email print share on facebook share on twitter share on google+

Box Office – Bulgaria

Country Focus: Bulgaria

Spettatori in aumento nella prima metà del 2010

di 

Spettatori in aumento nella prima metà del 2010

Blockbuster in 3D e uscite domestiche di grande successo hanno portato ad una notevole crescita del numero di spettatori in Bulgaria nella prima metà del 2010 in confronto allo stesso periodo del 2009, secondo i dati dei distributori.

Nei primi sei mesi del 2010, 1.9 milioni di biglietti sono stati venduti nei cinema bulgari, con un aumento dell’85% rispetto allo scorso anno (1.05 milioni). L’incremento è ancora più rilevante in termini di incassi ai botteghini, grazie a molti nuovi cinema aperti nel paese e a titoli popolari come Avatar e l’hit locale Mission: London [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il totale ai botteghini nella prima metà del 2010 è di 16.75 milioni di leva (circa 8.4 milioni di euro), il 105% in più rispetto al 2009, con incassi di 8.14 milioni di leva (circa 4.07 milioni di euro).

Avatar di James Cameron è il titolo di maggiore successo del 2010, con 473.118 spettatori in 23 settimane. Il secondo successo del 2010 lo è anche per l’industria locale: uscito ad aprile, Mission: London di Dimitar Mitovski ha portato nelle sale 362.989 spettatori in 13 settimane, ed è divenuto il film domestico più popolare di sempre in Bulgaria. Le due pellicole, distribuite da Alexandra Group e A+ Films rispettivamente, raccolgono ad oggi il 47% del box office cinematografico dell’intero anno.

Tra i successi del 2010 ci sono anche Alice in Wonderland di Tim Burton e Prince of Persia: Le sabbie del tempo, con 115.470 e 160.762 spettatori, rispettivamente, in 12 settimane. Entrambi i film sono stati distribuiti da Forum Film Bulgaria.

Secondo il Bulgarian National Film Centre, nel 2009 il numero totale di spettatori è salito a 3.1 milioni da 2.8 del 2008. Le cifre supereranno molto probabilmente i cinque milioni nel 2010.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.