La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Orpheline (2016)
Félicité (2017)
Paris La Blanche (2016)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

“Possiamo garantire un alto valore potenziale a ciascun film”

email print share on facebook share on twitter share on google+

Ivo Felt • Produttore

di 

- CANNES 2016: Cineuropa incontra il produttore Ivo Felt (Tangerines e The Fencer) per parlare dei suoi prossimi progetti e dell'importanza di avere un film estone candidato agli Oscar

Ivo Felt  • Produttore
Il produttore Ivo Felt

Cineuropa ha incontrato Ivo Felt, produttore di Tangerines [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 e The Fencer [+leggi anche:
trailer
intervista: Ivo Felt
scheda film
]
, al Festival di Cannes per parlare dei suoi prossimi progetti e dell'importanza che avuto per una piccola nazione come l'Estonia avere due film candidati ai Golden Globes e uno candidato all'Oscar.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come sono andate le vendite internazionali di Tangerines?
Ivo Felt: Il film è stato venduto in più di cento paesi. Sappiamo che Tangerines non è un blockbuster, ma il fatto che un film così piccolo possa essere distribuito in tante nazioni è un grande risultato per l'Estonia e, ovviamente, anche per me e per il regista georgiano Zaza Urushadze. Al momento ci stiamo occupando della pre-produzione di un nuovo progetto: il film si chiama The Monk e le riprese sono programmate per Giugno, in Georgia. Ho avuto la netta sensazione, qui a Cannes, che ci sia un grande interesse per questa sceneggiatura. Inoltre, The Fencer sta vendendo molto meglio dopo la nomination ai Golden Globes, quindi lo stiamo distribuendo in diverse nazioni. 

C'è un fattore ricorrente nelle sue vendite: sembra infatti che i suoi film inizino ad avere successo nel mercato dopo essere andati ai Golden Globes, agli Oscar o ad altre manifestazioni importanti, mentre, le nazioni più conosciute non hanno necessariamente bisogno di questo tipo di visibilità per vendere i loro film. Quanto manca al cinema estone per ottenere un riconoscimento internazionale a prescindere dai premi che riceve?
Secondo me ci siamo molto vicini. L'anno scorso, a Cannes, abbiamo iniziato ad avere una richiesta maggiore e sembrava che le persone fossero già al corrente della qualità dei nostri film. Ovviamente, bisogna ricordarsi che siamo una nazione molto piccola e che non distribuiamo un numero così elevato di film tutti gli anni; quindi, sarebbe davvero troppo aspettarsi che il mondo intero conosca il nostro lavoro. Ad ogni modo, penso che ci sia già una discreta conoscenza dei film estoni e della nostra capacità produttiva. Possiamo garantire un alto potenziale a ciascun film perché non siamo costosi e la qualità è visibile sullo schermo. The Fencer è un ottimo esempio di quello che sto dicendo.

Può condividere con noi qualcosa in più sui progetti a cui sta lavorando? Ha intenzione di co-produrre nuovamente con la Georgia?
Non direi mai di no a Zaza, dal momento che siamo grandi amici. A dire il vero, lui ancora non lo sa, ma potrei già avere qualcosa per lui. Per il momento, abbiamo appena completato il film di Toomas Hussar, un regista estone la cui opera prima, Mushrooming, è stata premiata a Karlovy Vary e a Toronto. Il suo nuovo film è intitolato The Spy and the Poet ed è un film drammatico con degli elementi comici: il film parla di un funzionario dell'intelligence che combatte l'agente segreto russo del quale è innamorato. Il cinema non è un business in Estonia, in realtà lo è di rado anche nel resto d'Europa. La maggior parte dei nostri finanziamenti proviene dallo Stato e, per questo motivo, abbiamo la flessibilità e libertà artistica di lavorare a dei successi commerciali, ma anche a progetti più piccoli. Stiamo per produrre il film di un giovane regista estone, Lauri Lagle, con un budget estremamente ridotto, simbolo della concezione artistica del cinema che abbiamo in Estonia, ma, allo stesso tempo, stiamo lavorando a progetti più grandi con altri registi. Direi che è un privilegio molto raro.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Bridging the Dragon

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home