Glory (2016)
Waves (2016)
María (y los demás) (2016)
Un padre, una figlia (2016)
United States of Love (2016)
Personal Shopper (2016)
Zoology (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Soddisfiamo una serie di gusti diversi"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Stefan Laudyn • Direttore, Festival di Varsavia

di 

- Il direttore del Festival di Varsavia Stefan Laudyn ha incontrato Cineuropa per discutere della prossima edizione del festival, della sua organizzazione e dell'iniziativa Warsaw Next

Stefan Laudyn  • Direttore, Festival di Varsavia

Stefan Laudyn ha sostanzialmente diretto il Festival di Varsavia fin dall'inizio, lavorando per la Warsaw Film Week dal 1986. È diventato direttore del festival nel 1991, quando l'evento ha assunto un nuovo nome. Nel 1995 ha fondato la Warsaw Film Foundation, che organizza il festival, co-fondata dall'Alliance of Central and Eastern European Festivals, e attualmente funge da consulente alla sceneggiatura e alla produzione. Cineuropa ha incontrato Laudyn per discutere di ciò che ha in serbo per la 32ma edizione del festival (7-16 ottobre). 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Cineuropa: Il Festival di Varsavia offre una panoramica del cinema dell'Europa centro-orientale, dei cinema adiacenti, così come dei film provenienti da altri angoli del mondo, come i territori dell'Asia e dell'America latina. Oltre alle storie interessanti raccontate tramite il linguaggio moderno del cinema, quali altri criteri considera quando cerca i film?
Stefan Laudyn: A mio modesto parere, il WFF è un vero e proprio festival cinematografico internazionale, con film provenienti da ogni parte - quest'anno da 61 Paesi. È sempre importante che, oltre ai suddetti criteri, sia il film a emozionare davvero.

Quant'è importante il Paese d'origine? Esiste un rapporto secondo cui la line-up principale è suddivisa?
Un limite al WFF?! Sta scherzando? Mi permetta di citare Gilles Jacob, che, parlando di Cannes, ha detto, "è un festival del cinema, non di politica". Il nostro compito è quello di scegliere i film che crediamo i migliori, da qualunque Paese provengano.

Ci sono stati leitmotiv particolari nel mirino durante la programmazione della line-up della 32ma edizione? Oltre a presentare una serie di pellicole che esplorano il tema dell'immigrazione, ovviamente.
Non riesco a immaginare di decidere il tema dell'edizione in anticipo, semplicemente non funziona così. Scegliamo in base ai film che arrivano. Non abbiamo idea di ciò che ci sarà il prossimo anno.

Il Festival di Varsavia è entrato con successo nel quarto decennio della sua vita. Subirà eventuali modifiche che potrebbero emergere durante la prossima edizione?
Dopo oltre vent'anni di esistenza, il WFF ha sviluppato una struttura di programmazione che è rimasta costante per circa un decennio. Abbiamo cinque sezioni competitive - per film di finzione, documentari e cortometraggi (ammissibili agli Oscar) - così come alcune non competitive: Special Screenings, Discoveries, Family Cinema Weekend. Ci sono anche due sezioni polacche: Classics from Poland e Best Polish Shorts of the year. Credo che questo renda il programma molto ben equilibrato. Voglio dire, parte del pubblico è alla ricerca di novità - per loro abbiamo tante anteprime mondiali, internazionali ed europee, per lo più in sezioni competitive. Poi, c'è un pubblico che cerca film di cui ha già sentito parlare - quelli presentati in anteprima a Cannes, Venezia, Toronto o San Sebastián. Ultimo ma non meno importante, ci sono persone che sono solo alla ricerca di film ben fatti e divertenti. Soddisfiamo una serie di gusti diversi.

Il WFF punterà i riflettori sul cinema di formazione e su quello balcanico quest'anno. Perché avete deciso questi due filoni per la 32ma edizione?
Non abbiamo deciso noi, ma i registi dei film che ci sono piaciuti particolarmente. È un anno incredibile per la Romania e la Bulgaria, per esempio, ma il cinema croato è anch'esso molto forte.

Il cinema nazionale costituisce parte integrante del WFF. In che condizioni è il cinema polacco rispetto agli anni precedenti?
Quest'anno, abbiamo film polacchi in anteprima a Locarno, Toronto, San Sebastián, e Busan - quindi è un buon anno. Credo che abbiamo alcuni assi nella manica.

CentEast si è inoltre radicato nella struttura del WFF. Ci sono delle novità per la sua 12ma edizione?
Più di una sorpresa, in realtà. Il Programma Europa Creativa MEDIA ha respinto la nostra richiesta per il prossimo anno, quindi la 12ma edizione potrebbe essere l'ultima.

Come si colloca l'alleanza della Cina e dell'Europa orientale nel quadro del China-Eastern Europe Film Promotion Project?
Beh, la collaborazione con la Cina è forse la nostra più grande sfida, ma mi piace così!

Cos'è l'iniziativa Warsaw Next e per chi è pensata?
Si tratta di un programma di formazione/laboratorio per giovani registi polacchi, che hanno già almeno un cortometraggio pronto, ma non hanno molta esperienza internazionale. E al WFF, abbiamo tanti professionisti riconosciuti a livello internazionale che amano condividere le loro conoscenze con gli altri.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Seneca's Day Lithuania

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home