La ragazza senza nome (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
Un padre, una figlia (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
Things to Come (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Le donne di solito sono le protagoniste dei miei film perché, in fondo, sono un femminista"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Olivier Assayas • Regista

di 

- Abbiamo parlato con il francese Olivier Assayas, premiato a Cannes per il suo Personal Shopper, che adesso riceve un premio a tutta la sua carriera al Festival di Zurigo

Olivier Assayas  • Regista
Olivier Assayas posa con il Premio Tributo del Festival di Zurigo (© Zurich Film Festival)

Dopo averle offerto un ruolo secondario in Sils Maria [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Charles Gillibert
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
, Olivier Assayas è tornato a lavorare con l'americana Kristen Stewart nel suo nuovo film, Personal Shopper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Artemio Benki
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
. Con questo film di genere, il francese ha vinto lo scorso maggio il premio alla miglior regia al Festival di Cannes. Questa volta l'attrice interpreta un'esperta di moda che vive a Parigi. Lì aspetta che suo fratello gemello, morto di recente nella capitale francese, le invii un messaggio dall'oltretomba. Improvvisamente inizia a ricevere misteriosi messaggi anonimi sul suo cellulare. Tutta la realtà può essere messa in discussione in questo particolare film di mistero. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Nella sua dodicesima edizione, lo Zurich Film Festival ha assegnato al regista il premio A Tribute to... dedicato a tutta la sua filmografia. In occasione del premio, sono stati inoltre proiettati alcuni dei suoi film al cinema Filmpodium della città svizzera.

Cineuropa: In Personal Shopper utilizza una storia di fantasmi per raccontare il complesso percorso emotivo della sua protagonista. Crede ai fantasmi o forse dovremmo considerarli uno strumento per gestire la nostra vita interiore?
Olivier Assayas: È questione di terminologia. Se dici di credere ai fantasmi, sembra stupido. Ma credo che ci siano cose non fisiche. Esiste l'invisibile in mezzo a noi. La vita non è solo materiale. Lottiamo ogni giorno con le nostre fantasie, i nostri sogni e le nostre paure. Cose molto reali che non si possono vedere.

Recentemente ha fatto molto scalpore per aver dichiarato che Kristen Stewart è la migliore attrice della sua generazione.
È totalmente responsabile di molte delle scene che si vedono nella pellicola. Il film ha molto a che fare con ciò che lei ha creato e con il modo in cui ha contribuito singolarmente. Credo che si diverta a girare con me perché trova una libertà come attrice che non le danno le produzioni di Hollywood. Ad esempio, si è stupita di scoprire che tutte le scene che avevo girato per Sils Maria comparissero nel montaggio finale. È abituata al fatto che a Hollywood si giri il doppio di ciò che si vede. Non è una cosa necessariamente negativa, ma non riflette tutto il lavoro che hanno fatto gli attori.

Ha visto molti horror classici per realizzare questo film?
Ne ho visti molti nella mia vita. Una delle esperienze più emozionanti che si possono offrire allo spettatore è il film horror. Le reazioni diventano fisiche. Bisogna prendere in considerazione molti fattori cinematografici per riuscirci. Ho sempre ammirato i registi indipendenti che si dedicavano al genere in America mentre io iniziavo nel mondo del cinema, negli anni '70. John Carpenter, Wes Craven, David Cronenberg... In effetti, li ho intervistati tutti.

Ha scritto di cinema sui Cahiers du Cinéma, prima di diventare regista. Quest'esperienza l'ha influenzata nel dirigere? È più consapevole di come saranno analizzati i suoi film?
Per me, scrivere di cinema quand'ero giovane è stato come andare a scuola di cinema. La mia formazione era incentrata sulle arti e questo lavoro mi ha reso consapevole di aspetti del cinema che prima sconoscevo. Ero molto riluttante ad apprezzare tutto ciò che aveva a che fare con le registrazioni e i video; grazie agli sforzi compiuti per questo lavoro, ho imparato ad apprezzare il cinema.

Perché le donne sono al centro delle sue storie nella maggior parte dei suoi film?
Credo di essere, in fondo, un femminista. Sebbene io abbia anche narrato storie di uomini, ciò che mi ispira delle donne è il modo in cui stanno prendendo posizione nel mondo moderno. Credo sia l'evento che definisce il ventesimo e il ventunesimo secolo. Il maschilismo è il percorso che compie il male per muoversi nella società in cui viviamo; è la ragione della violenza che la affligge.

È vero che ha sempre cercato di non essere considerato parte del cinema indipendente francese? Girare in inglese con star americane -come la Stewart o Chloë Grace Moretz- fa parte di tale proposito?
Non mi piaceva l'idea di rimanere incasellato in un particolare tipo di cinema, senza la possibilità di reinventarmi come creatore. Inoltre, sono molto interessato a girare in modo che le culture si mettano in comunicazione tra loro in questo mondo moderno, globalizzato. È un argomento che pochi registi affrontano. Ricorrere ad attori stranieri mi permette di riuscirci. Se mi limitassi allo spettro interpretativo francese, a quei nomi potenti che garantiscono i finanziamenti per il film, avrei poche opzioni tra cui scegliere i miei personaggi e i modi di narrare. Ad esempio, non sarei stato in grado di trovare un'attrice per Personal Shopper.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

Newsletter

CNC conférence 6 decembre

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs