Son of Sofia (2017)
Le Redoutable (2017)
The Square (2017)
A Ciambra (2017)
Ava (2017)
Western (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Molti registi stanno indagando sulle cause della crisi dei rifugiati"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Dieter Kosslick • Direttore, Festival del Cinema di Berlino

di 

- BERLINO 2016: Il direttore della Berlinale Dieter Kosslick parla dell'impatto della globalizzazione in tutto il mondo, che si riflette nel programma di quest'edizione del festival

Dieter Kosslick  • Direttore, Festival del Cinema di Berlino

L'immigrazione e i disordini sono i temi trattati in molti dei film del 66° Festival di Berlino. Il direttore del festival Dieter Kosslick ci dà un assaggio del programma dei film, dei giovani talenti e degli ospiti d'onore famosi.

Cineuropa: Quali sono gli argomenti principali in programma quest'anno?
Dieter Kosslick:
Si parla del diritto alla felicità e della sua ricerca. Temi recenti come la crisi dei rifugiati e l'immigrazione sono inoltre presenti, ma non sono tra i principali. Molti registi ne stanno indagando le cause. Guardano alla storia dei loro Paesi e sottolineano le conseguenze della situazione attuale. Presenteremo anche diversi film francesi. Questo tipo di nonchalance mi ricorda un po' la nouvelle vague, perché questi film mettono in scena la vita con profondità filosofica. Inoltre, celebriamo il 30° anniversario del Teddy Award. Quando il premio è stato creato, i gay potevano ancora essere arrestati in Germania - questo è già stato dimenticato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È sintomatico del nostro tempo che alle persone venga strappata via la vita?
Il termine "sicurezza" non può limitarsi alla sicurezza della polizia in termini di terrorismo, perché stiamo anche assistendo alla prima battuta d'arresto economica della globalizzazione. Queste non sono solo le conseguenze delle complesse rivendicazioni territoriali e degli interessi economici in Medio Oriente; ci sono anche Paesi in Africa, così come l'Afghanistan, dove la gente sta emigrando. I problemi economici sono stati causati ​​dalla globalizzazione. Questo è il caso della Cina. Se una T-shirt viene prodotta per due centesimi e qualcun altro la offre a un centesimo, le aziende accetteranno la seconda offerta. Se l'aria è così inquinata che nessuno può più uscire, come a Pechino, le aziende vanno in altri Paesi. Questa ricerca spasmodica del profitto da parte delle imprese ha portato alla prima grande battuta d'arresto - nel linguaggio cinematografico, lo chiamiamo flashback. Semplicemente non può funzionare se 63 ricchi possiedono tanto quanto 3,2 miliardi di poveri in tutto il mondo. Non ha funzionato neanche ai tempi di Luigi XIV.

Le conseguenze dell'economia globale sugli esseri umani è un altro soggetto principale in A Hologram for the King di Tom Tykwer. Come mai questo film non sarà proiettato alla Berlinale?
Avremmo voluto presentare questo film con il grande Tom Hanks alla Berlinale, ma non ci siamo riusciti alla fine. È un vero peccato.

Quant'è forte il cinema tedesco alla Berlinale?
Quest'anno, abbiamo più di 70 film tedeschi di vari generi nel programma ufficiale del festival, dal titolo tedesco in competizione 24 Weeks [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Anne Zohra Berrached
scheda film
]
di Anne Zohra Berrached, lo studio di una coppia, alle co-produzioni tedesche come Soy Nero [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rafi Pitts
scheda film
]
di Rafi Pitts e Alone in Berlin [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, ai lavori di giovani registi tedeschi nella sezione Perspektive. Questa prenderà il via con Meteor Street [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Aline Fischer. Inoltre, in questa Berlinale, guarderemo all'anno cinematografico 1966 nella Germania dell'Est e dell'Ovest.

Il programma della Berlinale beneficia dell'avere registi da iniziative come la Berlinale Residency, il World Cinema Fund e la Berlinale Talents?
Circa 100 talenti degli ultimi 13 anni sono coinvolti nel programma cinematografico di quest'anno. Tra questi il progetto Residency Soy Nero in competizione e The Wounded Angel [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'ex talento della Berlinale Emir Baigazin nella sezione Panorama. Panorama presenta anche Time Was Endless [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, sostenuto dal World Cinema Fund, nonché In the Last Days of the City [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nel Forum. La nostra rete funziona.

Un visitatore habitué della Berlinale è il direttore della fotografia tedesco Michael Ballhaus, a cui verrà assegnato l'Orso d'Oro Onorario. Come ha contribuito alla storia del cinema tedesco?
La sua produzione visionaria comprende 130 film. La sua leggendaria camera dolly a 360 gradi di Martha di Rainer Werner Fassbinder divenne un suo marchio di fabbrica, guadagnando anche l'attenzione degli Stati Uniti. Come direttore della fotografia, insieme a Martin Scorsese, ha creato immagini uniche per film come Gangs of New York. Ne Il Colore dei Soldi, trasmette la sensazione che lo spettatore stesso sia una palla da biliardo. E in Air Force One, la piccola cabina sembra quasi filmata dal co-pilota. Michael Ballhaus è un grande artista.

La presidentessa della giuria di quest'anno, Meryl Streep, ha già ricevuto un Orso d'Oro Onorario. È molto appassionata di cibo ed ecologia. La porterà alla sezione Culinary Cinema?
Ho intenzione di illustrargliela, ma suppongo che sappia già tutto a riguardo, perché è un'amica stretta di Alice Waters, co-fondatrice del "CuCi", che ha fatto parte della nostra giuria nel 2009. Lei è la fondatrice di Chez Panisse - un ristorante che serve cibo stagionale, regionale e sostenibile.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Cannes NEXT

Follow us on

facebook twitter rss

Italian Pavilion Cannes