email print share on facebook share on twitter share on google+

KRAKOW 2018

Zosya Rodkevich • Regista

“Volevamo raccontare questa storia dall'interno”

di 

- Abbiamo parlato con Zosya Rodkevich, una delle registe di White Mama, proiettato a Cracovia, della realizzazione del film e di dove sono ora i protagonisti

Zosya Rodkevich • Regista
(© Krakow Film Festival/Tomasz Korczyński)

White Mama [+leggi anche:
recensione
intervista: Zosya Rodkevich
scheda film
]
delle filmmaker russe Zosya Rodkevich e Evgenia Ostanina ha avuto la sua prima mondiale al Festival di Cracovia, nella competizione documentari. Cineuropa ha parlato con Rodkevich della realizzazione del film.

Cineuropa: Come vi siete imbattute in questa storia?
Zosya Rodkevich:
 Nel 2013, Evgenia Ostanina ed io abbiamo cominciato a lavorare al documentario per il web Realnost Project, in cui alcune persone filmavano le loro vite con piccole Handycam, e Alina è una di quelle che si sono presentate al casting.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come avete girato il film? La videocamera è sempre presente nella casa e segue i protagonisti.
Sono stata con loro per sei giorni alla settimana per sette mesi. E il resto del tempo, quando non ero con loro, si sono ripresi da soli. Il mio obiettivo era emulare la "selfie camera" perché volevamo raccontare questa storia dall'interno, come se non ci fosse un intruso con una videocamera, come se avessero girato tutto da soli. Non è stato molto facile a volte. 

Qual è stata la più grande sfida produttiva?
Era difficile costruire un rapporto con ogni membro della famiglia, ma Alina mi ha aiutato molto. Durante la produzione, la sfida consisteva nel guardare tutto il materiale perché avevamo circa 400 ore di girato. Era tutto molto espressivo e interessante, quindi è stato difficile scegliere i pezzi migliori e metterli insieme.

Che cosa fa Daniil ora?
Alina è riuscita a integrare Daniil nella sua famiglia. Ora è più calmo, va a scuola e ha i suoi amici.

A cosa sta lavorando ora?
Sto progettando un film su Gleb Astafev, un "artist-actionist" di 17 anni della Siberia. La mia idea è di filmarlo per diversi anni, proprio come Helena Treštikova fa con i protagonisti dei suoi documentari.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche