Jupiter's Moon (2017)
In the Fade (2017)
Jeune femme (2017)
Makala (2017)
A Ciambra (2017)
120 battements par minute (2017)
Happy End (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

Dal cinema alla comunità

email print share on facebook share on twitter share on google+

Valentin Thurn • Regista

di 

- Un ritratto del regista tedesco Valentin Thurn, incentrato sul suo personale approccio documentaristico e sul suo lavoro nell'attivismo ambientale

Valentin Thurn  • Regista

Avevano un buon sapore, ricorda il pluripremiato giornalista, autore di best-seller, combattente di cibo e documentarista Valentin Thurn delle cavallette fritte. La sua esperienza nel reparto tailandese di un mercato locale segna l'inizio del suo ultimo film 10 Billion – What’s on your plate? Momenti come questo mostrano una delle caratteristiche più tipiche dei film di Thurn: il suo punto di vista personale dà ai pezzi la loro struttura - viaggi pragmatici nelle principali questioni socio-politiche attuali in cui interpreta il ruolo di "rappresentante degli spettatori". Scene simboliche come lo spuntino agli insetti fritti creano apertura verso temi come il necessario cambiamento della nutrizione mondiale, preferibilmente accompagnate da forti emozioni che contraddistinguono il suo mezzo preferito, il cinema, dalle sue radici professionali nel giornalismo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Less is More", un film sulle nuove tendenze di un'economia post-crescita, prodotto dalla sua azienda di Colonia Thurnfilm con la regista Karin de Miguel Wessendorf, riassume inoltre il suo approccio documentaristico. Non ci sono grandi gesta o stravaganze estetiche nei film di Thurn, nessuna rabbia e assolutamente nessuna ostentazione di personalità. Sì, ci sono Killer-Germs and Milkrebels (2014), Foodsavers (2013), un Whistleblower (2009), un combattente di Al Qaeda (I am Al Qaeda, 2006) e molti altri spettacolari fenomeni umani e sociali che ha rappresentato e messo in discussione. Ma il background analitico da scienziato di Thurn e la sua solida formazione giornalistica gli impediscono di indulgere nel sensazionale. È più interessato alla progressione logica, in modo ottimistico per "iniziare il racconto dalla soluzione." Questa è sicuramente la strategia di 10 Billion, attualmente nelle sale, e del suo predecessore, il grande successo Taste the Waste, presentato in anteprima alla Berlinale 2011, che è stato proiettato in oltre 30 festival cinematografici in tutto il mondo, e ha vinto 15 premi. Queste due pellicole hanno provocato un intenso dibattito circa l'enorme spreco, la distruzione e la distribuzione di cibo nelle società industrializzate.

Nato nel 1963 a Stoccarda, l'urgenza di portare questioni importanti sullo schermo e nel mondo lo ha portato a lavorare per emittenti tedesche e internazionali, ottenendo poi riconoscimenti come il Premio Leonardo, Green Vision e Oekomedia. Ma ben presto il ruolo tradizionale del documentarista televisivo che più o meno resta dietro al suo lavoro ha ceduto il posto al più ampio potere delle immagini - il cinema. Thurn apprezza specialmente la sua compatibilità con i libri, le campagne online, il movimento sociale e la possibilità di costruire la propria comunità. "Voglio motivare le persone a trovare la propria strada attraverso le sfide sociali del nostro tempo. Il film è il punto di partenza emotivo e mezzo guida, ma una volta che le persone sono sensibili a un argomento, possono trovare immediatamente l'opportunità e la piattaforma per costruire una rete."

Anche prima che Thurn avviasse la sua società di produzione nel 1994, aveva fondato e presieduto diverse associazioni e progetti ambientali, oltre a tenere lezioni a conferenze e workshop internazionali. Si sente un attivista? Thurn non smentisce l'etichetta che molti critici gli affibbiano. Ha anche accettato gli inviti ai talk show per parlare di "campagna giornalistica" - per lui, una contraddizione - ma vuole usare il termine "attivista" con rispetto e preferisce dar luogo a un dibattito anziché seguire uno scopo preciso: "E nel corso del dibattito, la società stessa dirigerà i suoi obiettivi e il suo progresso". Prende anche le distanze dal termine "obiettività": "Come documentaristi abbiamo sempre una posizione e un parere. Tutto è esprimere un'opinione, dallo scegliere un argomento al montare un film, ma se lo si chiarifica fin dall'inizio, lo spettatore può decidere di appoggiarla o di criticarla". Durante la presentazione di Taste the Waste e 10 Billion ai festival internazionali ha apprezzato in particolare le reazioni del pubblico più giovane: "Sono stufi del vecchio modo di pensare manicheo e delle battaglie ideologiche del passato. Come me."

In questi ultimi anni soprattutto, i film di Thurn affrontano argomenti globali. Per lui, questo ha una conseguenza logica. Deve andare dove si trovano le sue storie, lavorare in tutto il mondo e presentare i suoi film a un pubblico internazionale: "I luoghi simbolici devono diventare reali - almeno sullo schermo". Attualmente, l'obiettivo principale di Valentin Thurn è attivare la capacità umana universale di trovare nuovi modi di vivere insieme: "Vogliamo aprire nuove prospettive sulle cause e le questioni attuali che hanno una rilevanza sociale. Così facendo, non solo vogliamo rivelare ciò che sta accadendo nel nostro ambiente, ma anche far muovere qualcosa attivando e mostrando perché vale la pena agire e come lo si può fare". Anche se significa sgranocchiare un paio di cavallette fritte.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Producers on the Move

Follow us on

facebook twitter rss

Italian Pavilion Cannes