email print share on facebook share on twitter share on google+

Calin Peter Netzer • Regista

“Una relazione quasi patologica”

di 

- Il cineasta rumeno Calin Peter Netzer dà qualche spunto di riflessione sul suo film Il Caso Kerenes, Orso del miglior film a Berlino.

Calin Peter Netzer • Regista

Affiancato dai suoi attori Luminiţa Gheorghiu e Bogdan Dumitrache, il cineasta rumeno Calin Peter Netzer ha incontrato la stampa internazionale dopo la prima mondiale in concorso a Berlino del suo terzo lungometraggio: Il Caso Kerenes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Calin Peter Netzer
festival scope
scheda film
]
(Child's Pose).

Ha co-firmato la sceneggiatura di Child's Pose con Razvan Radulescu. Come è nata l’ispirazione?
Calin Peter Netzer: Abbiamo inizialmente lavorato con Razvan su un progetto completamente differente, ma che già ruotava attorno a una famiglia che aveva dei conflitti. Ma lo abbiamo abbandonato e abbiamo cominciato a discutere delle nostre vite e dei rapporti che abbiamo con ciascun membro delle nostre famiglie. Ci siamo detti che era un soggetto interessante. Quindi, tutto è partito dal mio rapporto con mia madre, che abbiamo poi sviluppato sotto forma di finzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Perchè ha scelto di ambientare la storia nella classe privilegiata rumena?
Tra madre e figlio, c’è una relazione quasi patologica. Abbiamo scelto la classe medio-alta perché pensiamo sia molto più probabile trovarvi un comportamento simile che non nelle classi sociali più basse. Il Caso Kerenes è un dramma psicologico.

Perché questo titolo?
Nel film, c’è una scena in cui la protagonista fa yoga e prende la posizione denominata Child Pose. Volevamo inserirlo nel titolo originale giacché il personaggio del figlio è descritto come una vittima della relazione.

Questo rapporto madre-figlio è caratteristico della Romania?
Secondo la mia esperienza, la possessività dei genitori nei riguardi dei propri figli è molto forte nei paesi dell’ex blocco dell’Est. Questo fenomeno è più frequente in Romania che non in Germania, ad esempio, dove ho passato quasi dodici anni e dove l’educazione dei bambini è molto diversa.

Quali erano le sue intenzioni riguardo alla messa in scena?
Leggendo la sceneggiatura, si direbbe che sia minimalista, ma volevo tentare un approccio nuovo, non utilizzando lunghe inquadratre fisse, ad esempio. Ho cercato di essere vicino ai personaggi, la cinepresa era quasi incollata a loro. E dato che questa storia mi è molto vicina, volevo trattarla nel modo più obiettivo possibile. Ho cercato in particolare di visualizzare durante le riprese quale sarebbe stato il lavoro di montaggio. Avevamo due cineprese, 126 pagine di sceneggiatura e abbiamo girato 13-14 ore al giorno. Abbiamo poi passato due mesi in sala di montaggio. E’ stato un ottimo esercizio per me imparare a perdere un po’ di controllo.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche