American Honey (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Toni Erdmann (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"È pieno di anarchia e grinta, ma ha anche un grande cuore"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Adam Smith • Regista

di 

- Il regista britannico Adam Smith ha portato il suo primo lungometraggio, Trespass Against Us, poliziesco dal cuore caldo, al BFI London Film Festival

Adam Smith  • Regista

Dopo la sua prima mondiale a Toronto, l'opera prima del regista di programmi TV, video musicali britannici e film-concerto Adam Smith, Trespass Against Us [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adam Smith
scheda film
]
è stata presentata al 60° Festival di Londra. Il film fa parte della sezione Thrill del festival. Cineuropa ha incontrato il regista per discutere della realizzazione del film, del casting e della sua musica.

Cineuropa: Questo è il suo film d'esordio e, dato il suo lavoro nella televisione, video musicali e film concerto, immagino che abbia avuto diverse possibilità di dirigere pellicole in passato. Trespass Against Us valeva particolarmente la pena o era qualcosa che cercava personalmente?
Adam Smith: Lo sviluppo di Trespass Against Us è iniziato 12 anni fa, un mio amico stava facendo un documentario, mi ha mostrato alcuni filmati ed è stato incredibile. Avevo già fatto un documentario d'osservazione e non volevo farne ancora. Ma dissi che dovevamo fare un film su quei ragazzi; quest'incredibile storia e questi personaggi incredibili. Ho sviluppato diversi film negli ultimi dieci anni, ho letto un sacco di sceneggiature; tanto lavoro con apparentemente niente da mostrare, ma fa parte del viaggio. Trespass Against Usera la sceneggiatura migliore che avessi mai letto, e certamente quella che mi attraeva di più.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Michael Fassbender e Brendan Gleeson rendono grande qualunque film, per non parlare di un'opera prima. Presumo che ciò abbia aiutato in termini di finanziamento?
Film4 era già scritturata, e c'erano molte persone davvero interessate perché la sceneggiatura era buona, ma sicuramente ha fatto la differenza quando Michael ha firmato. Ha fatto un po' aumentare il nostro budget, anche se non di molto, perché c'è tutta una serie di caselle da spuntare per valutare se il film avrà un guadagno. Non è un film prettamente commerciale, ma spero che vada a vederlo molta gente, e spero che si commuovano in molti.

Anche i ragazzini sono fantastici, come li ha scelti?
Erano tutti ragazzi locali; abbiamo avuto una straordinaria addetta ai casting di nome Anna McAuley che girava per i siti turistici e in tutte le scuole in cui i ragazzi venivano buttati fuori delle lezioni e facevamo dei workshop. Poi abbiamo trovato Georgie Smith, che interpreta Tyson, e la prima volta che mi sono seduto con lui per parlarne, l'ho preso in giro per qualcosa e mi ha preso a calci negli stinchi più forte che poteva. Poi Alastair Siddons (lo sceneggiatore) ha riso e gli ha dato un calcio nello stinco quindi entrambi avevamo questi lividi violacei, tornati a casa. Molti altri ragazzi non sapevano dire brutte parole, né guidare. Georgie sa parlare sporco e sa guidare, era praticamente perfetto - era incredibile.

Vorrei sapere della sua collaborazione con i Chemical Brothers, la cui colonna sonora si adatta perfettamente a numerose scene del film. È questo il risultato di ore di discussioni o aveva una corsia preferenziale poiché aveva lavorato con loro in precedenza?
Quando ho letto la sceneggiatura e ho pensato alla musica, mi sono detto che la musica dei Chemical Brothers è piena di anarchia e grinta, ma ha anche un grande cuore, proprio come la storia, i personaggi e quel mondo. Una colonna sonora di sola musica elettronica non avrebbe funzionato, quindi dovevamo trovare un paesaggio sonoro diverso. Tom Rowlands non ne era molto entusiasta inizialmente, ma, ancora una volta, adorava davvero la sceneggiatura. Ha partecipato a una lettura collettiva con tutti gli attori, è andato via e ha scritto un po' di musica. L'ha registrata con musicisti classici, poi ha portato il tutto nel suo studio e ha pasticciato un po'. Quello che ci siamo trovati per le mani, voglio dire, nelle scene degli inseguimenti, il Mini Metro giallo è un pezzo classico dei Chemical Brothers, ma l'altra scena dell'inseguimento è un pizzicato di viola o violino, eppure ha ancora l'inconfondibile energia dei Chemical Brothers. La scena alla fine è davvero potente ed emotiva - ti tocca profondamente e penso che Tom abbia fatto un lavoro straordinario.

La nostra copertura per il 60° BFI London Film Festival è gestita in collaborazione con lo UK National Film and Television School's MA in Cinema, Organizzazione e Gestione.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

CNC conférence 6 decembre

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs