The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Le certezze sono sempre pericolose"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Krzysztof Zanussi • Regista

di 

- Abbiamo incontrato il maestro polacco Krzysztof Zanussi per parlare di Corpo estraneo al 17° Festival del Cinema Europeo di Lecce, dove ha ricevuto l'Ulivo d'oro alla carriera

Krzysztof Zanussi  • Regista
Il regista Krzysztof Zanussi (©Festival del Cinema Europeo di Lecce)

Corpo estraneo [+leggi anche:
trailer
intervista: Krzysztof Zanussi
scheda film
]
, l'ultimo film del maestro polacco Krzysztof Zanussi, arriva nelle sale italiane il 5 maggio, distribuito da Lab80. La coproduzione tra Polonia, con Studio Filmowe TOR, Italia, con Revolver Film, e Russia è un dramma psicologico che affronta i temi della crisi dei valori culturali e religiosi. Abbiamo incontrato Zanussi al 17° Festival del Cinema Europeo di Lecce, dove ha ricevuto l'Ulivo d'oro alla carriera. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: C'è una costante nel suo cinema, la messa in discussione di ogni certezza politica, sociale e religiosa. 
Krzysztof Zanussi: Le certezze sono sempre pericolose perché sono il segno di una stortura mentale. Un uomo può dirsi vivo fino a che mette in discussione tutte le sue certezze. Questo non significa che dobbiamo coltivare il dubbio, che è proprio di chi investiga il mondo. Anche nella religione la fede troppo certa è pericolosa, perché deve invece essere sempre esaminata e messa alla prova. 

Protagonista è Angelo, un cristiano fervente, che a Varsavia trova lavoro in una multinazionale. 
Dall'altra parte abbiamo una schiera di donne emancipate che superano gli uomini per cinismo e brutalità. Il risultato dello scontro ha il sapore di un pareggio: l'idealismo vacilla nonostante la guida del suo Dio, ma anche il cinismo mostra segni di cedimento. 

Con TOR Film Studio lei è anche il coproduttore di Game Count (leggi la news), nuovo film di Agnieszka Holland, un thriller tratto da un libro della scrittrice polacca Olga Tokarczuk.
È un film difficile e audace che coinvolge 5 paesi europei: Polonia, Svezia, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia. In questo modo speriamo di difenderlo e poterlo distribuire in vari territori. 

L'idea di un'Europa davvero unita è in crisi?
L'Europa ha fatto comunque grandi passi in avanti, non possiamo negare una certa unione. Abbiamo un'Europa di ispirazione cristiana, anche se non è più così forte come un tempo. 

Intanto si ergono muri per fermare i migranti.
Noi europei abbiamo raggiunto un certo benessere e non siamo pronti a condividerlo con gli altri. Diventa importante riflettere su quale sia la misura della nostra generosità.

Leggi anche

Newsletter

Emilia Romagna_site IT
Odessa site
Film Business Course

Follow us on

facebook twitter rss