Incierta gloria (2017)
Sage Femme (2017)
Fiore (2016)
The Fixer (2016)
Brimstone (2016)
Home (2016)
The Other Side of Hope (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Rischierei la vita solo per fare un film davvero unico"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Saeed Taji Farouky • Regista

di 

- Il regista palestinese-britannico Saeed Taji Farouky racconta com'è stato girare Tell Spring Not to Come This Year, il suo ultimo documentario, con l'esercito afgano in una zona di conflitto

Saeed Taji  Farouky  • Regista

Saeed Taji Farouky è chiaramente determinato a spingersi oltre i confini del genere documentario. Con Tell Spring Not to Come This Year [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Saeed Taji Farouky
scheda film
]
, Farouky ha dimostrato quanto sia impegnato nella ricerca di nuove forme e nuove verità. Girando ripetutamente in zone di guerra, però, sta anche diventando rapidamente un punto di riferimento per coloro i quali vogliono documentare in modo simile la verità, dove a volte è più necessario.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quant'è stato difficile girare in una zona di guerra?
Saeed Taji Farouky: Sa, in quel tipo di situazione credo che diventi solo una questione di fortuna. Che tu sia al sicuro o meno. Voglio dire, Mike ha un background militare, io no. Quindi abbiamo fatto un po' di briefing prima di andare lì, e mi ha dato un training di base. Mi ha insegnato dove camminare (in modo da rischiare il meno possibile di calpestare una mina), e mi diceva cosa fare se fosse successo questo o quello. Così ho avuto una conoscenza di base di come destreggiarmi in una zona di guerra, e mi è stato utile.

Ma in realtà, alla fine, quando non si ha la possibilità di prendere decisioni da soli, credo che si tratti solo di fortuna. Voglio dire, c'era gente accanto a noi che è stata ferita gravemente. Diventa solo una questione di trovarsi nel posto giusto o sbagliato, al momento giusto o sbagliato.

E quant'è stato difficile reperire i fondi, di conseguenza?
È stato molto difficile. Penso che in generale sia davvero difficile finanziare documentari non ortodossi - diciamo, documentari non strettamente basati su informazioni o notizie. Ma sì, questo è particolarmente vero se il documentario è ad alto rischio e imprevedibile come questo.

Voglio dire, non c'era modo di sapere come si sarebbe sviluppata la nostra storia, o cosa ci sarebbe successo. Inoltre, il mio approccio non è mai veramente tipico o commerciale. Quindi, per vari motivi, è stato un progetto piuttosto difficile da finanziare.

Come ci siete riusciti, alla fine?
Essenzialmente, usando in parte il nostro denaro. Il primo viaggio mio e di Mike in Afghanistan l'abbiamo pagato interamente con i nostri soldi. Poi, con il materiale raccolto in questo viaggio, siamo riusciti a trovare un co-produttore britannico. Ci hanno dato un'iniezione di liquidità, che ci ha permesso di continuare a girare fino a quando abbiamo avuto altri soldi dalla NHK (l'organizzazione di radiodiffusione pubblica nazionale giapponese). Infine, abbiamo presentato un premontaggio alla Goldcrest a New York, che è diventata la nostra casa di post-produzione. Hanno coperto i costi di post-produzione. Così tutto ciò che rimane ora da recuperare lo ricaviamo dalle vendite TV, online, dai cinema, ecc.

Avrebbe qualche consiglio per coloro i quali vogliono fare documentari simili?
Insegno molto ultimamente, o tengo corsi di perfezionamento sul documentario; ma non consiglierei mai a nessuno di fare il lavoro che faccio io.

Ho lavorato in diverse zone di conflitto per circa dieci anni, quindi ho una certa esperienza. Ma è anche una decisione che ho preso personalmente perché valeva la pena rischiare. Per quanto mi riguarda, rischierei la vita solo per fare un film davvero unico e che contribuisca al panorama del cinema di guerra.

A cosa desidera contribuire di più?
La mia priorità è sempre e solo quella di raccontare una buona storia umana. Non voglio istruire le persone o dare loro un messaggio politico. Mi auguro solo che lo spettatore medio guardi questo film e pensi: "Sì, va bene, capisco questo tizio. Capisco la sua voce, le sue paure e il sogno che ha per questo Paese. Capisco il dolore che stanno provando, e le decisioni strane che possono averli costretti ad arruolarsi nell'esercito." Voglio solo che la gente possa identificarsi. Poi magari spero che pensino, "Va bene, quindi queste sono le conseguenze se il mio governo andrà in guerra."

E in futuro? Vuole continuare a fare documentari o ha anche progetti di finzione in mente?
Sì, è così. Sono stato introdotto al cinema attraverso la finzione; non ho mai diretto un lungometraggio di finzione, ma è sempre stata il mio primo amore. Quindi sì, mi piacerebbe fare film di finzione, e ho alcune idee. Solo che ho un sacco di documentari che si mettono in mezzo. Sono certo di fare un film di finzione a un certo punto, però. Ci sto solo arrivando molto lentamente

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring