Thelma (2017)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
Il mio Godard (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Ho dovuto imparare a gestire il comportamento umano"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Thomas Vinterberg • Regista

di 

- BERLINO 2016: Nel suo ultimo film, La Comune, lo sceneggiatore-regista danese Thomas Vinterberg esplora l'esperienza di crescere in questo particolare tipo di sistemazione

Thomas Vinterberg  • Regista
(© Birgit Heidsiek)

Dopo aver portato il suo pluripremiato dramma The Celebration dal grande schermo al palcoscenico, questa volta l'acclamato regista del Dogma 95 ha adattato la sua opera teatrale per il cinema. La sua nuova fatica, La Comune [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
, è stata presentata in competizione al 66° Festival di Berlino. La protagonista femminile, Trine Dyrholm, ha ricevuto l'Orso d'Argento alla Migliore Attrice per la sua interpretazione nel film. Prodotto da Sisse Graum Jørgensen e Morten Kaufmann per Zentropa Entertainments in collaborazione con Toolbox Film, e co-prodotto da Film VästZentropa International SwedenTopkapi Films e Zentropa International Netherlands, le vendite internazionali de La Comune sono affidate a TrustNordisk.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il film è ispirato da sue esperienze personali?
Thomas Vinterberg: Sì; ho vissuto in una comune dall'età di sette anni fino ai diciannove. La maggior parte del tempo, credevo fosse uno stile di vita sorprendente. Lo ricordo come un periodo d'oro della mia vita: magnetico, vivace, caotico e doloroso, ma molto stimolante. Credo mi abbia definito come essere umano e come artista e collaboratore. Da bambino, ho dovuto imparare a gestire il comportamento umano perché ho scoperto molto presto che le persone sono fatte da due cose: ciò che vogliono mostrare al mondo, ma anche ciò che vogliono nascondere al mondo. Dopo un paio di settimane di convivenza, si viene esposti a entrambe.

Cos'è stato doloroso per lei?
A quel tempo, negli anni '70, si tendeva a dare massima libertà a noi bambini, lasciandoci soli e dandoci molte responsabilità da adulti. In realtà lo facevano per rispetto nei nostri confronti, ma rischiavano di instillarci un senso di nostalgia verso i nostri genitori e un senso di responsabilità esagerato. Ma è doloroso anche vedere matrimoni crollare in prima persona.

È questo il motivo per cui i bambini nel suo film decidono il destino degli adulti?
Questa è finzione, ma penso di essere stato più maturo a quattordici anni rispetto ad ora. Dovevamo essere piuttosto responsabili perché gli adulti stavano sperimentando e dovevamo stare uniti. In questo film ho cercato di dipingere un ritratto di vita, comprese le tragedie, e volevo farlo con un gruppo di persone, anziché solo con un individuo. La vita è fatta di molte cose - la gioia, lo stare insieme, il sesso, l'amore, ma anche la perdita di tutto. Ho cercato di catturare quanta più vita possibile osservando come reagiva questa comune.

È vantaggiosa per una relazione la vita in una comune?
Ho posto a mio padre la stessa domanda. I miei genitori si sono trasferiti in una comune quando avevo sette anni. Ha detto che avrebbero divorziato prima se non ci fossimo trasferiti lì. Hanno dato libertà alle loro vite. Vivevano in questa comune, e ha dato loro più possibilità. È andato via quel senso di claustrofobica e non erotica mancanza di curiosità, quella trappola mediocre in cui si può finire durante il matrimonio. Ed ha prolungato il loro matrimonio. Ma credo ci sia anche un rovescio della medaglia: si è meno protettivi e meno concentrati. Anche questo è un pericolo per il matrimonio. Non credo che ci sia una risposta universale a questa domanda.

Quanto è stato facile il passaggio dall'opera teatrale La Comune alla versione cinematografica?
Parecchie dinamiche di gruppo sono state inventate tramite improvvisazioni sul palco, il che ha portato una sorta di vivacità. Alcuni di questi dialoghi sono irrazionali perché sono improvvisati e sono stati provati ogni sera nel corso di un paio di mesi. Hanno questa combinazione, sono vivaci e improvvisati, ma funzionano in ogni caso come forza trainante drammatica, il che è stato un grande vantaggio. Sullo schermo è diverso. Sul palco avevamo solo la cucina, e gli attori si confrontavano solo in quella cucina. In un film si segue un attore attraverso una varietà di camere e luoghi - è una questione completamente diversa. Sullo schermo conta di più ciò che non si dice; l'attore nasconde, mentre a teatro ci si esprime con tutto il corpo. Sono due mezzi di comunicazione diversi, ma ho preso spunto per alcune dinamiche di gruppo dal teatro. E le ho provate, poiché avevo già immaginato il film sul palco per certi versi. Avevo visto il pubblico ridere e piangere allo stesso tempo - ciò mi ha dato un senso di sicurezza che ho potuto portare con me.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01

Follow us on

facebook twitter rss