Cannes Report 2018
Festival Scope Cannes
Focal CEO

Recensioni

The Image Book - di Jean-Luc Godard - CANNES 2018: Maestro nell'arte del contrappunto e della condivisione subliminale del pensiero, Jean-Luc Godard propone un'opera fuori dal comune, appassionante e abbondante
The Image Book
di Jean-Luc Godard
CANNES 2018: Maestro nell'arte del contrappunto e della condivisione subliminale del pensiero, Jean-Luc Godard propone un'opera fuori dal comune, appassionante e abbondante
Cold War - di Pawel Pawlikowski - CANNES 2018: Pawel Pawlikowski rielabora gli elementi del suo film premio Oscar Ida per creare un altro racconto formidabile che ha buone chance per la Palma d’Oro
Cold War
di Pawel Pawlikowski
CANNES 2018: Pawel Pawlikowski rielabora gli elementi del suo film premio Oscar Ida per creare un altro racconto formidabile che ha buone chance per la Palma d’Oro
Ayka - di Sergey Dvortsevoy - CANNES 2018: Il kazako Sergey Dvortsevoy ci fa vivere insieme a una giovane madre kirghiza, immigrata clandestina in Russia, un’esperienza fisica faticosa
Ayka
di Sergey Dvortsevoy
CANNES 2018: Il kazako Sergey Dvortsevoy ci fa vivere insieme a una giovane madre kirghiza, immigrata clandestina in Russia, un’esperienza fisica faticosa
Dogman - di Matteo Garrone - CANNES 2018: Ispirato a una storia di cronaca nera di periferia, il nuovo film di Matteo Garrone racconta di un’umanità marginale ma dai sentimenti nitidi
Dogman
di Matteo Garrone
CANNES 2018: Ispirato a una storia di cronaca nera di periferia, il nuovo film di Matteo Garrone racconta di un’umanità marginale ma dai sentimenti nitidi
Lazzaro felice - di Alice Rohrwacher - CANNES 2018: Alice Rohrwacher torna in concorso a Cannes con una storia irregolare, ma altamente interessante e basata su fatti veri, che dimostra come si stia ancora scaldando come narratrice
Lazzaro felice
di Alice Rohrwacher
CANNES 2018: Alice Rohrwacher torna in concorso a Cannes con una storia irregolare, ma altamente interessante e basata su fatti veri, che dimostra come si stia ancora scaldando come narratrice
Capharnaüm - di Nadine Labaki - CANNES 2018: La cinepresa di Nadine Labaki penetra le bidonville di Beirut per raccontarci la straziante storia di sopravvivenza di un bambino che non ha chiesto di nascere
Capharnaüm
di Nadine Labaki
CANNES 2018: La cinepresa di Nadine Labaki penetra le bidonville di Beirut per raccontarci la straziante storia di sopravvivenza di un bambino che non ha chiesto di nascere
Girl - di Lukas Dhont - CANNES 2018: Lukas Dhont realizza un’opera prima sull'estenuante lotta emotiva e fisica di una giovane donna transgender all’alba della trasformazione
Girl
di Lukas Dhont
CANNES 2018: Lukas Dhont realizza un’opera prima sull'estenuante lotta emotiva e fisica di una giovane donna transgender all’alba della trasformazione
Border - di Ali Abbasi - CANNES 2018: Il danese Ali Abbasi gioca con i generi al confine tra realismo e fantastico, con un film affascinante che nel finale sfiora il grottesco
Border
di Ali Abbasi
CANNES 2018: Il danese Ali Abbasi gioca con i generi al confine tra realismo e fantastico, con un film affascinante che nel finale sfiora il grottesco

Seguici su

facebook twitter rss

FEST Early Bird
MDM
EFA Gender Equality
NEXT 2018

Recensioni

Donbass - di Sergei Loznitsa - CANNES 2018: Sergei Loznitsa si immerge nel cuore del conflitto est-ucraino con un film impressionista, incisivo e pungente, una tragicommedia che sfiora l'assurdo
Donbass
di Sergei Loznitsa
CANNES 2018: Sergei Loznitsa si immerge nel cuore del conflitto est-ucraino con un film impressionista, incisivo e pungente, una tragicommedia che sfiora l'assurdo
Sofia - di Meryem Benm'Barek - CANNES 2018: Supportato da una straordinaria sceneggiatura, il primo lungometraggio di Meryem Benm’Barek analizza, sotto l’aspetto di un emozionante film femminista, un Marocco a due velocità
Sofia
di Meryem Benm'Barek
CANNES 2018: Supportato da una straordinaria sceneggiatura, il primo lungometraggio di Meryem Benm’Barek analizza, sotto l’aspetto di un emozionante film femminista, un Marocco a due velocità
The Dead and The Others - di João Salaviza, Renée Nader Messora - CANNES 2018: João Salaviza co-realizza con Renée Nader Messora un documentario sugli indigeni del Brasile di grande poesia visiva ed etnografica, con una drammaturgia impeccabile
The Dead and The Others
di João Salaviza, Renée Nader Messora
CANNES 2018: João Salaviza co-realizza con Renée Nader Messora un documentario sugli indigeni del Brasile di grande poesia visiva ed etnografica, con una drammaturgia impeccabile
The Wild Pear Tree - di Nuri Bilge Ceylan - CANNES 2018: Nuri Bilge Ceylan mira a vincere la sua seconda Palma d’Oro con un racconto a episodi sulla lotta di un giovane uomo per diventare un autore riconosciuto
The Wild Pear Tree
di Nuri Bilge Ceylan
CANNES 2018: Nuri Bilge Ceylan mira a vincere la sua seconda Palma d’Oro con un racconto a episodi sulla lotta di un giovane uomo per diventare un autore riconosciuto
Knife + Heart - di Yann Gonzalez - CANNES 2018: Nel suo stile ultra singolare, Yann Gonzalez propone una rilettura molto sofisticata della tradizione del giallo dietro le quinte del cinema porno gay
Knife + Heart
di Yann Gonzalez
CANNES 2018: Nel suo stile ultra singolare, Yann Gonzalez propone una rilettura molto sofisticata della tradizione del giallo dietro le quinte del cinema porno gay
The Man Who Killed Don Quixote - di Terry Gilliam - CANNES 2018: L’approccio di Terry Gilliam all’universo della creazione più famosa di Miguel de Cervantes, opera tanto attesa quanto maledetta, è pieno di segni deliranti della sua identità
The Man Who Killed Don Quixote
di Terry Gilliam
CANNES 2018: L’approccio di Terry Gilliam all’universo della creazione più famosa di Miguel de Cervantes, opera tanto attesa quanto maledetta, è pieno di segni deliranti della sua identità
Troppa grazia - di Gianni Zanasi - CANNES 2018: Intento ecologista per la commedia di Gianni Zanasi in cui Alba Rohrwacher è una geometra che vede la Madonna e blocca una gigantesca speculazione edilizia
Troppa grazia
di Gianni Zanasi
CANNES 2018: Intento ecologista per la commedia di Gianni Zanasi in cui Alba Rohrwacher è una geometra che vede la Madonna e blocca una gigantesca speculazione edilizia
Carmen & Lola - di Arantxa Echevarria - CANNES 2018: Il film di Arantxa Echevarría trasuda freschezza, autenticità e difende uno degli ultimi diritti da conquistare: l’amore passionale tra donnne gitane
Carmen & Lola
di Arantxa Echevarria
CANNES 2018: Il film di Arantxa Echevarría trasuda freschezza, autenticità e difende uno degli ultimi diritti da conquistare: l’amore passionale tra donnne gitane
Socially_relevant_FF
East Silver
Torino Film Lab
Advertise