragazzini sono entrambe splendide nel film. Com'è stato lavorare con loro?
SF: Prima di iniziare le riprese, abbiamo cercato di pensare al modo migliore per lavorare con i bambini e siamo giunti a una conclusione: bisogna farli appassionare alla storia. Abbiamo prima spiegato loro il punto di partenza della storia, e da quella situazione, abbiamo girato tutto il film in ordine cronologico. Alla fine, volevano solo scoprire come sarebbe finito il film. Li abbiamo anche intrattenuti con giochi per bambini per tenerli il più rilassato possibile di fronte alla telecamera. Inoltre, al fine di ridurre l'effetto negativo che la ripetizione di ogni scena poteva avere sulle loro prestazioni, li abbiamo fatti invertire di ruolo. Ciò è stato estremamente utile perché per loro significava qualcosa di nuovo da provare, e infine li ha aiutati a capire meglio la scena.

Qual è stato il ruolo di Ulrich Seidl come produttore, e come ha influenzato il film?
Veronika Franz: Il produttore fa la differenza in un film. È un input diverso per il film, quindi può aiutare o danneggiare il prodotto. Siamo stati molto fortunati con Ulrich Seidl, perché è un artista di per sé e, quindi, ci ha dato piena libertà. Come produttore, mette la visione artistica prima, e il denaro dopo. Ma allo stesso tempo, lo si deve convincere. Bisogna dargli buone ragioni per ciascuna delle proprie scelte.

Dopo aver presentato il film a festival cinematografici di genere come Sitges e quest'edizione del BIFFF, qual è la vostra visione della situazione del cinema di genere europeo oggi?
VF: Penso che non ci sia alcun cinema di genere europeo, perché si differenzia troppo da Paese a Paese. In Austria, ci sono pochissimi film di genere, a differenza dei film d'autore. Quindi, in un certo senso, la nostra pellicola è una pellicola austriaca inusuale, anche se allo stesso tempo, ha probabilmente una tipica atmosfera austriaca. Inoltre, culturalmente parlando, l'Austria ha una forte tradizione di teatro e opera. Questi film d'essai molto spesso richiedono un pubblico che si siede e riflette per tutto il film, soprattutto interrogandosi se il prodotto è buono o no. Ma ciò che personalmente ci piace del cinema è che ha davvero il potere di far smettere di pensare e iniziare a provare brividi. Speriamo che, dopo i brividi, si possa anche pensare che c'è probabilmente qualcosa di più della prima impressione. Ma prima di tutto, vogliamo arrivare al pubblico in modo fisico.

SF: I film di genere hanno alcune regole - per esempio, il nostro film doveva essere mozzafiato. Con alcuni film d'autore, molte persone si annoiano, ma cercano di pensare che può significare qualcosa, mentre, in realtà, non hanno il coraggio di dire che è un brutto film. Negli horror, tutti dicono che se è noioso, non è buono. È questo che ci piace come registi - la libertà che la gente deve avere quando dice ciò che sente davvero.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

courgette oscar shortlist

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250