Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Come si racconta una storia è più importante della storia stessa"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tunç Davut • Regista

di 

- Entanglement di Tunç Davut ha avuto la sua prima mondiale nella competizione ufficiale del Sarajevo Film Festival. Cineuropa ha incontrato il regista

Tunç Davut  • Regista

L'autore e regista turco Tunç Davut parla con Cineuropa della storia di Entanglement [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tunç Davut
scheda film
]
, il suo primo lungometraggio, così come della sua ispirazione, del suo approccio al cinema e dell'importanza della filosofia. 

Cineuropa: Da dove viene la storia?
Tunç Davut: Mentre lavoravo a un documentario nella regione del Mar Nero, incontrai una donna che mi raccontò la storia che divenne la base per il film. Ho collegato la storia - quella di una donna che si imbatte in due fratelli e accentua la distanza tra di loro - a una tematica molto antica, quella di Caino e Abele. Il fatto che la storia appaia in ogni religione la rende poco locale e molto universale. La storia viene anche dal mio mondo cinematografico e dal mio approccio filosofico alla vita. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Non c'è molto dialogo nel film, e l'atmosfera e lo stile visivo sono molto elaborati.
Il film è ambientato tra le montagne dell'Anatolia, dove le persone hanno uno stile di vita particolare. Sono più fatalisti e introversi. Non parlano molto quando non è necessario. Inoltre, il bosco di montagna ha il suo suono, ed è il suono del silenzio. Il fatto che questi personaggi siano introversi si fonde con questo silenzio, e porta con sé un proprio stile narrativo.

Per me, la storia non è poi tanto importante. La mia preoccupazione principale è come raccontarla, per creare il mio linguaggio cinematografico. Ho cercato di allontanarmi dalla drammaturgia tradizionale e di evitare l'approccio di causa-effetto. Ho solo raccontato le parti fondamentali della storia, preferendo lasciare il resto meno chiaro. Questo è uno degli elementi più importanti dell'arte nel 20° secolo - è una specie di gioco. Il pubblico deve attivare la sua intuizione, il suo sapere, le sue idee e la sua cultura, e completare la storia da sé. 

Il rapporto tra il cane, Efe, e Nalan è molto interessante. Inizialmente è aggressivo con lei, ma poi nasce un legame.
Efe è un pastore dell'Anatolia. Quando questi cani sono con i padroni, possono essere aggressivi verso gli estranei, soprattutto quando entrano nel loro territorio. Quando il cane viene picchiato da Kemal, ed è solo e indifeso, accetta una persona nuova. Succede così in Anatolia. Questi cani sono guardie per i loro padroni, ma quando non avvertono alcuna minaccia provenire da un estraneo, non sono affatto aggressivi. 

Tutti i personaggi sembrano infelici; preferirebbero essere altrove. E nonostante i loro rapporti, sono tutti soli.
Per Kemal, che è tosto e ha una visione realistica del mondo, il futuro è incerto; non c'è un sogno concreto del domani, e riesce solo a pensare a come salvare la giornata. Una situazione pregressa lo ha fatto andare in carcere, forse ingiustamente, e la galera lo ha reso più aspro e solo.

Cemal, che ha molta meno esperienza di vita, è idealista e più sensibile. Soffre molto a causa della morte della madre, e quando un'altra donna più grande entra in casa, inizia a mettere in pratica alcune delle idee sul mondo ricevute da sua madre - per esempio, che gli animali non devono essere mai maltrattati. Nel suo rapporto con Nalan, vi è probabilmente anche un po' del complesso di Edipo. 

E Nalan sta cercando di scappare dal suo oscuro passato. Il futuro è incerto anche per lei. Ha perso la sua fede nella vita. Sceglie di scappare, trascinandosi da un luogo all'altro, alla ricerca di un porto. Vede questo porto, e in un certo senso, un salvatore, in Kemal. Ma affronterà la cruda realtà.

Mi riferisco alla malattia della disperazione. Naturalmente, la disperazione non è una malattia; malattia è qui utilizzato nel senso de La Malattia Mortale di Søren Kierkegaard, in cui il filosofo definisce tre tipi diversi di disperazione. I tre personaggi del film rappresentano questi tipi. La filosofia di Kierkegaard è molto importante per la mia visione del mondo, e il mio approccio al cinema e all'arte in generale.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

courgette oscar shortlist

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250