Le Fidèle (2017)
Silent Night (2017)
Tierra firme (2017)
Jupiter's Moon (2017)
Meda or the Not So Bright Side of Things (2017)
Euthanizer (2017)
Western (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il cinema è il mezzo perfetto per mostrare i sogni"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Greg Zglinski • Regista

di 

- BERLINO 2017: Il regista polacco Greg Zglinski rivela a Cineuropa lo sfondo del suo ultimo film, Animals, che presenta al Forum della Berlinale

Greg Zglinski  • Regista

Lo sceneggiatore-regista Greg Zglinski ha parlato a Cineuropa del processo di creazione di Animals [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Greg Zglinski
scheda film
]
, suo ultimo film, che ha descritto come un film formalmente strano fuso con un thriller psicologico. Sarà presentato in anteprima mondiale nella sezione Forum della Berlinale

Cineuropa: Qual è la storia dello sviluppo di Animals?
Greg Zglinski: La storia in realtà è venuta da me; l'ho solo riscritta leggermente. La sceneggiatura originale è stata scritta dal regista austriaco Jörg Kalt, e avrebbe dovuto essere il suo terzo film. Purtroppo, morì prima che la produzione potesse cominciare. Quattro anni fa, incontrai il produttore, Stefan Jäger, e decidemmo di fare un progetto insieme. In quell'occasione, gli chiesi se la sceneggiatura di Animals fosse ancora disponibile perché quella storia mi perseguitava. Quando ho ricevuto la sceneggiatura per le riscritture, ci ho aggiunto ancora più psicologia. Ho costruito un rapporto moderno intorno al protagonista, pur mantenendo la struttura, l'umorismo e l'atmosfera, e credo che tutto si sia amalgamato bene. Andando ancora più indietro nel passato, l'ispirazione per Jörg, come ho letto nelle sue note, fu un particolare quadro di MC Escher chiamato Relatività. E Jörg era affascinato dalla forma di questo quadro, e volle ricrearlo sotto forma di storia. Questo fu il suo punto di partenza. Gioca con la realtà e il sogno - tutto il film è costruito su questo gioco di ciò che è reale e ciò che è pura fantasia. Animals parla di un uomo e una donna e della loro relazione, e del loro trovarsi in diverse realtà. A mio parere, il film è il mezzo perfetto per mostrare i sogni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cosa l'ha spinta verso la storia?
Non riesco a spiegare cosa fosse, esattamente. Quando ho letto la sceneggiatura, ho avuto questa sensazione di aver toccato un mistero di vita e morte. Quello fu il mio primo pensiero e la storia mi entusiasmava. Sono sempre stato attratto dalle situazioni oniriche nei film, anche nei cortometraggi che ho fatto prima della scuola di cinema. Quindi sto praticamente tornando alle mie radici cinematografiche con Animals. Gli animali del titolo catalizzano gli eventi a venire. Per me, gli animali sono creature in bilico tra il reale e l'irreale - funzionano un po' al di fuori della realtà umana, e rappresentano una sorta di ponte tra la nostra esistenza, che sperimentiamo con i nostri sensi, e il mondo esterno, il resto del mondo in attesa di essere scoperto. E questa è solo un'altra cosa che volevo esplorare, quel mondo più ampio. 

Qual è stata la parte più difficile della realizzazione di questa storia surreale?
Tutte. Il film ha una sua logica, e la struttura della storia è costruita fuori dalla logica comune. Ho dovuto fare affidamento sul mio intuito - a volte ho dovuto dire: "È così perché è così". E questa può essere la parte più difficile. Era uno stato costante, durante la pre-produzione, le riprese e la post-produzione, e in particolare in fase di montaggio, perché a quel punto si è tentati di spiegare troppo, e si è sempre su una linea sottile, rendendo il film comprensibile agli spettatori, ma solo fino ad un certo punto. E dov'è quel punto? Abbiamo provato diverse opzioni, con conseguenti 28 versioni del film. Il montaggio è stato un po' un processo di tentativi ed errori. Conoscevamo il concept, ma abbiamo giocato con diverse opzioni. Volevo evitare di essere troppo formale. La struttura è già molto formale e speciale; è per questo che ho scelto di muovermi verso una direzione diversa, di concentrarmi sull'aspetto psicologico, quando possibile. È stato una sorta di contrappeso. Ovviamente, un film non può essere noioso, quindi per me, uno degli obiettivi principali è quello di star vicino e di immedesimarmi in un protagonista, e di rendere le sue emozioni comprensibili. Animals è un cocktail tra un film formalmente strano e un thriller psicologico.

Sta già pensando ai suoi prossimi progetti?
Quest'anno, vorrei fare un documentario, e sto anche scrivendo un film di finzione. Per quanto riguarda il primo progetto, abbiamo intenzione di inventare un nuovo genere, il documentario d'avventura, su Piotr Chmielinski, il primo uomo a viaggiare per tutta la lunghezza del Rio delle Amazzoni in kayak nel 1985, nonché nel canyon più profondo del mondo, il Canyon del Colca in Perù, nel 1981. Vogliamo parlare di lui, ma anche dei tempi in cui ha vissuto. Forse l'anno prossimo, riuscirò anche a fare un film di finzione sul poeta polacco Krzysztof Kamil Baczynski, la cui poesia fu molto influente, nonostante il fatto che morì molto giovane, durante la rivolta di Varsavia.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Gijón
Bosphorus
Roma_Lazio_FC

Follow us on

facebook twitter rss