email print share on facebook share on twitter share on google+

Just Film Festival, un ponte tra Europa e Cina

Rapporto industria: L'Europa e il resto del mondo

Ma Heliang, Yang Fengwei • Fondatori, Just Film Festival

di 

- Cineuropa intervista Ma Heliang e Yang Fengwei, tra i fondatori di Just Film Festival, il primo festival cinese dedicato al cinema di genere, che non disdegna i film europei

Ma Heliang, Yang Fengwei  • Fondatori, Just Film Festival

Cineuropa ha incontrato Ma Heliang e Yang Fengwei, due dei fondatori di Just Film Festival, il primo festival cinese dedicato al cinema di genere, che apre le braccia alle pellicole europee.

Cineuropa: Per quale motivo organizzate questo festival?
Ma Heliang, Yang Fengwei: Il motivo principale è portare anche in Cina, come già avviene in Europa e nel Nord America, un festival dedicato ai film di genere. Abbiamo tratto ispirazione da numerose manifestazioni europee, dai festival di Sitges, di Bruxelles e di Trieste ad esempio. Non esistono in Cina piattaforme che incoraggino i giovani talenti a mostrare le loro opere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ma, grazie all’aumento della domanda di film di genere, il pubblico si sta allargando sempre di più. Il caso di The Monkey King (Cheang Pou-soi, 2014) è solo uno degli esempi del successo che questi film possono riscuotere in Cina e, più in generale, in Asia.

Come selezionerete i film?
Sarà una selezione su base internazionale. Vorremmo creare un ponte tra la Cina e l’Europa per quanto riguarda i film di genere. Ecco perché la promozione europea del nostro festival è così importante. In programma troveranno spazio il fantasy, la fantascienza, l’horror e ogni altro genere immaginabile. Non sappiamo ancora quanti film accoglieremo, bisogna procedere passo dopo passo. Fisseremo il numero di film nazionali e internazionali selezionati dopo una prima prova.

Quando dovrebbe svolgersi il festival?
Il primo appuntamento dovrebbe avere luogo in settembre, Beijing. Una seconda importante iniziativa del festival sarà il Fantasy Lab, nato per facilitare la creazione di nuovi progetti.

Metterete a disposizione dei fondi per finanziare progetti cinematografici di genere?
No, non abbiamo fondi, ma vogliamo lanciare una piattaforma a supporto dei progetti, con la possibilità di monitorare le sceneggiature e ottenere delle consultazioni nel corso delle diverse fasi di sviluppo dei film.

Oltre al festival vero e proprio, quali altre attività vorreste introdurre?
CFCC è un ente governativo che mira a promuovere le coproduzioni tra Cina ed Europa. Proveremo a colmare la distanza tra i due continenti e a unire gli sforzi di entrambi nella produzione di progetti fantasy sia europei sia cinesi.

Il festival vuole proporsi come una cornice ideale alla presentazione di produzioni europee. Infatti, tra i nostri obiettivi principali c’è quello di portare le produzioni straniere in Cina e incoraggiare l’avvio di coproduzioni tra questi due importanti rappresentanti del settore.

Collaborate con altri festival europei?
Abbiamo incontrato gli organizzatori di molti festival di cinema di genere europei: Bruxelles, Lund, Bucheon in Corea del Sud, Fantasia, e così via. Stiamo allargando la nostra rete di contatti in varie parti nel mondo. Ci auguriamo che il Just Film Festival possa diventare un crocevia per i festival asiatici, europei e americani.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.