Son of Sofia (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
Ava (2017)
Western (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"C'è qualcosa di universale nelle storie d'amore difficili in cui la gente si identifica"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Max Sobol • Regista

di 

- L'opera prima di Max Sobol, You (Us) Me, sarà proiettata questa settimana al Film Fest Gent e racconta un rapporto piuttosto insolito

Max Sobol  • Regista

You (Us) Me, primo lungometraggio del britannico Max Sobol, è incentrato su una storia d'amore particolarmente insolita: un serial killer compassionevole che si innamora di una ragazza suicida. Da questo punto di partenza, il film diventa una commedia romantica alla rovescia, con sentori di horror e humor nero, che si distingue come una delle opere più audaci dello scorso anno. Dopo un tour abbastanza breve dei festival, per mancanza di distribuzione, il film sarà proiettato questa settimana al Film Fest Gent.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Com'è nata l'idea di You (Us) Me?
Max Sobol: È nata da una serie di cose. In parte ispirata da una mia relazione finita male. Ci amavamo molto, ma è stato un rapporto veramente distruttivo. Per quanto tentassimo di farlo funzionare, sembrava andassimo in direzioni opposte. Mi interessava questa storia d'amore impossibile, in cui due persone sono alla ricerca di cose diverse e l'unico potenziale risultato è il conflitto.

È stato difficile trovare il tono giusto per affrontare un tema come questo?
Il tono del film non è quello che mi aspettavo. Avevo immaginato che la storia fosse molto più simile a una commedia; ma naturalmente, il suicidio e la depressione non sono divertenti. Quando si trovano i personaggi, è necessario fidarsi di loro, e rendere loro giustizia. Avevamo a che fare con una questione pesante, e non volevo prenderla sottogamba. Ma ho anche un senso dell'umorismo molto nero, così mi sono spinto anche in quella direzione. L'idea originale del serial killer innamorato della ragazza suicida costituiva già la forza trainante del film; ma mentre scrivevamo la sceneggiatura, cercavamo di incorporare elementi diversi di commedie romantiche, film horror, produzioni a basso costo...

Ci parli del processo di casting.
La prima volta che ho lavorato con Hannah (l'attrice protagonista) è stata nel 2006; L'ho scelta a caso per un corto sperimentale. Ero ancora uno studente, ma lei ha contribuito così tanto al progetto che abbiamo sviluppato uno stretto rapporto professionale. Ho scritto la sceneggiatura per lei, così sarebbe stata sempre Vivian. Il ragazzo è stato più difficile da trovare perché non avevo nessuno in mente né denaro a sufficienza. Inoltre, buona parte del contenuto era molto impegnativa, quindi era necessario un grande attore, disposto a girare alcune scene davvero scomode. Abbiamo fatto diverse sessioni di provini finché non lo abbiamo trovato attraverso un casting online. Per coincidenza, conosceva l'attrice protagonista, cosa fantastica perché tutto il film è su di loro. Hanno retto la storia egregiamente con le loro interpretazioni coraggiose.

Sembra non esserci speranza per nessuno dei personaggi fin dal principio; lo considera un film pessimista?
Credo di avere un lato molto pessimista e cupo, che si riflette in parte nel carattere di Vivian. Ma d'altra parte, sono una persona ottimista, e forse questo film è stato un modo catartico per esercitare quella parte del mio cervello. In un certo senso, penso che ci sia qualcosa di bello nel suo sacrificio finale - c'è qualcosa di tenero e romantico nelle ultime scene del film, ma è anche qualcosa di tetro. L'intero film affronta l'idea di questa piccola bolla che ci si crea quando si è in una relazione (da qui le parentesi intorno a "Us" - "noi"). Credo che in base alle regole del loro rapporto, il finale sia incredibilmente romantico; è come un gesto estremo d'amore.

Come ha trovato la risposta del pubblico?
Credo che ci sia qualcosa di universale nelle storie d'amore difficili in cui molta gente si identifica. In termini di depressione, abbiamo avuto anche qualche feedback interessante: tante persone che venivano a parlarci dopo le proiezioni si identificavano in quel senso di disperazione. È un argomento difficile da affrontare, ed anche abbastanza spaventoso. È qualcosa di canceroso che ti trascina giù da ogni parte, e mi auguro se non altro di essere riuscito a rappresentarlo in modo veritiero.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Producers on the Move

Follow us on

facebook twitter rss

Italian Pavilion Cannes