email print share on facebook share on twitter share on google+

VILNIUS 2018

Jens Assur • Regista

“La fiducia è parte essenziale della buona regia”

di 

- Una conversazione rivelatrice su Ravens, film d’esordio di Jens Assur, che si è aggiudicato il Premio Cineuropa a Vilnius

Jens Assur  • Regista

L’amore di Cineuropa per Ravens [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jens Assur
scheda film
]
sbocciò quando il film venne proiettato nella sezione Nuovi registi del Festival del cinema di San Sebastián. Continua ora al Vilnius Film Festival Kino Pavasaris, dove il Premio Cineuropa è stato assegnato al dramma familiare, atmosferico e universale, di Jens Assur. Ecco cosa il regista ha da dire sulle complessità e le sfide del suo riuscito film di debutto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è nato Ravens? È ispirato a eventi reali?
Jens Assur: Dopo due decenni come fotoreporter e poi come sceneggiatore e regista di quattro cortometraggi acclamati dalla critica, mi sentivo pronto per sviluppare il mio primo lungometraggio. Stavo studiando e sviluppando diverse idee contemporaneamente. Cercavo un progetto in cui potessi sfidare il pubblico in termini di contenuto e stile visivo. Ravens è basato su un libro che ho interpretato a modo mio. Ho cambiato i personaggi principali e modificato la struttura, ma sono rimasto molto fedele al tema intellettuale.

Indipendentemente da quanto siano convincenti nei loro ruoli, Reine Brynolfsson e Jacob Nordström hanno background di recitazione molto diversi. Ha usato approcci diversi per i due attori?
Reine ha avuto un ruolo da protagonista nel mio primo cortometraggio, The Last Dog in Rwanda, e so da quell'esperienza che è un attore molto devoto e talentuoso. Oserei dire che è della stessa stoffa di alcuni dei più grandi, come Hoffman e Brando. Un anno prima delle riprese, abbiamo iniziato a sviluppare il personaggio insieme. Anche se la parte più impegnativa di Agne è la sua vita interiore e la sua lotta, abbiamo messo un grande impegno anche nell'aspetto fisico di Reine. Ad esempio, è stato sottoposto a una dieta e a un programma di allenamento molto rigorosi. Tutto questo per permettergli di entrare nel personaggio e alla fine diventare Agne, il laborioso agricoltore.

Il personaggio di Klas doveva essere interpretato da un attore non professionista, ed era importante per me cercarlo nella Svezia rurale per trovare un ragazzo credibile e autentico. Cercavo anche qualcuno che fosse sensibile e intelligente, qualcuno che potesse prendere la direzione giusta. Anche Jacob ha fatto un ottimo lavoro ed è stato molto piacevole lavorare con lui. La mia visione come regista è di essere molto onesto, aperto e diretto. Ciò è possibile solo attraverso una forma aperta di comunicazione e fiducia. Credo che la fiducia sia la parte più essenziale della buona regia.

La fattoria sembra essere un personaggio centrale nel suo film. È stato difficile trovarla? Che cosa cercava in realtà?
Ha assolutamente ragione. Ho sempre descritto la fattoria come uno dei personaggi vitali. Ho cercato la fattoria in tutta la Svezia. Prima di tutto, la sfida principale era trovare una piccola fattoria che fosse gestita come negli anni '70, ben conservata ma anche funzionante e ben tenuta. La seconda sfida consisteva nel trovare un luogo senza alcuna bellezza o rilievo ovvi, un luogo molto pratico e poco attraente. In terzo luogo, non volevo una tipica fattoria svedese, ma piuttosto qualcosa di non identificabile in termini di geografia e origine.

Ravens parla della durezza e persino della crudeltà della natura. Il tempo è stato un problema durante le riprese?
Adoro lavorare in loco. Dà agli attori e a me uno spazio autentico in cui lavorare. Dal mio punto di vista, le stagioni, la natura e il tempo aggiungono una dimensione molto importante a un film. È molto gratificante lavorare in loco, ma è altrettanto duro e difficile lavorare a meno dieci gradi e con la pioggia battente. È estenuante sia fisicamente che mentalmente per tutti.

C'è qualcosa che nessuno le ha chiesto riguardo a Ravens e che vorrebbe dire ai fan del film?
Ci sono due personaggi principali in Ravens, Agne e Klas. Ma in sostanza, sono la stessa persona. Agne era Klas da giovane, e Klas un giorno diventerà Agne. Ecco perché il film si conclude con Klas al tavolo della cucina, mentre raccoglie le forze per cominciare a lavorare, così come inizia con Agne che si sta riprendendo dal duro lavoro in fattoria. È tutto circolare, proprio come l'anno agricolo del film che inizia con la primavera e termina un anno dopo.

Sta sviluppando un nuovo film? Può dirci di cosa si tratta?
Ho appena iniziato a delineare un nuovo script. Sarà un dramma internazionale. Dovrò trascorrere il prossimo mese a fare ricerche e a sviluppare la storia prima di poterle dire di più.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche