Indivisibili (2016)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
Verónica (2017)
Scary Mother (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"È difficile dire quando l'abuso diventa evidente, ma è facile che capiti"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Adrian Sitaru • Regista

di 

- Dopo una prima mondiale a Toronto, il regista rumeno Adrian Sitaru presenta il suo dramma The Fixer a Les Arcs. Abbiamo parlato con lui dei complessi dilemmi del film

Adrian Sitaru • Regista
(© Festival de Cinéma Européen des Arcs / Manuel Moutier)

Quattro anni dopo il suo atmosferico Domestic [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
, Adrian Sitaru ha realizzato non uno, ma due film nel 2016: dopo aver presentato il suo dramma sull'incesto Illegitimate [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Adrian Sitaru
scheda film
]
alla Berlinale, è ora in concorso all'8° Festival del Cinema Europeo di Les Arcs (dal 10 al 17 dicembre 2016) con un altro tema difficile in The Fixer [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Adrian Sitaru
intervista: Tudor Aaron Istodor
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: La prima parola che The Fixer porta alla mente è "abuso". Cosa l'ha spinta a fare il film?
Adrian Sitaru: Il dilemma morale immaginato dallo sceneggiatore Adrian Silişteanu si basa su eventi reali di quando lavorava come risolutore, uniti ad un dilemma personale relativo all'etica della mia professione che, anche quando alimentata dalle migliori intenzioni nel nome dell'arte, può diventare abuso. Come in ogni professione, in realtà. In effetti, le numerose discussioni che abbiamo avuto sull'argomento durante la stesura della sceneggiatura hanno dato vita ad un cortometraggio, Art, quindi questo dilemma mi ha portato a trasformare l'argomento non solo in un film, ma anche in un cortometraggio. 

Come regista, ha mai abusato dei suoi attori o della troupe?
In generale, è difficile dire quando l'abuso diventa evidente, ma è facile che capiti, anche senza rendersene conto, poiché il regista si trova in ​​una posizione di autorità. Abbiamo parlato a lungo degli abusi in altre professioni, di abuso come impulso ancestrale, anche di come abusiamo dei nostri figli, volendo che siano i migliori, con le migliori intenzioni. Credo che ogni volta che costringiamo qualcuno a fare qualcosa contro la sua volontà, è una forma di abuso. Ma è anche una zona grigia, aperta alla discussione. Per rispondere alla domanda, ho sentito di costringere i miei attori (con argomenti logici) a fare qualcosa che non volevano, in modo simile a come i giornalisti forzano, molte volte senza argomenti, certe dichiarazioni, oppure ho costretto (senza argomenti) degli animali a comportarsi come volevo, ma nel giornalismo si chiama manipolazione. Naturalmente, non è morto nessuno, e a volte erano anche ben pagati, ma questo è al centro di questi dilemmi. 

Qual è stato il problema più grande durante la produzione?
La mancanza di denaro. Il sostegno che abbiamo ricevuto dal Romanian National Film Center era incredibilmente esiguo, di circa €60.000, e non a causa dei decisori, ma a causa di alcune regole ridicole. Non siamo riusciti a ottenere molto altro dall'estero, anche se il progetto ha avuto un ottimo riscontro. A un certo punto abbiamo posticipato le riprese, pensando che un budget troppo piccolo avrebbe compromesso il film. Personalmente, mi sentivo frustrato che un progetto di film con dialoghi in gran parte in francese, con almeno due attori francesi, e premiato da una giuria di Sarajevo che comprendeva membri del CNC e di ARTE non riuscisse a trovare quasi nessun finanziamento in Francia.

Diana Spătărescu, che interpreta la prostituta adolescente nel film, è una vera rivelazione. Come la istruiva prima di girare una sequenza?
Le nostre conversazioni erano molto normali. Diana non è solo di grande talento, ma anche molto intelligente e, cosa forse più importante per questa parte, molto matura per la sua età. Il casting per la sua parte è stato molto difficile, poiché non volevamo diventare autori di un abuso come quello della sceneggiatura. Una delle nostre condizioni era che la ragazza che avremmo scelto non imparasse il significato delle sue battute da noi. Anche per rispettare la sua innocenza ed età psicologica. Ci è stato assicurato da lei, ma cosa ancora più importante, da suo padre, che era a conoscenza di queste cose e le capiva. Inoltre, abbiamo parlato delle possibili ripercussioni di questo tipo di parte sulla sua vita reale.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Midpoint TV/Feature
DPC
Sarajevo Report

Follow us on

facebook twitter rss