email print share on facebook share on twitter share on google+

Industria - Polonia

Country Focus: Polonia

2008, l’anno dei record (2)

di 

2008, l’anno dei record (2)

La stagione 2008 non si caratterizza soltanto per gli ottimi risultati della frequentazione delle sale cinematografiche (34,1 milioni di entrate – leggi la news), ma anche per il dinamismo della produzione nazionale. Con circa 60 lungometraggi di finzione, il 2008 sembra molto lontano dagli scarsi esiti del 2004 e 2005 (19 e 20 produzioni nazionali) e rappresenta una crescita conseguente rispetto ai dati del 2007 (39).

Questi progressi devono molto alla nuova legge sul cinema in vigore in Polonia e alla creazione dell'Istituto Polacco di Cinema. A ciò va aggiunto un nuovo sistema di sostegno finanziario nettamente orientato verso le produzioni e le coproduzioni polacche. L'impatto della tendenza alla decentralizzazione della produzione e della creazione di numerosi fondi regionali ha cominciato inoltre a farsi sentire.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Anno del 100mo anniversario del cinema polacco, il 2008 ha riservato molte soddisfazioni alla cinematografia nazionale. Tra queste, sono da citare l’Oscar per il miglior cortometraggio d'animazione assegnato a Peter and the Wolf di Suzie Templeton (realizzato per il 90% dallo studio SE-MA-FOR di Lodz) e la nomination all’Oscar per il miglior lungometraggio straniero di Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
di Andrzej Wajda.

Una quarantina di premi sono stati inoltre assegnati a registi polacchi, a beneficio di 27 titoli (15 lungometraggi di finzione) tra cui Tricks di Andrzej Jakimowski, It’s Time to Die di Dorota Kedzierzawska, 33 Scenes fom Life [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Malgorzata Szumowska e Rysa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michal Rosa. Da notare anche la buona accoglienza di Four Nights with Anna [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jerzy Skolimowski all'ultima Quinzaine des réalisateurs cannense.

Purtroppo, il 2008 ha visto anche la scomparsa di alcune grandi figure del cinema polacco: gli attori Gustaw Holoubek, Wienczyslaw Glinski e Jan Kociniak, l'attore-regista Jan Machulski, i registi Stanislaw Rozewicz, Wladysław Slesicki e Piotr Lazarkiewicz, senza dimenticare il direttore della fotografia Edward Klosinski.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.