email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2018 Fuori concorso

Terry Gilliam • Regista

“Sognare il mondo può essere più interessante”

di 

- CANNES 2018: Terry Gilliam ha parlato con noi delle controversie che hanno accompagnato il suo attesissimo The Man Who Killed Don Quixote, che ha chiuso Cannes quest’anno

Terry Gilliam • Regista
(© M. Petit / FDC)

Dopo 25 anni di gestazione, The Man Who Killed Don Quixote [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Terry Gilliam
scheda film
]
è stato finalmente presentato al mondo in chiusura del Festival di Cannes. Il film è arrivato a sulla Croisette circondato dalle polemiche, poiché il produttore Paulo Branco ha intrapreso un’azione legale per cercare di impedire che il film venisse mostrato. La proiezione stampa del film a Cannes è stata preceduta da un cartello sullo schermo in cui si specificava che la proiezione non avrebbe pregiudicato in alcun modo il caso. Il regista Terry Gilliam ha discusso con noi della questione, confermando il fatto che The Man Who Killed Don Quixote sarà ricordato per la sua problematica storia produttiva.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Che cosa è andato storto con Paulo?
Terry Gilliam:
Niente è andato storto con Paulo. Avevamo bisogno di un tot di denaro per fare il film, e lui non ne ha raccolto neanche la metà. Come la mettiamo? Peggio ancora, per contratto, doveva mostrarmi un budget, doveva mostrarmi tutti gli accordi finanziari, e si è rifiutato di farlo. Alla fine, ha detto che dovevo firmare una nuova dichiarazione – o la firmavo o avrebbe chiuso il film – che diceva che avrebbe preso tutte le decisioni e che avrei dovuto seguire ogni decisione presa. Mi ha dato 24 ore per firmare, e non l'ho fatto, così ha staccato la spina. Boom. Molto semplice.

Ma dice di avere ancora i diritti del film…
Può dire quello che vuole. Può dire di essere alto due metri; può dire di essere biondo e bello; può dire di avere 23 anni. Può mentire, e lo sa fare molto bene. 

Perché il romanzo è rimasto con lei tutto questo tempo?
E’ un romanzo impossibile – va avanti all’infinito. Il romanzo è straordinario, ed è irrealizzabile. La cosa fantastica sono i personaggi: Chisciotte e Sancho, e penso che ognuno su questo pianeta sia un po’ Sancho e un po’ Chisciotte, tutto dipende da chi vince. 

Il romanzo parla di cavalleria, sogni e realtà; come si adatta alla sua prospettiva?
Alcune persone hanno un'idea romantica di ciò che dovrebbe essere la vita. Io sono un romantico. Non voglio limitarmi al modo in cui il mondo è veramente. Sognare il mondo può essere più interessante. 

In che modo il processo di produzione di 25 anni ha influenzato il film?
Questo film si è fatto da solo, e tutti i problemi hanno portato al film come è oggi. È molto diverso da quello cominciato 25 anni fa, ed è molto meglio del mio progetto originale, quindi grazie a Dio ho fallito e il film è riuscito.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche