email print share on facebook share on twitter share on google+

Rapporto industria: Green Film Shooting

Green Film Shooting: The Lord of the Things

di 

- Il Film- und Theater-Ausstattung della Bavaria Film sa di cosa gli scenografi hanno bisogno

Green Film Shooting: The Lord of the Things

Thomas Hissia (© Birgit Heidsiek/ Green Film Shooting)

Con i suoi studi a impatto climatico zero, la Bavaria Film non è solo una pioniera verde della fornitura energetica. Il Film-und Theater- Ausstatung (FTA), che conta più di 400.000 arredi scenici e abiti di scena situati in una struttura di 25.000 metri quadrati costituisce la più grande collezione di questo tipo in Europa. La presenza delle filiali a Monaco, Berlino, Amburgo e Colonia rende semplice il trasporto per le produzioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La stanza di hotel di Edward Snowden, che Oliver Stone ha ricostruito per il suo thriller Snowden [+leggi anche:
trailer
intervista: Oliver Stone
scheda film
]
, è stata arredata al Bavaria studio con mobili e arredi di scena della FTA. Il pubblico mondiale conosce l’arredamento semplice e asettico dell’hotel di Hong Kong grazie alle notizie fornite dalla talpa che ha rivelato le strategie di sorveglianza della NSA. 

“Nella nostra collezione, tutti i mobili, le lampade e la maggior parte degli arredi sono gestiti digitalmente e vi si può accedere online”, afferma Thomas Hissia, direttore della filiale FTA di Monaco. Lungometraggi, serie TV, pubblicità, servizi fotografici ed eventi usano arredi e costumi d’epoca provenienti dal deposito di 9 metri quadrati della Bavaria Film. “Affittare gli arredi di scena invece di comprarli per poi buttarli una volta che non servono più è una scelta ecologica”, sottolinea Hissia. Il suo cliente migliore è Storm of Love. Una soap giornaliera di successo che viene prodotta, da dieci anni, in maniera sostenibile alla Bavaria Film City grazie al grande magazzino della FTA. La FTA è dotata di oggetti dal design popolare e classico che vengono usati più e più volte. Uno dei pezzi più richiesti è una poltrona marrone che è stata affittata quasi cento volte nel 2016.

Gli scenografi vengono dall’estero alla FTA per cercare arredi di scena, esempi recenti sono le serie della BBC War and Peace e The Happy Prince. La vasta collezione di lampade non solo presenta esemplari di tutte le epoche; le lampade più vecchie possono anche essere maneggiate in sicurezza. “Tutte le lampade sono state controllate dallo staff che si occupa dell’elettricità. Degli splendidi candelabri sono stati ammodernati con dei LED. “Sembrano delle lampadine per la loro colorazione e anche per il loro effetto incandescente”. Grazie alle strutture della FTA, il sistema di illuminazione sta gradualmente passando al sistema LED. 

L’impiego di un’illuminazione a basso consumo energetico è stato uno dei temi principali al workshop sull’ecosostenibilità dove il DoP (direttore della fotografia) e Sustainability Manager Philip Gassmann ha spiegato gli elementi essenziali delle produzioni verdi per Film e TV: non devono solo essere prese in considerazione la qualità di riproduzione del colore e del raffreddamento necessario, ma anche i rispettivi livelli di rumore. 

Una delle produzioni dello studio che ha beneficiato di queste tecnologie è stata Verstehen Sie Spaß?, che si è aggiudicata la Green Shooting Card del Filmförderung Hamburg Schleswig Holstein per la sua produzione ecosostenibile. Sono state realizzate varie misurazioni del risparmio energetico durante la produzione di recenti spettacoli.

“Siamo orgogliosi del fatto che la Bavaria Film stia creando un contesto per la produzione ecologica dei film e che possa renderlo disponibile, in quando fornitrice di studi cinematografici, ai produttori”, evidenzia Achim Rohnke, amministratore delegato della Bavaria Film. “Inoltre, stiamo gradualmente trasformando, tramite progetti pilota, le nostre produzioni per la TV in produzioni a impatto climatico zero. A partire dal 2015 abbiamo maturato grande esperienza analizzando il potenziale, l’utilizzo, lo sforzo necessario e il risparmio sui costi del processo di conversione all’impatto climatico zero”.

In collaborazione con

 

(Tradotto da Michael Traman)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.