Beauty and the Dogs (2017)
On Body and Soul (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Le certezze sono sempre pericolose"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Krzysztof Zanussi • Regista

di 

- Abbiamo incontrato il maestro polacco Krzysztof Zanussi per parlare di Corpo estraneo al 17° Festival del Cinema Europeo di Lecce, dove ha ricevuto l'Ulivo d'oro alla carriera

Krzysztof Zanussi  • Regista
Il regista Krzysztof Zanussi (©Festival del Cinema Europeo di Lecce)

Corpo estraneo [+leggi anche:
trailer
intervista: Krzysztof Zanussi
scheda film
]
, l'ultimo film del maestro polacco Krzysztof Zanussi, arriva nelle sale italiane il 5 maggio, distribuito da Lab80. La coproduzione tra Polonia, con Studio Filmowe TOR, Italia, con Revolver Film, e Russia è un dramma psicologico che affronta i temi della crisi dei valori culturali e religiosi. Abbiamo incontrato Zanussi al 17° Festival del Cinema Europeo di Lecce, dove ha ricevuto l'Ulivo d'oro alla carriera. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: C'è una costante nel suo cinema, la messa in discussione di ogni certezza politica, sociale e religiosa. 
Krzysztof Zanussi: Le certezze sono sempre pericolose perché sono il segno di una stortura mentale. Un uomo può dirsi vivo fino a che mette in discussione tutte le sue certezze. Questo non significa che dobbiamo coltivare il dubbio, che è proprio di chi investiga il mondo. Anche nella religione la fede troppo certa è pericolosa, perché deve invece essere sempre esaminata e messa alla prova. 

Protagonista è Angelo, un cristiano fervente, che a Varsavia trova lavoro in una multinazionale. 
Dall'altra parte abbiamo una schiera di donne emancipate che superano gli uomini per cinismo e brutalità. Il risultato dello scontro ha il sapore di un pareggio: l'idealismo vacilla nonostante la guida del suo Dio, ma anche il cinismo mostra segni di cedimento. 

Con TOR Film Studio lei è anche il coproduttore di Game Count (leggi la news), nuovo film di Agnieszka Holland, un thriller tratto da un libro della scrittrice polacca Olga Tokarczuk.
È un film difficile e audace che coinvolge 5 paesi europei: Polonia, Svezia, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia. In questo modo speriamo di difenderlo e poterlo distribuire in vari territori. 

L'idea di un'Europa davvero unita è in crisi?
L'Europa ha fatto comunque grandi passi in avanti, non possiamo negare una certa unione. Abbiamo un'Europa di ispirazione cristiana, anche se non è più così forte come un tempo. 

Intanto si ergono muri per fermare i migranti.
Noi europei abbiamo raggiunto un certo benessere e non siamo pronti a condividerlo con gli altri. Diventa importante riflettere su quale sia la misura della nostra generosità.

Leggi anche

Newsletter

Warsaw
EPI Distribution
LIM

Follow us on

facebook twitter rss