Petit Paysan (2017)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
Scary Mother (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Square (2017)
Indivisibili (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Lavorare contro gli stili cinematografici tradizionali rende il cinema più potente"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Frauke Havemann, Eric Schefter, Mark Johnson • Registi/sceneggiatori

di 

- Cineuropa ha incontrato il team creativo del film provocatorio Weather House per parlare della loro opera, a cavallo tra cinema e teatro

Frauke Havemann, Eric Schefter, Mark Johnson  • Registi/sceneggiatori
(s-d) Mark Johnson, Eric Schefter e Frauke Havemann

Il team creativo dietro il film tedesco Weather House ha presentato il film sul suolo americano come anteprima mondiale della Selezione Ufficiale della Competizione Narrativa dello Slamdance Film Festival 2017. Weather House è stato diretto da Frauke Havemann, co-diretto da Eric Schefter e sceneggiato da Mark Johnson, mentre il concept è stato ideato dalla Havemann e da Johnson. La Havemann e Schefter hanno inoltre curato il montaggio, mentre tutti e tre hanno prodotto il progetto, insieme a Marcel Neumann, direttore della fotografia del film. La storia di questo film minimalista narra di un gruppo di personaggi isolati che affrontano cambiamenti climatici estremi e le loro conseguenti reazioni bizzarre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Cos'ha stimolato la nascita di Weather House? Il film è tematicamente ambiguo, stilisticamente e formalisticamente complesso - fondendo horror e ironia, assurdo e minimalismo - pur presentando interpretazioni assai curate e un grande gusto per le arti visive. Ciò rende il prodotto finale piuttosto complicato.
Frauke Havemann, Eric Schefter, Mark Johnson: Affrontiamo i problemi tra uomo e natura da anni, quindi questo film succede organicamente al nostro lavoro precedente. Naturalmente, siamo ispirati dai film che amiamo, ma siamo stati anche ispirati da mostre d'arte che abbiamo visitato durante il processo di sviluppo, così come da viaggi in ambienti estremi, come il deserto e Las Vegas. 

Come ha fatto il progetto ad essere diretto da due registi e scritto da uno sceneggiatore-regista statunitense, pur essendo essenzialmente un progetto tedesco, in termini di produzione?
Il processo di collaborazione viene dall'aver lavorato insieme per molti anni. Mark Johnson ha vissuto in Germania in precedenza e ha lavorato in teatro con molte delle persone coinvolte nel film. Ha continuato a contribuire al lavoro dopo essersi trasferito a Los Angeles. Frauke e Eric vivono e lavorano a Berlino, e collaborano da quasi 20 anni. Tutte le risorse necessarie a realizzare il film vengono dalle loro connessioni a Berlino. 

Quali sono stati i processi di sviluppo e produzione, durante un progetto così insolito, che non si basa unicamente sulla sceneggiatura, ma anche su altri aspetti che devono essere scrupolosamente controllati?
La sceneggiatura è stata sviluppata mandando bozze avanti e indietro tra lo sceneggiatore e il regista. La maggior parte dell'estetica e dei dettagli del film erano specificati nello script. Durante le riprese e la post-produzione, sono state apportate modifiche per rafforzare l'effetto del concetto originale: ad esempio, togliere il suono originale e ricrearlo in studio ha cambiato radicalmente il film e ha dato una dimensione potente che amplifica i temi del film di artificialità. Questo processo ci ha inoltre permesso di determinare e mettere a punto ogni singolo aspetto e dettaglio dei contenuti di suono e immagine.

Perché avete scelto una combinazione di horror e sfumature comiche?
Il tono è qualcosa che emerge naturalmente dal nostro approccio alla narrazione. Il tema di come gli esseri umani interagiscano con la catastrofe e la nostra alienazione dalla natura è intrinsecamente assurdo.

Sebbene Weather House sia un film, ha chiaramente altre influenze, come la video arte e le arti performative; ma ci sono delle influenze dei vostri lavori precedenti?
Decisamente; siamo molto influenzati dalle arti video e performative. Il nostro obiettivo è rendere il nostro lavoro più cinematografico possibile, ma lavorare contro gli stili tradizionali del cinema e prendere spunti da altre forme d'arte rende il cinema più potente.

Qual è il rapporto tra Weather House, il film, e Weather House (With Plant), lo spettacolo?
Lo spettacolo è nato durante il processo di sviluppo. Il progetto è stato originariamente concepito come adattabile a cinema e performance dal vivo, e il risultato sono state due opere ben distinte. 

Weather Houseparla di un approccio scientifico ossessivo alla realtà e ai tentativi di quantificazione. Perché avete affrontato questi temi? È per via dei progressi tecnologici odierni e del dominio senza precedenti della scienza? La ragione è in declino?
Sì. La natura umana sembra essere continuamente in guerra con se stessa, con la gente che indulge assurdamente nel fenomeno contraddittorio della ragione scientifica e del proprio sistema di credenze. L'incapacità di risolvere questo conflitto porterà all'estinzione umana. 

Avete progetti che state attualmente sviluppando o a cui state pensando?
Abbiamo un paio di progetti in via di sviluppo. Frauke sta lavorando a un film dal titolo provvisorio The Strategy of the Cells. Parla di una biologa e del suo rapporto con il proprio corpo durante una grave malattia. Mark sta sviluppando un film epico di fantascienza d'avanguardia intitolato Who Are These People and What Are They Doing?

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint TV/Feature

Follow us on

facebook twitter rss