Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il pubblico ha perso la fiducia nei film che facciamo qui"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Svetla Tsotsorkova • Regista

di 

- Già selezionato a diversi festival cinematografici in vista della sua prima mondiale a San Sebastián, Thirst di Svetla Tsotsorkova uscirà a livello nazionale il 22 aprile

Svetla Tsotsorkova  • Regista

Opera prima convincente, Thirst [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Svetla Tsotsorkova
scheda film
]
di Svetla Tsotsorkova stupisce per il modo avvincente in cui utilizza un luogo remoto della Bulgaria rurale per raccontare una storia sul vecchio e il nuovo. La regista rivela le sfide della produzione in un'intervista realizzata prima dell'uscita nazionale del film.

Cineuropa: La location è stata molto efficace per la storia. La sceneggiatura è stata scritta con quel luogo in mente?
Svetla Tsotsorkova: Abbiamo trascorso un paio di mesi alla ricerca di un posto per girare il film. Quando abbiamo trovato il villaggio perfetto per la sceneggiatura, abbiamo iniziato a chiederci perché non ci fossero case estive lì, dal momento che la vista era così bella. Ci siamo subito resi conto che dipendeva dal fatto che la zona non dispone di un approvvigionamento idrico adeguato. Le poche persone che vi abitano sono costrette a prendere l'acqua da una sorgente. La siccità non fa nascere nulla, ma fa aguzzare l'ingegno. Abbiamo visto che in una delle case qualcuno aveva costruito una piscina per raccogliere l'acqua piovana. Abbiamo subito deciso di utilizzare quel dettaglio nel film. Il mio insegnante Georgi Djulgerov mi diceva quand'ero sua allieva all'Accademia del Cinema di Sofia: "La vita è il più grande inventore." Aveva ragione. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)EFM 2017 468x60

Qual è stato l'aspetto più impegnativo delle riprese di Thirst?
Trovare adolescenti che potessero interpretare i ruoli del ragazzo e della ragazza è stata una sfida. Mi ci sono voluti quasi due anni. Il mio assistente ed io abbiamo trascorso molte ore a guardare ragazzi e ragazze giocare al parco o nei cortili delle scuole. Se qualcuno di essi ci sembrava interessante, ci andavamo a parlare. Posso solo immaginare cosa sembravamo ai loro occhi. Ho visto più di 3.000 adolescenti prima di trovare Monika e Alexander.

Lavorare con attori intelligenti, sensibili e professionali come Ivaylo Hristov, Svetlana Yancheva e Vasil Mihajlov è stato molto utile, ma anche una sfida. È stato il mio primo film, ma il loro centesimo. La loro esperienza sullo schermo ha aiutato molto nello sviluppo dei personaggi, ma a volte è stato difficile ottenere ciò che volevo da loro.

Quant'è impegnativo far uscire un film bulgaro in Bulgaria? Cosa si può fare per garantire che un film sia allo stesso tempo un successo ai festival e per il pubblico?
Bisogna ascoltare se stessi. Bisogna fidarsi della propria sensibilità, gusto e mente. Raccontare storie che si conoscono o che si sono vissute. Parlare di personaggi che si conoscono o che si capiscono davvero. Poi credo che un risultato positivo arriverà, in un modo o in un altro. 

Calcolare se il film sarà un successo di pubblico o cercare di compiacere i festival è una questione completamente diversa. Uno dei problemi con la distribuzione cinematografica in Bulgaria è la mancanza di una rete di cinema d'essai stabile. I multiplex proiettano principalmente film americani; non hanno alcun interesse a proiettare cinema bulgaro o europeo. Ciò trasforma la distribuzione cinematografica nel lavoro di un apostolo: spesso, i registi prendono il loro film e viaggiano da una città all'altra, negoziando con le autorità locali il luogo in cui farlo vedere al pubblico locale. Ecco come lottano per avere l'attenzione di ogni spettatore.

Il nostro film sta per uscire in Bulgaria. Il pubblico ha perso la fiducia nei film che facciamo qui. Dobbiamo scavare un tunnel, ma dobbiamo scavarlo da entrambi i lati: quello degli autori e quello degli spettatori. Sperando di incontrarci a metà.

La Bulgaria ha offerto un'impressionante serie di opere prime ultimamente, il che suggerisce un interessante ricambio generazionale. Come descriverebbe il ​​panorama del cinema bulgaro dal suo punto di vista?
Il cinema bulgaro è fortemente dipendente dal sostegno finanziario dello Stato. Se il governo decide che il budget statale è minacciato, il primo taglio sarà al budget culturale. Ciò ha portato ad anni durante i quali non abbiamo prodotto nessun film. Mi auguro sinceramente che il governo si sia reso conto che la cultura è uno dei pochi prodotti distinguibili del nostro Paese. Spero, inoltre, che abbiano capito che la cultura non può essere "guidata"; piuttosto, dovrebbe essere supportata. Ci sono molti registi di talento in Bulgaria di tutte le generazioni. Devono solo riuscire a lavorare senza alcuna interferenza da parte del governo.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

courgette oscar shortlist

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250