The Party (2017)
The Square (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
The Basics of Killing (2017)
Loving Vincent (2016)
Nico, 1988 (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Non siamo dei politici"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Giuria • Festival di Cannes 2016

di 

- CANNES 2016: Il presidente della giuria del concorso, George Miller, e i suoi giurati hanno svelato alla stampa le loro impressioni sul processo di valutazione delle opere

Giuria • Festival di Cannes 2016

Euforia mediatica e conferenza stampa affollata questo pomeriggio sulla Croisette per la giuria della competizione del 69° Festival di Cannes. Il presidente George Miller ha risposto alle domande dei giornalisti accompagnato dagli otto membri della sua giuria: Kirsten Dunst, Valeria Golino, Vanessa Paradis, Katayoon Shanabi, László Nemes, Arnaud Desplechin, Mads Mikkelsen e Donald Sutherland (che ha dato spettacolo a colpi di battute ben riuscite). Alcuni estratti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Secondo Woody Allen, le grandi opere sono incomparabili ed è impossibile metterle a confronto. Che cosa ne pensa e come assolverà al suo ruolo di giurato?
George Miller: E’ soprattutto una bella occasione per vedere film nuovi e diversi, guardarli e soppesarli con gli altri membri della giuria che sono tutti appassionati di cinema. Cannes è molto importante per il cinema perché vi si scoprono film da diverse parti del mondo. Certo, è difficile valutare i meriti rispettivi dei film, ma il lato molto positivo della cosa è la gioia immensa di essere qui per celebrare il cinema.

Kirsten Dunst: Abbiamo bisogno di festival come Cannes per promuovere i film e i cineasti. Altrimenti, dove saremmo? Non avremmo che blockbuster.

Valeria Golino: E’ impossibile dire che un film è migliore di un altro in assoluto. Ma assegnare un premio non è giudicare il valore assoluto, è solo una questione di circostanze. Mettere a confronto i film non è facile, ma fa parte del gioco. La cosa importante è riuscire ad arrivare a una decisione equilibrata e assumersene la responsabilità, anche in caso di disaccordo.

Arnaud Desplechin: Non si tratta di giudicare, ma di entusiasmarsi e di condividere questo entusiasmo con il pubblico.

Mads Mikkelsen:Uno dei principali ostacoliè che ognuno di noi ha un approccioal cinemaspecifico. Alcuni sono registi, altri interpreti… Bisogna riuscire a ridiventare un semplice spettatore e guardare i film con occhi nuovi.

I palmarès cannensi divergono talvolta dalla ricezione generale dei film sulla Croisette. Terrete conto della vox populi?
G.M.: Migliaia di persone possono avere un parere su un film o l’altro. Noi siamo un piccolo gruppo, ci siamo appena incontrati e creeremo la nostra dinamica, discuteremo, dibatteremo. Fa parte del mistero di Cannes. Penso che sarebbe un errore tenere conto dei diversi punti di vista, dei critici o dei semplici spettatori: non siamo dei politici! Ad ogni modo, saremo molto rigorosi e molto sinceri.

(Tradotto dal francese)

Newsletter

Jihlava
Focal Production Value

Follow us on

facebook twitter rss