email print share on facebook share on twitter share on google+

Produzione/Distribuzione - Islanda

Country Focus: Islanda

Un boom creativo invade le sale mondiali (2)

di 

Un boom creativo invade le sale mondiali (2)

"La distribuzione domestica di tanti titoli islandesi in un periodo così breve è, in parte, una coincidenza, ma è anche vero che ci troviamo nel pieno di un vero boom creativo", ha commentato Laufey Guðjónsdóttir, Direttore dell'Icelandic Film Centre. "La nostra industria è giovane, ha meno di 30 anni, ma abbiamo filmmaker interessanti di terza generazione, che possono affidarsi all'esperienza di produttori più anziani. I giovani registi sono creativi, girano film su sceneggiature originali, e non solo adattamenti letterari".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La crescita delle produzioni di fiction televisiva, che segue la creazione — un paio d'anni fa — del Fondo per la TV da parte dell'Icelandic Film Centre, è stata molto positiva per l'industria locale. "Come in Danimarca, i nostri filmmaker passano dal cinema alla tv e viceversa, e questo ha dato nuova energia alla comunità cinematografica", ha aggiunto Guðjónsdóttir.

La più innovativa compagnia teatrale d'Islanda, Vesturport, è un'altra fonte di ispirazione e talenti per i registi, come Ragnar Bragason, autore di Children [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Parents con e per gli attori di Vesturport.

Zik Zak Filmworks, una delle case di produzioni locali più attive, guidata da Skúli Malmquist e Thor Sigurjónsson, è coinvolta nello sviluppo di nuovi talenti. La compagnia sta attualmente godendo del successo di Back Soon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Solveigh Anspach e del corto di Runár Rúnarsson Two Birds, e completando due titoli assai diversi fra loro. Undercurrent, thriller ambientato su una barca da pesca, è tratto da una piece teatrale di grande successo di Vesturport e diretto da Árni Óli Ásgeirsson (Thicker than Water [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). L'altro film è A Good Heart di Dagur Kári, girato in inglese, con Paul Dano, Brian Cox e Isild leBesco, attualmente in fase di montaggio. Wild Bunch si occupa delle vendite.

Kisi Production, del filmmaker Julius Kemp e del produttore Ignvar Thordarson è invece approdata ad un settore di grande potenziale finanziario: gli studios cinematografici. Il paese offre infatti il 14% di deduzioni fiscali per chi gira in Islanda, e i due imprenditori hanno deciso di investire 5 milioni di euro nella ristrutturazione di una ex-base NATO per realizzare i nuovi studios appena fuori Reykjavik, e offrire, in caso di maltempo, location al chiuso alle troupe. Kemp, regista del maggiore successo islandese dello scorso anno, la commedia Astropia, ha inaugurato i suoi studios con le riprese del thriller Reykjavik Whale Watch Massacre. Assieme ad altri produttori sta discutendo col governo un possibile allargamento delle deduzioni fiscali al 20%. L'Islanda è, in questi giorni, il posto giusto per fare film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.