Beauty and the Dogs (2017)
On Body and Soul (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"È fantastico che un festival aiuti i giovani registi all'inizio della loro carriera"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Karel Och • Direttore artistico, KVIFF

di 

- Cineuropa ha incontrato Karel Och, direttore artistico del Karlovy Vary International Film Festival, per parlare dell'edizione-anniversario del festival

Karel Och  • Direttore artistico, KVIFF

Karel Och è stato nominato direttore artistico del Karlovy Vary International Film Festival nel 2010, dopo aver lavorato per nove anni come programmatore e membro del comitato di selezione del festival, subentrando a Eva Zaoralová, che vantava un mandato lungo 15 anni. Cineuropa ha incontrato Och per discutere la prossima grande edizione del KVIFF così come i cambiamenti del cinema locale, visto che i film cechi sono stati selezionati in ogni sezione del concorso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Una delle novità più evidenti di quest'anno è l'attenzione per i giovani talenti. Era previsto?
Karel Och: In generale, trovo eccitante pensare al potenziale di un festival del cinema per aiutare i giovani registi all'inizio della loro carriera, per creare un luogo sicuro e attraente per la prima proiezione del loro debutto, come è successo con Reprise [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Joachim Trier
intervista: Karin Julsrud
scheda film
]
di Joachim Trier, che ha avuto la sua anteprima mondiale a Karlovy Vary, e per aiutarli a farsi strada nella giungla del settore tramite dei meeting, dei consigli e così via. Per dirla semplicemente, uno dei compiti principali di un festival del cinema è aiutare i registi; naturalmente, gli artisti giovani hanno bisogno di essere aiutati di più. Per quanto riguarda la competizione principale piena di giovani di quest'anno, non è stata intenzionale, ma se un festival è conosciuto per il sostegno ai giovani registi, i giovani registi si sentono più a loro agio a venire ad offrire il loro lavoro.

Qual è la cosa più importante di questa nuova generazione di registi?
Si realizzano più film grazie al costo relativamente basso rispetto a un decennio fa. Ci vuole più tempo per esaminarli tutti correttamente, ma la possibilità di trovare una gemma è più alta. A giudicare dalla nostra competizione principale, le opere prime di quest'anno sono più mature, ma ciò potrebbe dipendere dal fatto che i debuttanti in questione sono documentaristi già affermati, per esempio. Quindi è relativo, e preferirei evitare qualunque generalizzazione.

Ci sono tendenze evidenti tra i film in concorso?
La verità è che quest'anno abbiamo visto diversi film in cui i realizzatori indagano su come affrontare una grave malattia, o sulla scomparsa di una persona cara o di una che presto morirà. È una questione che tutti dobbiamo considerare, prima o poi, e sono rimasto colpito dal modo complesso e non sentimentale in cui i registi affrontano questi problemi. Un caso emblematico è Home Care [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Slávek Horák
scheda film
]
, un film concorrente ceco della competizione principale.

Quali titoli secondo lei potrebbero essere le rivelazioni della 50sima edizione?
Questo lo deciderà il nostro pubblico alla fine. Ho in mente alcuni titoli insoliti di nuovi registi tuttavia, come Amerika, Journey to Rome [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Chemo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, The World Is Mine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Hopefuls e Game Over. E tutti gli esordi nella competizione principale possono essere considerati rivelazioni. Non posso dimenticare il nostro nuovo programma Future Frames, in collaborazione con il nostro partner di lunga data European Film Promotion. Presenteremo dieci studenti europei di cinema incredibilmente talentuosi. Saranno rivelazioni? Speriamo.

La produzione nazionale è fortemente rappresentata in ogni sezione del concorso. Il 2015 sarà un punto di svolta per il cinema ceco?
La mia impressione è che sta arrivando una nuova generazione. Proietteremo tre film di fine studi del FAMU di Praga nella line-up della competizione. I giovani registi tendono a lavorare insieme, sono ansiosi di vedere più film possibili e di viaggiare per i festival da soli per saperne di più del mondo del cinema. Sarò ottimista, ma qualcosa sta accadendo.

Qual è l'attrattiva internazionale e il potenziale dei film cechi in competizione?
Storie accattivanti raccontate in modo semplice e senza fronzoli. È un cinema più naturale, meno scritto. Ciò riguarda entrambi i titoli della competizione principale The Snake Brothers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan Prušinovský
scheda film
]
e Home Care.

Lei è anche un membro del comitato del Premio LUX, la cui selezione ufficiale sarà presentata il 5 luglio al KVIFF. Il processo di selezione di quest'anno è stato diverso rispetto alle precedenti edizioni?
Il comitato del Premio LUX è un gruppo molto interessante di persone, di cui sono davvero felice di far parte. Quest'anno non è stato diverso dai precedenti - ognuno di noi ha portato alcuni titoli e ha cercato di convincere gli altri del perché lui o lei pensasse che i film meritassero attenzione. I dieci film finali costituiscono una selezione eccellente.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Warsaw
EPI Distribution
LIM

Follow us on

facebook twitter rss