La Mort de Louis XIV (2016)
Insyriated (2017)
Ava (2017)
On Body and Soul (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
Indivisibili (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"I rifugiati sono vittime di un sistema corrotto ben orchestrato a distruggere"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Yannis Sakaridis • Regista

di 

- Presentato per la prima volta nella sezione Agora, l'apprezzato dramma sui rifugiati di Yannis Sakaridis Amerika Square torna a Salonicco in cerca d'oro nella Competizione Internazionale

Yannis Sakaridis  • Regista

Già noto al Thessaloniki International Film Festival, l'apprezzato dramma sui rifugiati di Yannis Sakaridis Amerika Square [+leggi anche:
trailer
intervista: Yannis Sakaridis
scheda film
]
(presentato in anteprima mondiale a Busan prima di arrivare a Chicago) è stato svelato per la prima volta proprio qui al Crossroads Co-production Forum dell'Agora come progetto in cerca di fondi. Sebbene sia stato temporaneamente messo in attesa, il regista è tornato al festival come concorrente al Golden Alexander con il suo primo lungometraggio, Wild Duck [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, e quasi un decennio dopo la sua prima visita a Salonicco, Sakaridis finalmente ritorna con Amerika Square, puntando ancora una volta all'oro della Competizione Internazionale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Ha presentato per la prima volta Amerika Square proprio qui a Salonicco un po' meno di un decennio fa, ma ha dovuto accantonarlo e passare a Wild Duck. Quando è tornato a Amerika Square qualche anno più tardi, ha pensato di aver predetto la crisi dei rifugiati, o ha avuto bisogno di aggiornarlo?
Yannis Sakaridis: Trovandoci nel bel mezzo della più grande crisi contemporanea dei rifugiati e dell'immigrazione, abbiamo dovuto aggiornare per forza un po' della storia. Nel 2008, la maggior parte dei rifugiati che vivevano vicino e intorno alla piazza ateniese in questione erano principalmente africani. Quando abbiamo ricominciato la ricerca nel 2014, il partito di estrema destra Alba Dorata si era già sciolto, ma aveva lasciato il segno sulla piazza. Abbiamo parlato con molti siriani che ci hanno offerto una prospettiva diversa su ciò che stava succedendo, rispetto a quello che avevamo avuto in mente qualche anno fa: la piazza si è trasformata in una moderna "Casablanca", dove migliaia di persone in cerca di un trafficante sono in attesa di un passaporto falso o di un posto su un camion o una barca - qualunque mezzo possa trasportarli verso l'Europa occidentale.

Quando è tornato al film, ha implementato il romanzo di Yannis Tsirbas Victoria Doesn’t Exist nella sceneggiatura per arricchire la trama con il movimento sociale di estrema destra che è recentemente emerso. C'era anche una certa ricerca sulle difficoltà dei rifugiati che cercano di oltrepassare il confine greco?
Il romanzo di Yannis Tsirbas è perfetto: parla di un banale razzista, Nakos, che vuole che il suo quartiere torni com'era negli anni '80, quand'era bambino: un quartiere bianco, di classe media, prospero e abitato solo da greci. Ora è più che trentenne e disoccupato e vive ancora con i genitori. Da buon razzista, incolpa i rifugiati per la sua infausta situazione e ha un piano malvagio per risolvere il suo "problema". Tarek, d'altra parte, che si basa sulla storia di un individuo realmente esistente, è uno dei molti rifugiati siriani che cercano di sfuggire alla guerra attraversando il Mediterraneo. Giunge ad Amerika Square alla ricerca di uno di questi trafficanti che traggono profitto dalle disgrazie della gente, indifferenti alle loro sofferenze, e in alcuni casi anche provocandole loro stessi. Allo stesso tempo, tuttavia, queste persone sono l'unica porta volutamente lasciata aperta da un sistema corrotto, ben orchestrato quando si tratta di bombardamenti e distruzione, ma totalmente smarrito quando si tratta di salvare e ricostruire. 

La posizione politica del suo film è incentrata fortemente sul delicato equilibrio tra la simpatia, la disillusione e la minaccia in agguato che trasuda il personaggio grossolano dell'aspirante stragista anti-rifugiati Nakos. Cosa l'ha fatta pensare a Makis Papadimitriou, attore leggero e a modo, per un ruolo così cupo?
Makis Papadimitriou è un genio ed ho sempre amato il suo lavoro. Ha letto il romanzo e, quando ci siamo incontrati, ha analizzato la storia e i suoi temi anche meglio di me. Ha capito tutto. Il personaggio, tuttavia, è molto divertente. È una persona molto leggera e sensibile; non è solo malvagità e oscurità. È un razzista banale, le cui tendenze razziste sono in realtà molto nascoste, e ha troppa paura per picchiare qualcuno, o far parte di una squadra di picchiatori neonazisti, per esempio. È inoltre molto fiero delle qualità ribelli e rock'n'roll del personaggio di Billy (Yiannis Stankoglou), il tatuatore con cui Nakos è cresciuto, vivendo nello stesso edificio. È probabilmente il tipo di persona che voterebbe per Trump, ma non lo ammetterebbe mai. 

Il fenomenale successo del film nel circuito internazionale dei festival sarà un peso sulle sue spalle quando girerà il prossimo progetto, o sta aspettando il verdetto del pubblico greco quando il film uscirà nelle sale locali?
Mi piacerebbe che i miei film funzionassero sia ai festival che con gli spettatori in Grecia. L'obiettivo del film è quello di delineare personaggi credibili in un ambiente riconoscibile, senza perdere di vista il quadro sociale più grande.

Cosa può dirci del suo prossimo progetto?
Mi piacerebbe fare qualcosa in Asia - in India o in Corea.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Film Business Course
Festival Scope Quinzaine
WTW Unexpected Love Stories

Follow us on

facebook twitter rss