American Honey (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Toni Erdmann (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il film doveva essere toccante, caldo, gentile, tragico e divertente"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Milos Radović • Regista

di 

- Cineuropa ha incontrato lo sceneggiatore-regista Milos Radović per discutere del suo terzo lungometraggio, Train Driver’s Diary, attualmente di scena al Festival di Varsavia

Milos Radović  • Regista
Milos Radović, sul set di Train Driver's Diary

Lo sceneggiatore e regista serbo Milos Radović ha parlato a Cineuropa del suo terzo lungometraggio, Train Driver's Diary [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milos Radović
scheda film
]
, attualmente di scena al Festival di Varsavia nella Competizione Free Spirit. È inoltre il rappresentante serbo all'Oscar al Miglior Film Straniero.

Cineuropa: Sono passati 12 anni dal suo secondo film, Falling into Paradise [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Cosa le ha impedito di realizzarne un altro per così tanto tempo?
Milos Radović: Nulla me lo impediva, ma nulla mi incoraggiava. Il cinema non è la mia unica occupazione, scrivo per il teatro e la TV, e dirigo spot pubblicitari, e mi piacciono tutti questi lavori allo stesso modo. Il cinema non è il mio unico amore, né il più grande. Semplicemente decido di realizzare un film quando ho davvero la sensazione che possa derivarne qualcosa di buono. Spesso mi sbaglio, ma questo è esattamente il motivo per cui ho queste professioni "di scorta".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Come ha sviluppato l'idea di Marko Glušac (montatore scomparso nel 2012, noto per Circles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Srdan Golubovic
festival scope
scheda film
]
) e come ha deciso il tono del film?
Marko è venuto da me con un foglio di carta. Era una storia di mezza pagina sulla vita dei macchinisti. Sembrava un po' arida, ma anche emozionante e sorprendente. Era intrigante, ma pericolosa. Il soggetto sarebbe potuto essere una tragedia, ma anche una tragicommedia. Avevo qualche difficoltà, non sapevo come approcciarla, o con quale tono raccontare la storia. Ci sono voluti più di due anni per decidere! Ci pensavo, ho parlato molto con [produttore e attore] Lazar Ristovski, ma non riuscivo a scrivere nulla. Alla fine ho fatto una scelta: ho deciso che il film doveva essere toccante, caldo, gentile, tragico e divertente - tutto nello stesso film! È difficile, rischioso, improbabile... pericoloso. Alla fine, sembra che al pubblico sia piaciuto.

Mentre il ruolo di Lazar Ristovski è fatto su misura per lui, i ruoli di Jasna Djuričić e Mirjana Karanović sono molto diversi dai quelli che interpretano di solito. Anche il dilettante Petar Korać è molto bravo. Come ha scelto gli attori?
La produzione mi ha permesso di avere gli attori che volevo. Non è così facile di questi tempi; gli attori sono troppo occupati, anche in Serbia. Ma il nostro film era un'"offerta che non si può rifiutare". La Karanović e la Djuričićc sono attrici drammatiche forti e di carattere. Solo attrici così forti possono essere davvero emotive, e questo era fondamentale per il nostro film. Inoltre, dovevano essere pari ad un altro mostro sacro come Lazar. E tutti e tre sono stati uno sfondo ideale per la splendida, angelica persona di Petar Korać. Ero ipnotizzato da questo giovane, che sembra un poeta russo del 19° secolo, e credevo che questi grandi attori sarebbero stati in grado di sostenerlo e di fornirgli le indicazioni giuste.

Perché crede che un film locale forte come questo non stia facendo meglio nei cinema serbi, in cui il pubblico afferma sempre di preferire i film serbi?
Il cinema serbo ha deluso il pubblico serbo. È successo 15-20 anni fa, quando abbiamo iniziato a fare i cosiddetti "film per il pubblico". I realizzatori di quei film hanno umiliato gli spettatori con commedie stupide e a basso costo. Hanno abusato della fiducia che il pubblico serbo aveva nel cinema locale. I cattivi intorno a noi hanno portato alla situazione in cui il pubblico esce dal cinema quando proiettano film serbi. In quello stesso momento la vecchia rete di è andata in fallimento.

Molto tempo fa, negli anni '70, mio ​​padre [l'autore satirico serbo di culto Dusan Radovic] disse, "dicono che i film serbi rovinano i bambini. Sì, ma solo quelli che li fanno." Naturalmente, ci sono delle eccezioni, ogni tre o quattro anni esce un film che piace al pubblico. Ma ci sono sempre meno film in cui il pubblico crede.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Home Sweet Home

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs