Son of Sofia (2017)
Le Redoutable (2017)
The Square (2017)
A Ciambra (2017)
Ava (2017)
Western (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Mi piacciono i film che vengono da dove non ci si aspetta"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Charles Tesson • Delegato generale della Semaine de la Critique

di 

- Charles Tesson, delegato generale della Semaine de la Critique di Cannes commenta la sua selezione 2016

Charles Tesson  • Delegato generale della Semaine de la Critique
(© Aurélie Lamachère / Semaine de la Critique)

Charles Tesson, delegato generale della Semaine de la Critique (55a edizione, dal 12 al 20 maggio, nell'ambito del 69° Festival di Cannes), parla della sua selezione 2016 (vedi articolo). 

Cineuropa: Come definirebbe la sua selezione 2016?
Charles Tesson: Ogni film ha un colore e un ritmo diverso, ma la selezione è caratterizzata da titoli audaci in termini di realizzazione e di trattazione degli argomenti. Ci sono film spinti da forti respiri estetici come Mimosas [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Oliver Laxe
scheda film
]
di Oliver Laxe su una spedizione in Marocco che in realtà è un'avventura umana e una sorta di epopea cosmica. Tra gli altri film ci sono altri viaggi, ma nella memoria di una nazione, nella sua storia o nel presente come Diamond Island [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Davy Chou che è un esempio di cosa significa avere 18 anni in Cambogia oggi dopo Pol Pot e la globalizzazione del Paese. Degno di nota anche Albüm [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mehmet Can Mertoglu
scheda film
]
del turco Mehmet Can Mertoglu che osserva dall'interno la classe media turca con grande ironia. Mi ha anche colpito la maturità dei giovani registi che non si accontentano di utilizzare il cinema come specchio della loro generazione, ma si pongono dei veri interrogativi da adulti sul mondo odierno e sugli sconvolgimenti socio-economici. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Che dire della geografia mondiale nella sua selezione, in cui si nota l'assenza di film del Nord e del Sud America e delle sue scelte europee?
È una scelta radicale perché l'anno scorso avevamo due film latini, Land And Shade [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Paulina [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
che, rispettivamente, hanno vinto la Camera d'Or e il Gran Prix della Semaine. Con It Follows per gli Stati Uniti l'anno precedente, si è alzata di molto l'asticella in termini di qualità. E poi, per quanto riguarda le scoperte della Semaine, mi piacciono i film che vengono da dove non ci si aspetta, che si presentano con qualcosa di nuovo come Tramontane [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
per il Libano o A Yellow Bird [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
per Singapore. Per quanto riguarda l'Europa, l'Italia è rappresentata da I tempi felici verranno presto [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alessandro Comodin, un film molto bello e molto poetico, una sorta di ode sensoriale alla natura. Diversi film italiani ci hanno affascinato, come molti ottimi film scandinavi, in particolare danesi, che avevamo inserito nella rosa finale. Anche l'Inghilterra ha proposto film interessanti e la nostra short list comprendeva anche un film russo, uno bulgaro e uno rumeno. Tuttavia, il giovane cinema spagnolo non ha attirato più di tanto la nostra attenzione, tranne Oliver Laxe, che è un po' un caso a parte. Infine, questa è la prima volta che abbiamo un film turco alla Semaine dal 2005.

Fuori concorso, ha selezionato due commedie francesi.
Non siamo alla ricerca specifica di commedie e questi sono film divertenti, ma non solo. In Bed With Victoria [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Justine Triet
scheda film
]
continua il tema di Act Of Panic [+leggi anche:
recensione
trailer
festival scope
scheda film
]
con il ritratto di una giovane madre che cresce i figli da sola, assorbita dal suo lavoro. Nell'ambito di una produzione più confortevole, Justine Triet non ha perso nulla: ha approfondito, migliorato ed è un grande successo. Per quanto riguarda Apnée [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
si tratta di un gruppo di casinisti anarchici che seminano il caos, un film che non cerca di essere perfetto, ma che è molto divertente, e parla del matrimonio per tutti, delle banche, del lavoro, della difficoltà di trovare casa. Mi piace questo tono un po' intempestivo che fa parte della realtà di oggi.

Quest'anno, sette opere prime sono state selezionate per la sezione Un Certain Regard. È una gara difficile?
Abbiamo avuto tutti i film che volevamo. Invece, abbiamo ricevuto film ambiti da altre sezioni, il che significa che il nostro lavoro è non solo apprezzato, ma riconosciuto da coloro i quali hanno la possibilità di scegliere. Ma nel complesso, la cosa più importante per i film che amiamo, è che sono a Cannes e siamo d'accordo su questo con la Quinzaine di Edouard Waintrop. Ognuno ha le proprie ragioni e va benissimo così. Ogni selezionatore si pone domande relative al posizionamento della propria selezione. Al Certain Regard lo scorso anno c'erano Weerasethakul, Kawase, Kurosawa, nomi molto noti, e quest'anno, Thierry Frémaux ha forse voluto bilanciare e mandare un messaggio in termini di opere prime e di scoperte. Ciò è ottimo perché ci sono molti film che Cannes non può prendere e in tal mondo faremo felici Locarno, Venezia e San Sebastián. È perfetto perché significa che il cinema è in buona salute.

(Tradotto dal francese)

Newsletter

Cannes NEXT

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes