American Honey (2016)
Un padre, una figlia (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Ho sempre voluto diventare un clown o un mago"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Johannes Nyholm • Regista

di 

- Pluripremiato per i suoi cortometraggi, il regista svedese Johannes Nyholm debutta con grande successo nei lungometraggi con The Giant

Johannes Nyholm  • Regista

L'artista e sceneggiatore-regista-produttore Johannes Nyholm è abituato all'attenzione internazionale - i suoi primi tre cortometraggi sono stati selezionati a Cannes, tra cui il suo debutto Puppetboy (2008); Las Palmas (2011) ha ricevuto numerosi premi, tra cui Miglior Cortometraggio al Göteborg International Film Festival in Svezia e un Guldbagge, premio cinematografico nazionale svedese.

Il suo primo lungometraggio, The Giant [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Johannes Nyholm
scheda film
]
, ha avuto un inizio promettente, venendo selezionato a Toronto. Ha vinto il Premio Speciale della Giuria a San Sebastian, e la settimana scorsa ha ricevuto una Menzione Speciale a Reykjavik in Islanda. È attualmente di scena al BFI London Film Festival e a Busan in Corea del Sud e uscirà a livello nazionale il 14 ottobre tramite Triart Film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Sceneggiato dallo stesso Nyholm, e prodotto da Maria Dahlin per Garagefilm International, The Giant vede Christian Andrén nei panni del trentenne autistico Rikard, che vive in una casa per disabili. È stato separato dalla madre a tre anni, e ciò continua a tormentarlo. Per far fronte alle difficoltà e alle tribolazioni della vita, si rifugia in un mondo fantastico, in cui è un gigante di 50 metri. E poi gioca a petanque o bocce, con il suo migliore amico, sognando di diventare campione nordico - e di ricongiungersi con la madre.

Cineuropa: Da dov'è venuta l'idea di Rikard, il personaggio principale? Non è certamente una persona che si incontra tutti i giorni al negozio di alimentari?
Johannes Nyholm: Rikard è una figura insolita - sarei piacevolmente sorpreso di incontrarlo al mio alimentari di fiducia. È una manifestazione fisica di uno stato mentale derivante da un sogno febbrile che ho fatto quando avevo quattro anni. Nella sua forma più estrema era vicino al metafisico - era difficile comunicare con il mondo esterno, era difficile da raggiungere, difficile essere raggiunti. Lo guardavo da lontano, come attraverso un binocolo messo al rovescio - vedevo in lontananza persone che parlavano in una lingua che non capivo, di cose che potevano riguardarmi.

Come lo descriverebbe?
Ha ovviamente alcuni difetti nella sua comunicazione con il mondo esterno. La sua mente funziona in modo diverso, ha un occhio solo, e le orecchie sono parzialmente coperte da escrescenze. Inoltre, è quasi muto. La sua forza è la sua volontà e il suo mondo interiore, che è estremamente ricco, poetico, magico. Il suo carattere è così forte che influenza il suo mondo fisico e lo aiuta a guarire le ferite che porta.

La sua vita quotidiana non sembra invidiabile?
I limiti e le restrizioni che dobbiamo affrontare a volte ci aiutano a superarli nel modo più improbabile.

Ha comunque realizzato una favola con una sorta di lieto fine?
Il film è per molti versi molto ottimista. Volevo ritrarre ambienti e situazioni che non sono di solito descritti come vantaggiosi da una prospettiva ottimista. Poi, se la risoluzione è felice o meno, non lo dico. Ma spero che lasci un senso di benessere.

È stata una produzione difficile da realizzare?
Ho scritto una prima versione della sceneggiatura molto rapidamente quasi dieci anni fa. Poi è maturata in un cassetto. L'ho presa quattro anni fa, poi l'ho strutturata, semplificata e affinata, e l'ho portata come work-in-progress al CineMart di Rotterdam, dove siamo riusciti a vincere il premio Eurimages. Ciò ha contribuito in modo significativo al finanziamento.

Oltre al fatto che ci volevano 4 ore e mezza al trucco per il suo attore protagonista prima di poter girare, ha avuto altri problemi durante la produzione?
Sì, il trucco richiedeva molte risorse, sia in termini di tempo che economici. Ma abbiamo avuto altre grandi sfide durante la produzione - voglio dire, abbiamo un gigante di 50 metri che vaga per Copenhagen e Goteborg. Tuttavia le scene più difficili erano durante il Campionato Nordico di petanque, quando dovevo dirigere 300 comparse.

Quando ha capito di voler diventare un regista?
Da piccolo ho sempre voluto diventare un clown o un mago. Poi a 15 anni ho capito che c'era un modo per combinare queste due ambizioni - diventare un regista.

Sempre stato affascinato dalla combinazione di fantasia e realtà?
Sì. Ciò che succede tra sonno e veglia, tra immaginazione e pensiero è molto emozionante, specie se non si è sicuri da che parte ci si trovi. La nostra percezione della realtà è molto limitata, c'è molto di più al di là della nostra comprensione. Vorrei aprire con cautela la porta verso l'ignoto, far entrare un po' di luce nella nostra esistenza grigia.

Creerà un universo speciale anche per il suo prossimo film?
In realtà, il mio prossimo film, Koko Koko-di-da, è quasi pronto - l'ho girato prima di The Giant. È un universo completamente diverso, ma con lo stesso viaggio sospeso tra sogno e realtà. E se The Giant è un sogno, Koko Koko-di-da è un incubo.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Home Sweet Home

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs