On Body and Soul (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
The Square (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Spoor (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il nostro film è un tentativo di rompere il silenzio"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tereza Nvotová • Regista

di 

- Cineuropa ha incontrato la regista slovacca emergente Tereza Nvotová in occasione della prima mondiale della sua opera prima, Filthy, a Rotterdam

Tereza Nvotová  • Regista
(© Nikolas Tusl)

La regista slovacca Tereza Nvotová ha appena svelato il suo primo lungometraggio, Filthy [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
, in anteprima mondiale nella sezione Bright Future dell'International Film Festival Rotterdam. La Nvotová ha studiato documentario al FAMU di Praga e ha realizzato un film intitolato Take It Jeasy!, sulla fede e i controversi gruppi cristiani. Ha poi proseguito i suoi studi in regia narrativa, un campo in cui si laurea con Filthy. È inoltre sceneggiatrice e attrice.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Da dove nasce Filthy?
Tereza Nvotová: Sembra che l'idea del film ci abbia scelto. Conoscevamo troppe persone che hanno vissuto questa storia. 

Ci sono state influenze particolari che hanno plasmato il film?
Non c'è stata un'influenza specifica. Sapevamo fin dall'inizio che volevamo raccontare la storia dal punto di vista del personaggio principale. Abbiamo anche scritto una sceneggiatura iniziale come narrazione in prima persona, in modo da poter esplorare i suoi sentimenti in modo più sottile. Da lì, abbiamo modificato intuitivamente lo stile per ottenere l'intensità della sua esperienza. 

La storia di Filthy descrive il trauma che la vittima subisce dopo uno stupro. Perché ha deciso di usare questo punto di vista?
Molti film che trattano lo stupro lo utilizzano come una sorta di climax. Nel nostro film, è l'evento iniziale che fa partire il nostro personaggio principale per uno strano viaggio di formazione. Abbiamo voluto mostrare il mondo interiore di una vittima di stupro, e sfatare il mito che lo stupro è qualcosa che accade nelle strade buie, a ragazze con gonne corte, perpetrato da loschi sconosciuti. Statisticamente, è più probabile che accada nelle nostre case, commesso da persone che conosciamo. Anche per questo motivo la maggior parte delle vittime resta in silenzio, e la comunità e le istituzioni non riescono ad aiutarle. Il nostro film è una sorta di grido, un tentativo di rompere il silenzio. 

Il personaggio di Lena, la protagonista, è di fondamentale importanza. Come ha svolto il processo di casting e quali qualità cercava?
Durante le audizioni, ho visto tante ragazze, attrici e non. È difficile descrivere il momento in cui scatta qualcosa, quando vedi un attore diventare il personaggio che hai in testa. Al terzo incontro, avevamo ristretto la scelta a solo due ragazze, e le ho torturate con le scene più difficili che coinvolgono crolli mentali e fisici. Dominika Moravkova è il tipo di attrice che non si può smettere di guardare, perché è estremamente autentica. Cercavo qualcuno che non si limitasse a recitare, ma che fosse in grado di far proprie le emozioni e la mentalità del personaggio. 

La storia è stata accuratamente studiata. Come si è preparata per le scene nel reparto psichiatrico?
L'ospedale psichiatrico per bambini in cui finisce Lena non è un luogo immaginario. Le case di detenzione e gli ospedali psichiatrici infantili slovacchi sono per lo più vergognosi. La maggior parte degli attori che interpretano i bambini in ospedale vive in realtà in questi posti. Li ho mischiati con attori professionisti - a cui era stato detto di proseguire la scena in corso - mentre ai bambini dell'ospedale era stato permesso di dare in escandescenze. Non era un problema per loro. 

Filthy ruota principalmente attorno al gruppo sociale dei giovani adulti. Oltre al dramma personale e familiare, il suo film ha una qualità generazionale?
Ad essere onesti, non so davvero come etichettare il mio film. Credo che sia compito di qualcun altro. Non so quanto racconti, soprattutto della mia generazione. Naturalmente, tutte le nostre decisioni sono in qualche modo modellate da dove e quando cresciamo, ma credo che l'esperienza di sentirsi persi e sporchi dopo un tale trauma sia universale. Alla mia generazione piace pensare che viviamo in una società relativamente aperta e giusta, ma temo che in realtà stiamo vivendo in tempi bui.

Sta in atto lavorando a un documentario su un'ex figura politica controversa del suo Paese. Sta già pensando di lavorare al suo prossimo progetto?
Sì, adesso sto montando il documentario. Poi voglio iniziare a lavorare sul prossimo film con il mio sceneggiatore. Di solito faccio più di un progetto alla volta. Altrimenti non avrei soldi in arrivo, quindi sono sempre coinvolta in più roba di sicuro.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Warsaw
EPI Distribution
LIM

Follow us on

facebook twitter rss