A Gentle Creature (2017)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
Scary Mother (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Erlprince (2016)
Grain (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Entrambe le competizioni diventano sempre più organiche e coerenti nelle loro line-up"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Bero Beyer • Direttore, International Film Festival Rotterdam

di 

- Cineuropa ha incontrato il direttore dell'International Film Festival Rotterdam, Bero Beyer, per parlare della 46ma edizione (25 gennaio-5 febbraio)

Bero Beyer  • Direttore, International Film Festival Rotterdam

Il produttore olandese indipendente Bero Beyer è stato nominato direttore generale e artistico dell'International Film Festival Rotterdam (IFFR) nel maggio 2015, e la prossima edizione è la seconda sotto la sua gestione. Ha parlato a Cineuropa delle novità e dell'impegno del festival verso le nuove tecnologie.

Cineuropa: L'anno scorso, abbiamo parlato dei cambiamenti che ci attendono all'IFFR (leggi l'intervista). Quali sono le principali modifiche per la 46ma edizione?
Bero Beyer: C'erano un paio di cose che siamo stati molto felici di iniziare l'anno scorso e che consolideremo nella line-up di quest'anno. Il cambiamento importante di quest'anno riguarda il modo in cui trattiamo i nostri programmi a tema. Oggi, le immagini e i registi influenzano il modo in cui vediamo il mondo. Abbiamo avuto diversi programmi a tema l'anno scorso, ma erano sparsi per quattro sezioni. Così abbiamo pensato: "Mettiamoli insieme nella sezione Perspectives". Deep Focus è la sezione maggiormente dedicata ai cinefili perché guardiamo alla storia; presenteremo una retrospettiva completa di Jan Němec, ma anche una dell'artista visivo Joost Rekveld, e l'elemento che mi piace molto è che abbiamo una line-up di film con le ultime opere di Albert Serra e Ulrich Seidl, e questi sono autori molto specifici raggruppati insieme. Abbiamo la Competizione Tiger in Bright Future, che è l'elemento competitivo principale. Ma anche la Competizione Big Screen in Voices vanta una fantastica line-up, e stiamo continuando con l'idea che abbiamo iniziato l'anno scorso, di dire che questi sono i film che ci si può aspettare in Bright Future e Voices in futuro, e si può essere più espliciti in quelle aree. Penso che sia vero per entrambe le competizioni, che stanno diventando sempre più organiche e coerenti nelle loro line-up. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ci sono delle aggiunte nelle ​​altre aree dell'IFFR?
Quest'anno, siamo in grado di presentare molti altri dibattiti e master class che mettono al centro i film e i registi. Autori come Olivier Assayas, Béla Tarr e Barry Jenkins parleranno dei loro film come parte del contesto sociale in cui viviamo. Possiamo davvero offrire un contesto aggiuntivo per quei film, in fondo. Sono molto felice di come tutto questo stia prendendo forma perché ci dovrebbe sempre essere una combinazione: il festival che celebra i registi più nuovi e recenti dovrebbe essere sempre accoppiato con ciò che la gente ha fatto negli ultimi dieci anni, e queste sono le carriere da cui tutti possiamo imparare. 

La prossima edizione introdurrà il Propellor Film Tech Hub. Perché ha deciso di espandere il lato di settore dell'IFFR?
Abbiamo pensato che fosse altrettanto importante guardare alle sfide dell'industria del cinema in quanto tale. Possiamo già vedere che il mondo sembra molto diverso sul piano tecnologico rispetto a un anno fa, ma per molti aspetti, il settore è lento e costante, e cerca di essere quanto più conservatore è possibile. Abbiamo pensato che sarebbe stata una grande idea aprire le porte ed esplorare altre strategie, per guardare a ciò che stanno usando gli altri settori - quello delle start-up, dei videogiochi, del design, della musica, delle telecomunicazioni - e forse possiamo riscoprire un modo di istituire reti e infrastrutture sane per il tipo di opere indipendenti che vogliamo continuare a celebrare. E non è stata una sorpresa che lo European Film Market stesse pensando alle stesse cose: erano a conoscenza del fatto che il concetto di mercato cinematografico che hanno a Berlino dovrebbe essere sempre in prima linea in termini di innovazione. Stessa cosa per il CPH:DOX, come anche l'iniziativa Cinemathon, che cercavano di utilizzare strutture acceleratrici e incubatrici per trovare nuove idee per il cinema. Ci siamo detti che dovevamo pensare a tutto questo insieme perché riguarda tutti noi. Dobbiamo aprire le porte e collaborare di più, pensare in modo alternativo per dare voce a nuove idee e per provarle. E questo è Propellor - cercare di innovare l'industria del cinema.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint TV/Feature

Follow us on

facebook twitter rss