email print share on facebook share on twitter share on google+

“In Cina non si parla di sesso”

Rapporto industria: L'Europa e il resto del mondo

Vivian Qu • Regista

di 

- VENEZIA 2017: In Angels Wear White, Vivian Qu, la sola regista donna nel concorso principale di Venezia, solleva il coperchio sui segreti più torbidi della società

Vivian Qu  • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

Dopo Trap Street del 2013, la regista e produttrice Vivian Qu ritorna alla Mostra di Venezia, questa volta al concorso principale, con una storia sulle conseguenze di una violenza perpetrata ai danni di due ragazzine, in una piccola città balneare cinese. In Angels Wear White [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Vivian Qu
scheda film
]
, la regista prende in esame il trattamento che la società riserva alle donne e l'attitudine verso il sesso, che negli ultimi anni sono leggermente cambiati ma non quanto ci si aspetterebbe.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: In Angels Wear White, lei si concentra sulle vittime ma non mostra mai l'assalitore. Come mai?
Vivian Qu: Non volevo vederlo. Non è importante chi sia, perché rappresenta tutte le persone di potere che pensano di poter fare tutto quello che vogliono. Per me, la cosa più orribile non è necessariamente ciò che è successo quella notte, ma ciò che la società fa dopo a queste ragazzine. Casi come questo sono piuttosto comuni, ma non ne abbiamo notizia perché in Cina non si parla di sesso. Le cose sono cambiate un po' negli ultimi anni, ma non poi così tanto. Le ragazze non denunciano questo tipo di crimini, perché sono ancora considerati disonorevoli. Poche di loro ottengono giustizia.

È perché la gente tende ancora a colpevolizzare le vittime di stupri?
La gente pensa “perché ha attaccato proprio te? Devi aver fatto qualcosa di sbagliato”. La violenza sessuale è ancora associata a una colpa della donna. Le vittime hanno bisogno del supporto delle loro famiglie e invece spesso si sentono dire “Non è niente, dimenticalo e basta”. In moltissimi casi viene tutto completamente rimosso, ma torna poi a tormentare queste ragazze, che in futuro sono influenzate nelle loro relazioni e nel modo in cui considerano gli uomini. Nel mio film, una ragazza sembra un po' meno traumatizzata dell'altra da questi eventi. Ma chi può dire se le cose rimarranno così per sempre? 

C'è una statua di Marilyn Monroe che troneggia sul lungomare e sovrasta le ragazze. È un'immagine impressionante e, in qualche modo, il suo destino rispecchia il loro.
Mentre scrivevo la sceneggiatura, ho scoperto che in una piccola città nel sud della Cina hanno eretto davvero una statua gigantesca come quella. Dopo sei mesi è stata distrutta perché la sua gonna era troppo corta. Ho visto alcune immagini di questa statua nel camion che la portava alla discarica e ho sentito che era molto vicina alla mia storia. Prima senti il bisogno di guardare una donna con una gonna corta, ma poi non ti sta bene. Dai la colpa a una statua perché la sua gonna si solleva; fa molto ridere. 

Com'è la situazione attuale per le donne in Cina? Nel suo film, nessuno ascolta le vittime e persino l'avvocata che cerca di aiutarle non ha il rispetto che avrebbe un suo collega maschio.
Nei secoli passati, il meglio che ti poteva capitare era di sposarti con un uomo di buona famiglia. Mi piacerebbe che fosse completamente diverso ora, ma non è così. Puoi ottenere tantissimo anche se sei una donna, ma se non sei sposata con qualcuno di importante nessuno sembra accorgersene. Le donne cinesi hanno oramai ruoli importanti in società, ma ancora ci si aspetta che si comportino in un certo modo. Una mia amica, che lavora nel campo della pubblicità, mi ha detto che ogni volta che discute progetti importanti con i suoi clienti, deve esserci un uomo nella stessa stanza, anche se è solo un assistente. Da regista e donna, sento anch'io questa differenza ma ho deciso di ignorarla [ride]. Mi sono resa conto subito del problema e so come gestirlo. Ma devi sempre dimostrare di essere all'altezza di un collega uomo. 

Perché ha scelto delle protagoniste così giovani? Entrambe le vittime e la sola testimone, Mia, sono minorenni.
La nostra economia si sta sviluppando molto rapidamente, e negli ultimi 30 anni le persone si sono spostate nelle città per lavorare, lasciandosi dietro i figli. Questi crescono senza senza le cure che un genitore normalmente riserva loro: possono farsi male, venire aggrediti o diventare dei criminali. In Cina, siamo grandi fan dei fratelli Dardenne e ho pensato che lo stile del loro direttore della fotografia, Benoît Dervaux, sarebbe andato bene per la mia storia. Volevo che fosse obiettivo ma, allo stesso tempo, molto intimo, perché volevo portare tutta l'attenzione su queste bambine. È un grande problema ora, ma potrebbe diventare ancora più grande in futuro, perché non stiamo facendo niente per risolverlo. È un po' come la scena degli sposi sulla spiaggia che si fanno le loro foto “perfette” con gli abiti presi in prestito. Ci stiamo concentrando sulla superficie invece di andare al nocciolo del problema.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.