email print share on facebook share on twitter share on google+

KARLOVY VARY 2018 East of the West

Tonia Mishiali • Regista

“È un film visto attraverso il prisma della complessa e affascinante natura femminile”

di 

- KARLOVY VARY 2018: Abbiamo parlato con Tonia Mishiali dell’importanza della storia che racconta in Pause e dell’impatto che potrebbe avere sulla società di Cipro e all’estero

Tonia Mishiali  • Regista

La regista-sceneggiatrice-produttrice cipriota Tonia Mishiali vanta già una lunga e impressionante carriera nei festival grazie ai suoi cortometraggi. Il suo film d'esordio, Pause [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tonia Mishiali
scheda film
]
, racconta la storia di una casalinga di mezza età, Elpida, intrappolata in un matrimonio turbolento e senza amore. Il film ha partecipato alla competizione East of the West del 53° Festival di Karlovy Vary. Abbiamo parlato con Mishiali dell'importanza della sua storia e dell'impatto che potrebbe avere sulla società di Cipro e all'estero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Digital Production Challenge - DPC II 1 Internal

Cineuropa: Perché ha scelto la storia di Elpida per il suo primo lungometraggio?
Tonia Mishiali:
Sono sempre stata sensibile ai problemi e all'uguaglianza delle donne, e sono particolarmente interessata a esplorare relazioni matrimoniali in disfacimento. Pertanto, affrontare questo argomento nel mio esordio mi sembrava giusto perché era anche molto personale. Mi sono ispirata a immagini che mi sono state impresse nella mente ed eventi che ho vissuto crescendo a Cipro, una società patriarcale, osservando le donne della mia famiglia e le donne intorno a me che vivono in disparte. Di conseguenza, volevo realizzare un film che fosse visto attraverso il prisma della complessa e affascinante natura femminile. Pause è un film sulla perdita della propria voce, sulla mancanza di amore e sui desideri inestinguibili. Poiché le donne nel cinema sono solitamente travisate, volevo che il film descrivesse un personaggio femminile che è molto reale. Pertanto, la vita di Elpida è importante per me.

Crede che Pause avrà un effetto sul pubblico di Cipro? Vi vedranno frammenti delle loro stesse vite?
Lo spero vivamente. Pause è una storia ammonitrice su una donna in trappola, ma senza il coraggio di salvarsi. Questo è così vero oggi. Migliaia di donne in tutto il mondo vivono ancora in situazioni simili a quelle di Elpida, incapaci di trovare la propria voce e di lottare per i propri diritti. Spero quindi che il film parli a loro, le faccia immergere nella "realtà" di Elpida e sperimentare il suo mondo interiore e il suo stato emotivo profondo. Ed entrando in empatia con lei e osservando il suo viaggio, spero che trovino il coraggio di ribellarsi, a differenza di Elpida.

Pensa che Pause interesserà soprattutto le società patriarcali, o potrebbe avere un impatto più ampio?
Prima della première mondiale del film, non ero sicura di come sarebbe stato percepito e in che misura ogni gruppo o società sarebbe stato interessato. So che Pause è un film che non tutti sono pronti ad accettare. Ma ero sicura che questa fosse la storia che volevo raccontare, era un rischio che dovevo correre. Il pubblico è così abituato a guardare film da una prospettiva maschile che mi aspettavo ogni tipo di obiezione da parte di spettatori sia maschili che femminili. Ma dopo le proiezioni a Karlovy Vary, sono stata felice di vedere che il film ha avuto un grande impatto su entrambi i sessi e il mio obiettivo principale è stato raggiunto: Elpida è riuscita a entrare nella pelle del pubblico.

Quanto è stato difficile girare e produrre un film del genere a Cipro? Veniva generalmente accettato e approvato?
Il film ha avuto il finanziamento dal ministero della Cultura di Cipro, dal Centro della cinematografia greco e dal SEE Cinema Network senza troppe difficoltà. Ma il budget era molto basso, quindi non so se avremmo ricevuto un finanziamento più alto se il film avesse affrontato un argomento diverso. Produrre il film a Cipro non è stato difficile in questo senso. La nuova generazione non è così tradizionale, e il mondo del cinema comprende un numero significativo di professioniste donne.

Quanto è importante lanciare un film come questo nel bel mezzo delle discussioni sul tema della parità di genere nel settore audiovisivo, e in altri settori? Pensa che questo influenzi la prospettiva del pubblico sul film?
L'importante è che questa storia centrata sulla donna, raccontata da un punto di vista completamente femminile, sia là fuori ora. E tratta di un tema che raramente si vede nei film, in quanto affronta le questioni del patriarcato dal punto di vista di una donna (sia davanti che dietro la cinepresa). È il momento giusto? Non sta a me dirlo. Ho raccontato la storia che volevo raccontare quando mi è sembrato giusto.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche