Home (2016)
El bar (2017)
Sage Femme (2017)
The Fixer (2016)
The Giant (2016)
Fiore (2016)
Brimstone (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"È difficile ottenere un finanziamento per un nuovo film, anche per i registi affermati"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Theresa von Eltz • Regista

di 

- Il primo lungometraggio della regista tedesca Theresa von Eltz, 4Kings, ha avuto la sua anteprima internazionale al Festival di Roma

Theresa von Eltz  • Regista

L'opera prima 4Kings [+leggi anche:
trailer
intervista: Theresa von Eltz
scheda film
]
della regista tedesca Theresa von Eltz è stata presentata in anteprima internazionale nella sezione Alice nella città del decimo Rome Film Fest. Cineuropa ha chiacchierato con lei all'evento per saperne di più sul film e sulla sua carriera in generale.

Cineuropa: Il suo film 4Kings parla di adolescenti inquieti che vengono mandati in una clinica psichiatrica nel periodo di Natale. Cosa l'ha spinta a raccontare questa storia?
Theresa von Eltz: Ho una certa esperienza con il lavoro sociale e ho scoperto che molto spesso le famiglie mandano i figli con problemi comportamentali in una clinica, specie prima di Natale, perché vogliono festeggiare in famiglia senza stress. La maggior parte delle volte, il problema vissuto dalle persone con tali disturbi è la mancanza di fiducia e hanno bisogno di qualcuno che li aiuti a ritrovarla.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ho sviluppato la sceneggiatura in collaborazione con la scrittrice tedesca Esther Bernstorff, che ha avuto l'ispirazione per questa storia dopo aver incontrato uno psicologo specializzato in adolescenti. Ci siamo completate l'un l'altra molto bene; ha un talento per la creazione di personaggi e per esprimere le cose con uno stile particolare. La nostra sceneggiatura è stata nominata per lo German Script Award.

Ha presentato il suo primo cortometraggio, Gecko, nella competizione cortometraggi della Berlinale nel 2007. Come ha imparato il mestiere?
Sognavo di essere una regista sin da bambina. Sono cresciuta in una famiglia di cinque figli in campagna. Non ci era permesso guardare la televisione. Quando i nostri genitori uscivano la sera, cercavamo la chiave del mobile in cui mio padre teneva tutti i suoi film preferiti. Ho visto film come Don't Look Now di Nicolas Roeg quand'ero molto piccola. Quando un film diventava troppo spaventoso, mettevamo un po' di musica.

All'età di 17 anni, provai ad entrare alla Scuola di Cinema di Monaco, ma fui respinta perché troppo giovane. Mi dissero che sarei andata bene ma che non avevo ancora alcuna esperienza di vita. Ho studiato Scienze Politiche e Storia all'università, e ho lavorato come video-operatore per Le Vite Degli Altri [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Florian Henckel von Donner…
intervista: Ulrich Muehe
scheda film
]
di Florian Henckel von Donnersmarck, che mi ha suggerito di studiare cinema all'estero. 

Ha seguito il suo consiglio?
Mandai le iscrizioni alle scuole di cinema di Monaco, Ludwigsburg e alla National Film & Television School (NFTS) di Beaconsfield, Regno Unito. Poiché fui ammessa a tutte, decisi di studiare per tre anni nel Regno Unito, dove i miei insegnanti sarebbero stati Stephen Frears e Ken Loach. 

Com'è stato lavorare con loro?
Mentre montavo il mio primo cortometraggio, Stephen Frears era seduto con me in sala di montaggio, ma si addormentò. Dopo aver finito, si svegliò e mi disse che il mio film era troppo lungo. Gli chiesi come faceva a dirlo, dato che non l’aveva nemmeno guardato. Mi rispose che lui non doveva guardarlo, perché i registi fanno sempre questo errore. Quando Gecko fu invitato alla Berlinale, mi disse che non significava nulla, perché è sempre molto difficile ottenere un finanziamento per un nuovo film, anche per i registi affermati come lui. 

Quanto è stato difficile il casting per 4Kings?
Paula Beer è stata la mia prima scelta, dopo averla vista in The Poll Diaries [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Chris Kraus
scheda film
]
di Chris Kraus. Quando feci il provino a Jella Haase, non mi convinse subito, perché aveva bisogno di liberarsi dell'atteggiamento del personaggio di Chantal in Suck Me Shakespeer [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
. Le spiegai che avrebbe dovuto interpretare un ruolo molto diverso qui, e alla fine è andato tutto bene.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring