email print share on facebook share on twitter share on google+

ROTTERDAM 2018

David Verbeek • Regista

“Mi ci sono voluti alcuni giorni per conoscermi”

di 

- Abbiamo parlato con il regista olandese David Verbeek del suo settimo film, An Impossibly Small Object, proiettato a Rotterdam e oggetto di una mostra ad Amsterdam

David Verbeek  • Regista

Il settimo film del regista olandese David Verbeek, An Impossibly Small Object [+leggi anche:
trailer
intervista: David Verbeek
scheda film
]
(presentato in anteprima al Festival di Rotterdam), emana il suo caratteristico stile cinematografico. Racconta una storia ma è anche una riflessione sul fare arte, e fa parte di un lavoro artistico più ampio. L'immagine su cui ruota la prima parte del film mostra una bambina e il suo aquilone, apparentemente persi in una parte oscura della città. Verbeek passa poi a raccontare la storia della bambina, i cui genitori possiedono un ristorante e il cui migliore amico è sul punto di emigrare in un altro paese. La seconda parte del film è ambientata ad Amsterdam, nell'appartamento di Verbeek, con la sua fidanzata e i noti attori olandesi Gijs Scholten van Aschat e Lineke Rijxman nei panni dei suoi genitori. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Una mostra, con fotografie, estratti e oggetti del film, aprirà il 17 febbraio alla Flatland Gallery di Amsterdam. Verbeek ci ha parlato del processo di creazione artistica. 

Cineuropa: Come nasce l’idea del film?
David Verbeek: L'intera idea di un film semi-autobiografico è nata da motivi pratici. L'idea originale del film derivava dalla mia fascinazione per alcune parti di Taipei. Volevo indagare le ragioni della mia attrazione per questi mondi sotterranei, e volevo trasmettere la sensazione di camminare per queste strade per ore, alla ricerca di immagini, incrociando parti delle storie che vi si nascondevano. A poco a poco, ho capito che il film doveva essere sul rapporto tra l'artista e il suo soggetto.

La prima parte è la storia drammatica della bambina e della sua vita, e di come il fotografo intravede questa storia. La seconda parte può essere vista come una reinterpretazione di questa storia, in cui l'artista scopre la connessione con le sue esperienze e i ricordi della sua gioventù perduta. La gente è sempre attratta da ciò che riflette se stessa. Questa è l'idea centrale. 

Da dove viene il finanziamento?
I soldi per il film provengono da una compagnia di aromaterapia taiwanese. Avevano notato il mio lavoro cinque anni fa in una mostra al MOCA di Taipei. Mi hanno chiesto di girare un film aziendale, il film di danza Immortelle, che è stato proiettato all'IFFR nel 2013. Mi hanno dato 300.000 € distribuiti in tre anni per realizzare questo film. Quindi abbiamo dovuto realizzarlo in tre fasi: scene a Taipei, ad Amsterdam, e riprese sull'aereo e al tavolo dei miei genitori. Girando per così tanto tempo, l'unico personaggio che era sempre presente ero io. Quindi da un punto di vista pratico, aveva senso che interpretassi io l'artista. Ho deciso di rimanere molto vicino a me stesso e alla mia vita, per assicurarmi che tutti i dettagli avessero un senso. 

Dirigere me stesso è stato difficile, specialmente le scene senza un antagonista. Volevo fare un take per vedere come sembravo in diverse pose. Quando pensavo di avere un aspetto neutro, ero davvero scontroso. Mi ci sono voluti alcuni giorni per conoscermi. Fortunatamente, ho avuto il supporto di alcuni attori molto esperti e la presenza del mio cameraman, Morgan Knibbe, che è anche un regista eccezionale. 

Può dirci qualcosa in più del coinvolgimento di Knibbe?
Morgan ha filmato praticamente tutto, tranne le scene sull'aereo e nella casa dei genitori. Gli ho chiesto di lavorare con me dopo aver visto il suo documentario Those Who Feel the Fire Burning. Ha questo fantastico modo di pensare visivo, quindi volevo vedere se avremmo potuto girare questo film in modo investigativo e se la nostra cooperazione avrebbe portato a qualcosa di completamente nuovo. Durante le riprese, abbiamo spesso provato nuove cose, senza sapere come sarebbero andate a finire. È fantastico che non abbia paura di sperimentare - alcuni cineasti temono per la loro reputazione quando una scena non è tecnicamente perfetta, il che può rendere le riprese davvero difficili.

Chi era il suo sound artist?
Era Taco Drijfhout, che ha collaborato a Those Who Feel the Fire Burning, e ha creato il paesaggio sonoro misterioso ed espansivo del mio film. Non era lì quando ho girato le scene a Taipei, così ci siamo tornati insieme sei mesi dopo. Abbiamo noleggiato delle biciclette e siamo andati in giro con il suo sistema di registrazione. Deve essere stato uno spettacolo strano: due uomini alti su piccole biciclette che portavano in giro questi lunghi bastoni. Abbiamo anche trascorso alcuni giorni nello studio del suono, registrando tutti i tipi di strumenti per la scena della parata. Fondamentalmente abbiamo creato la nostra libreria sonora cinese classica.

Cosa ci può dire della mostra basata sul film?
Il film non ha ancora trovato una distribuzione olandese, ma le opere d'arte che circondano il film saranno mostrate alla Flatland Gallery di Amsterdam. Questa è una strada che voglio percorrere. Poiché è sempre più difficile trovare una distribuzione nei cinema, voglio che il film faccia parte di un'opera d'arte più ampia: fotografie, installazioni, un sito web e così via. Ho fatto lo stesso con Full Contact [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e ho scoperto che aveva un impatto simile sul film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche