email print share on facebook share on twitter share on google+

SOLETTA 2018

Lorenz Suter • Regista

“Il film è stato come un work in progress; nessuno sapeva dove la storia stesse andando”

di 

- Cineuropa ha parlato con il regista svizzero Lorenz Suter a Soletta del suo misterioso ed esteticamente intrigante film Strangers

Lorenz Suter  • Regista

Cineuropa ha parlato con il giovane regista svizzero Lorenz Suter alle Giornate di Soletta del suo misterioso ed esteticamente intrigante film Strangers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lorenz Suter
scheda film
]
, presentato in anteprima.

Cineuropa: Perché ha scelto un genere specifico (noir) per il suo film?
Lorenz Suter: Innanzitutto, amo il cinema in generale, e i film noir in particolare. In questo specifico genere, c'è qualcosa di misterioso che in qualche modo mi afferra e mi coinvolge. Il noir mi consente di guardare il mondo e le persone in un modo unico. Il mondo non è solo oscuro e lunatico; è anche instabile, ed è un posto pericoloso in cui vivere. Significa che i personaggi devono affrontare le parti più oscure delle loro anime. A volte sentono il bisogno di mentire o di avere obiettivi egoistici, ed è quello che mi interessa: le personalità in conflitto. Non è una visione pessimistica, ma piuttosto una percezione molto realistica del mondo. Mi piace mostrare come si comportano le persone quando non sono alla luce del giorno, quando non sono la versione migliore di se stesse. Fanno errori e si pentono delle loro decisioni quando è troppo tardi. Questo non li rende persone cattive, ma li mantiene a galla. Per riflettere questo nel film, le immagini sono tenute in penombra. Altrettanto importante è la musica nostalgica, strana, un mix tra un'orchestra e suoni sintetizzati: è allo stesso tempo vecchia scuola e moderna. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come ha scelto gli attori, e come ha lavorato con loro?
Li conoscevo già quando ho iniziato a fare il film. L'attore principale, Nicolas Batthyany, è un mio amico: ci siamo incontrati all'Università delle Arti di Zurigo. Abbiamo girato un cortometraggio che assomiglia esattamente a un film noir degli anni '40 [The Man Who Didn’t Want Anything], ma tratta una relazione moderna. Il protagonista mi ha seguito per quasi dieci anni. Strangers è il risultato di quell'ossessione, e doveva essere di nuovo con Nicolas nel ruolo principale. I personaggi femminili principali sono interpretati da due attrici che ammiro molto. Entrambe portano una grande qualità emotiva ai loro personaggi di femme fatale moderne. Una di loro, Marina Guerrini, è la mia ragazza. Prima di incontrarla, l'ho conosciuta come attrice, anni dopo aver iniziato a recitare da adolescente. Con lei, così come con Nicolas, non si trattava di trovare gli attori; si trattava di renderli una parte essenziale di questo film. E in cambio, hanno trasformato i loro personaggi in qualcosa di molto speciale.

Strangers è stato prodotto come un film indipendente; può dirci qualcosa di più di questo processo?
Il modo in cui abbiamo realizzato questo film è piuttosto strano di per sé, specialmente per i film svizzeri. Abbiamo seguito il nostro istinto e realizzato il film con finanziamenti minimi. Eravamo interessati a raccontare una storia su un fatale triangolo amoroso, ma non c'era una sceneggiatura completa. C'erano solo questi tre personaggi che si evolvevano e crescevano organicamente. Ho scritto scene e dialoghi mentre procedevamo. La scrittura, le riprese e il montaggio non sono avvenuti in ordine, ma in fasi diverse. Guardavo cosa avevamo girato e facevo dei cambiamenti. Il film è stato un work in progress per oltre due anni; nessuno sapeva dove stava andando la storia. Siamo stati influenzati dalle circostanze che ci circondavano. Un aneddoto divertente è che il protagonista era costretto a lasciare il suo appartamento, che in realtà era il mio appartamento, e dovevo davvero andarmene! Il film non era finito in quel momento, quindi ho dovuto trovare un modo per continuare a girare. Ho riscritto la sceneggiatura per incorporare questo "incidente" nella storia. Ostacoli come questi ci hanno mostrato la strada - non li abbiamo combattuti; abbiamo giusto seguito il flusso, trovando un modo creativo per andare avanti. È un processo interessante dal punto di vista artistico perché gli attori e io non sapevamo mai veramente cosa avrebbero fatto i personaggi: saranno buoni o cattivi? Mentono o no? Ho detto agli attori di essere nel momento. Ci è voluto molto coraggio da parte loro per rimanere al buio per così tanto tempo e diventare estranei a se stessi. Ma il cinema noir è così, e questo è ciò che lo rende così bello.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche